Come condurre la guerra finanziaria contro l’economia russa

sanzioni e guerra economica contro la Russia sanzioni e guerra economica contro la Russia

La guerra in Ucraina si svolge sul campo di battaglia ma anche a livello globale, e quest’ultimo teatro potrebbe essere il più decisivo. È lì, sul terreno finanziario e commerciale dove sono state dispiegate le sanzioni dell’Occidente, che lo sforzo di sovvertire l’economia russa potrebbe alla fine fare di più per porre fine alla guerra di qualsiasi nuovo sistema d’arma o nuova conquista lungo le circa 600 miglia di linea del fronte.

Come le speranze che la controffensiva estiva dell’Ucraina avrebbe rapidamente distrutto le difese russe, le previsioni che il Cremlino sarebbe stato presto messo in ginocchio dalle ampie sanzioni dell’Occidente si sono rivelate troppo ottimistiche. Finora, le truppe russe, trincerate dietro alcuni dei campi minati più fitti del mondo, hanno resistito. Per la maggior parte, lo stesso vale per l’economia russa, sostenuta da profonde riserve di risorse naturali.

In entrambi i casi, però, le crepe nelle difese di Mosca sono evidenti e, soprattutto nel caso dell’economia russa, si stanno allargando. Ora, ci sono punti critici in cui gli Stati Uniti e l’Europa possono esercitare una maggiore pressione.

I più promettenti riguardano il settore energetico, le cui entrate rappresentano la maggior parte dei proventi delle esportazioni del Cremlino e una fetta considerevole del bilancio federale e della produzione economica lorda.

Nei mesi successivi al lancio della rovinosa invasione su larga scala da parte del presidente russo Vladimir Putin, l’anno scorso, gli alti prezzi del greggio hanno rappresentato una rete di sicurezza per l’economia russa nel suo complesso. Quest’anno, a seguito di una serie di sanzioni occidentali, si stima che le entrate derivanti dal petrolio e dal gas si siano dimezzate, con un costo per la Russia di circa 150 miliardi di dollari.

Oltre alla fuga di capitali, la perdita di entrate ha causato un costante declino del rublo, che nell’ultimo anno ha perso più di un terzo del suo valore rispetto al dollaro. La banca centrale ha risposto con forti aumenti dei tassi d’interesse, allo scopo di stabilizzare la valuta. I russi comuni, che il Cremlino ha cercato di proteggere dalle conseguenze dirette della guerra, iniziano a sentirne il peso.

Gran parte della pressione sulle esportazioni energetiche di Mosca è stata applicata da un tetto al prezzo del greggio russo fissato da Washington e dai suoi alleati europei. Il tetto, imposto a dicembre, funziona imponendo agli acquirenti che vogliono ancora comprare petrolio russo di non pagare più di 60 dollari al barile se utilizzano operatori di carico o assicuratori con sede nell’Unione Europea o in altri Paesi che hanno adottato le sanzioni. Questo prezzo è inferiore di circa un terzo a quello del Brent, il principale benchmark petrolifero mondiale.

Prevedibilmente, la Russia ha cercato di eludere il limite di prezzo, con crescente successo. In media, il prezzo del petrolio russo è salito ultimamente al di sopra del tetto di 60 dollari, pur rimanendo sostanzialmente inferiore al Brent. Il pericolo ora è che la Russia inizi a recuperare parte dei suoi introiti energetici, il che amplierebbe la sua capacità di condurre una guerra illegale e sanguinosa.

Un ampio gruppo di esperti organizzato dall’Università di Stanford, tra cui economisti e specialisti del settore energetico, ha proposto quello che potrebbe essere un piano praticabile per inasprire le sanzioni sull’energia. Le proposte del gruppo includono misure tecniche per impedire alla Russia di utilizzare le spedizioni via mare di greggio non soggette al limite – una “flotta ombra” non regolamentata di petroliere che trasporta circa un terzo del petrolio russo via mare. Forse la misura più dura per mettere alle strette la Russia sarebbe quella di abbassare gradualmente il tetto del prezzo del petrolio, eventualmente anche della metà.

Questa mossa è stata sollecitata per mesi ma contrastata da alcuni governi occidentali. Il timore è che la Russia possa reagire, magari riducendo le spedizioni di petrolio o interrompendole del tutto, innescando una crisi energetica globale. Questi timori sono esagerati.

Innanzitutto, la maggior parte degli economisti stima che i costi di produzione del greggio russo siano solo una frazione del prezzo massimo di 60 dollari al barile, forse 15 dollari o meno. Ciò significa che il Cremlino si assicurerebbe comunque un profitto se l’Occidente e i suoi alleati abbassassero il tetto massimo, un guadagno a cui difficilmente rinuncerebbe in presenza di una serie di altre sfide economiche.

Inoltre, un tentativo di ritorsione da parte della Russia con uno shock petrolifero potrebbe avere l’impatto più devastante nei Paesi del Sud globale, ai quali si è rivolta per ottenere sostegno diplomatico mentre la guerra si trascinava. È improbabile che Mosca rischi di vanificare questi sforzi con un taglio profondo delle esportazioni di petrolio, che farebbe salire i prezzi dell’energia proprio nei Paesi che ha corteggiato così assiduamente.

Inoltre, Mosca probabilmente non otterrebbe l’effetto desiderato se tagliasse le esportazioni di petrolio, così come il taglio delle esportazioni di gas verso l’Europa nei mesi successivi all’invasione dello scorso anno non è riuscito a indebolire la rigida posizione antibellica adottata da quasi tutti i Paesi del continente.

Nessun regime di sanzioni è a prova di bomba. Le sanzioni occidentali contro la Russia comporteranno inevitabilmente un gioco al gatto e al topo di applicazione ed elusione. Senza dubbio, però, l’economia russa è stata indebolita e si trova oggi in condizioni molto più fragili rispetto a quelle in cui si troverebbe se le sanzioni non fossero state imposte. E quanto più a lungo l’Occidente le manterrà, tanto più dolorose saranno le sanzioni per la Russia e per i russi comuni, il cui calo di sostegno alla guerra potrebbe costringere Putin a rivedere la sua fantasia di rinascita imperiale.