Alexandria Ocasio-Cortez attaccata da manifestanti di sinistra

Manifestanti di estrema sinistra e filo-palestinesi hanno avvicinato la deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez mentre usciva da un cinema di Brooklyn, chiedendole di bollare come “genocidio” la guerra di Israele contro Hamas a Gaza.

Il filmato mostra Ocasio-Cortez che dice con rabbia alla manciata di disturbatori che in effetti l’ha fatto, anche se non è chiaro quando. In un’intervista di fine gennaio, si è spinta fino a dire che un numero crescente di americani ritiene che il termine descriva accuratamente la situazione a Gaza e che non dovrebbe essere ignorato.

L’incidente di lunedì è sembrato evidenziare la natura radicale di molti manifestanti anti-Israele negli Stati Uniti, che si stanno rivoltando contro alcuni dei membri più progressisti del Congresso, compresi quelli che, come Ocasio-Cortez, hanno criticato molto apertamente Israele e sostenuto la causa palestinese.

“Ti rifiuti di chiamarlo genocidio”, si sente uno dei manifestanti gridare a Ocasio-Cortez mentre lascia il teatro. “Non va bene che ci sia un genocidio e che tu non ti opponga attivamente”.

“Stai mentendo!” Ocasio-Cortez risponde con un urlo, aggiungendo poi di non volersi confrontare con chi la sta riprendendo perché è convinta che pubblicheranno solo in parte la sua risposta e toglieranno dal contesto le sue osservazioni.

“Ho già detto che lo era. E voi farete finta che non sia così. Ancora e ancora. È una cosa fottuta, amico. E non state aiutando queste persone”, ha detto Ocasio-Cortez mentre si allontanava.