guerra a gaza mette a rischio egitto

La guerra a Gaza ha trasformato la Palestina in un potenziale e pericoloso innesco per la crescente frustrazione e il malcontento che vivono le popolazioni nelle autocrazie arabe come Egitto, Giordania, Tunisia, Algeria e Marocco.

Preoccupati che la guerra possa mobilitare segmenti della società civile, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, dove è vietata qualsiasi forma di protesta pubblica, hanno dato un giro di vite alle espressioni di solidarietà con Gaza, compreso lo sfoggio di kefiah, la sciarpa a scacchi che simboleggia il nazionalismo palestinese.

A dicembre, gli attivisti filo-palestinesi presenti al vertice sul clima COP28 a Dubai hanno dovuto affrontare restrizioni senza precedenti, tra cui il divieto di esibire bandiere e di nominare esplicitamente la Palestina nelle conferenze stampa, nonché il controllo dei loro slogan.

A gennaio, il Red Sea Film Festival di Gedda, il più grande evento cinematografico del Medio Oriente e del Nord Africa, ha accolto il cinema palestinese ma ha vietato ai partecipanti di indossare la kefiah.

Come nella seconda metà del XX secolo, le proteste in Medio Oriente, al di là del Golfo, a sostegno dei palestinesi e contro l’assalto di Israele a Gaza, riguardano tanto la guerra quanto la rabbia per i risultati economici vacillanti dei governi.

La rabbia è più acuta che mai in Egitto, dove questa settimana la valuta del Paese è scivolata bruscamente rispetto al dollaro USA dopo che la banca centrale ha aumentato il tasso di interesse principale di 600 punti base, portandolo al 27,75%, e ha dichiarato che avrebbe permesso al tasso di cambio della valuta di essere fissato dalle forze di mercato. Si è trattato della quinta svalutazione della sterlina egiziana in due anni.

Colpito duramente dalle guerre a Gaza e in Ucraina, il governo si aspettava che le misure avrebbero frenato il tasso d’inflazione egiziano pari al 31%, attirato gli investimenti stranieri di cui ha disperatamente bisogno e affrontato la sconcertante carenza di valuta estera.

L’Egitto ha sofferto per la perdita di turismo, per la significativa riduzione dei ricavi del trasporto marittimo nel Canale di Suez a causa degli attacchi degli Houthi yemeniti alle navi commerciali nel Mar Rosso, per l’aumento dei prezzi del grano sulla scia della guerra in Ucraina e per la cattiva gestione economica, compresi gli investimenti in megaprogetti come la nuova capitale del deserto da 58 miliardi di dollari e la concessione alle imprese di proprietà militare di un trattamento preferenziale e di una partecipazione eccessiva nell’economia.

La fluttuazione della sterlina ha garantito un’espansione da 3 a 8 miliardi di dollari del prestito di salvataggio del Fondo Monetario Internazionale per l’Egitto, rendendo il Paese nordafricano uno dei maggiori mutuatari del FMI.

L’accordo con il FMI ha consolidato un recente accordo con gli Emirati Arabi Uniti per lo sviluppo di un tratto privilegiato della costa mediterranea egiziana con un investimento di 35 miliardi di dollari nei prossimi due mesi.

L’Egitto manterrà una quota del 35% nello sviluppo e il Gruppo Talaat Moustafa, un conglomerato edile coinvolto nella costruzione della nuova capitale, sarà uno dei beneficiari.

Sebbene non sia stato annunciato ufficialmente, fonti ben informate hanno affermato che l’accordo è subordinato al raggiungimento di un accordo con il Fondo Monetario Internazionale.

Negli ultimi anni gli Stati del Golfo, compresi gli Emirati Arabi Uniti, hanno rinunciato a pompare fondi nei buchi neri. Al contrario, hanno sempre più legato gli investimenti in Paesi come l’Egitto e il Pakistan alle riforme economiche e alle prospettive di ritorno sugli investimenti.

Gli Emirati Arabi Uniti sono stati i pionieri di questo approccio quando hanno dislocato un ministro del governo al Cairo subito dopo il colpo di Stato sostenuto dagli Emirati Arabi Abdel Fattah Al-Sisi, che ha rovesciato il primo e unico presidente democraticamente eletto dell’Egitto. Il funzionario degli Emirati Arabi Uniti ha cercato di spingere Al-Sisi verso le riforme economiche.

“Lavoriamo con il Fondo Monetario Internazionale e secondo le sue regole. I giorni dell’assistenza incondizionata sono finiti”, ha dichiarato l’anno scorso il ministro delle Finanze saudita Mohammed al-Jadaan a una conferenza sugli investimenti.

La settimana scorsa, il poliziotto 45enne Abdel-Gawad Muhammad al-Sahlamy era solo quando ha inscenato una protesta individuale sventolando una bandiera palestinese in cima a un cartellone pubblicitario nella città portuale di Alessandria, ma è probabile che molti egiziani fossero con lui nello spirito.

Molti sono arrabbiati per il fatto che il valico di frontiera egiziano di Rafah verso Gaza rimanga chiuso, nonostante le immagini di migliaia di gazesi in fin di vita e dell’imminente carestia. A ottobre, il governo ha cercato di prevenire le potenziali proteste organizzando manifestazioni pro-palestinesi.

Al-Sisi ritiene che gli attivisti filo-palestinesi, ai quali era stato permesso di organizzare proteste sotto l’ex presidente Hosni Mubarak, nel 2011 abbiano spostato la loro attenzione sul suo regime e alla fine lo abbiano rovesciato durante le rivolte popolari arabe. Le rivolte hanno portato anche alla caduta di governanti autocratici in Tunisia, Libia e Yemen e hanno scatenato dimostrazioni di massa contro il governo in altre parti del Medio Oriente.

Certo, l’Egitto teme che la distruzione di Gaza da parte di Israele sia un tentativo di liberare la Striscia dalla sua popolazione, inducendo i gazesi a fuggire in Egitto. I funzionari del Cairo temono anche che agenti di Hamas possano infiltrarsi nella penisola del Sinai, dove l’esercito sta combattendo un’insurrezione di basso livello. Il governo di Al-Sisi è diffidente nei confronti di Hamas a causa dei suoi legami con i Fratelli Musulmani.

Tuttavia, molti egiziani non sopportano gli stretti legami di sicurezza del governo con Israele e il suo sostegno al blocco israeliano di Gaza, che dura da 17 anni e che è stato inasprito dopo la guerra.

Il risentimento degli egiziani è aggravato dalle notizie secondo cui funzionari corrotti del governo egiziano, legati ai servizi segreti del Paese, e un uomo d’affari ben collegato, originario del Sinai, fanno pagare fino a 7.500 dollari a persona per i permessi di viaggio da Gaza all’Egitto.

Al-Sahlamy ha gridato “Dio è grande” e ha denunciato Al-Sisi come “traditore e agente” prima di essere arrestato dalle forze di sicurezza. La Rete egiziana per i diritti umani (ENHR) ha dichiarato che di Al-Sahlamy non si hanno più notizie.

La rete ha citato un amico di Al-Sahlamy che ha detto che stava “crollando” a causa della guerra, che ha descritto come “ingiustizia”. Al-Sahlamy ha chiesto che “le frontiere (egiziane) con Gaza vengano aperte” per permettere ai gazesi di sfuggire alla carneficina, ha dichiarato l’amico del poliziotto.

Il programma di austerità del FMI potrebbe spingere gli egiziani in difficoltà a un livello di indigenza che non si vedeva dai tempi delle rivolte per il pane del 1977, nonostante il governo insista nel dire che metterà in atto misure di protezione sociale per proteggere i più vulnerabili.

L’aumento del costo dei beni di prima necessità ha aggravato le difficoltà degli egiziani della classe media e bassa. Questi ultimi hanno sofferto per l’aumento dei prezzi da quando, nel 2016, il governo ha avviato un ambizioso programma di riforme per rivedere l’economia martoriata. Secondo i dati ufficiali, quasi il 30% degli egiziani vive in povertà.

Per ora, gli egiziani, come altri nel mondo arabo, temono che le rivolte non farebbero altro che aumentare il caos che già attanaglia la loro parte di mondo.

Nel caso dell’Egitto, “la questione del futuro di Sisi si porrà quando i cittadini egiziani decideranno che non hanno più nulla da perdere”, ha affermato il giornalista israeliano e analista del Medio Oriente Zvi Bar’el.

Lo stesso vale per gran parte del Medio Oriente al di là del Golfo, con la diffusa frustrazione dell’opinione pubblica per l’incapacità o la non volontà degli Stati arabi di alleviare le sofferenze dei palestinesi.