Dal Libano al Mar Rosso, si profila un conflitto più ampio con l’Iran

Con i suoi proxy che attaccano da molti punti di vista e il suo programma nucleare improvvisamente rilanciato, l'Iran sta ponendo una nuova sfida all'Occidente, questa volta con la Russia e la Cina dalla sua parte.
Guerra con l'Iran

L’estate scorsa il Presidente Biden e i suoi principali collaboratori per la sicurezza nazionale ritenevano che le possibilità di un conflitto con l’Iran e i suoi proxy fossero ben contenute.

Dopo colloqui segreti, avevano appena concluso un accordo che ha portato al rilascio di cinque americani imprigionati in cambio di 6 miliardi di dollari di fondi iraniani congelati e di alcuni prigionieri iraniani. I militanti che Teheran finanzia e arma – Hamas nei territori palestinesi, Hezbollah in Libano e gli Houthi nello Yemen – sembravano relativamente tranquilli. L’Iran ha persino rallentato l’arricchimento dell’uranio nei suoi siti nucleari sotterranei, ritardando i suoi progressi verso la realizzazione di un’arma.

L’invasione di Israele da parte di Hamas il 7 ottobre e la dura risposta dello Stato Ebraico hanno cambiato tutto questo. Ora i funzionari americani e israeliani, e una dozzina di Paesi che lavorano di concerto per mantenere il commercio nel Mar Rosso, stanno affrontando un Iran nuovamente aggressivo. Dopo aver lanciato decine di attacchi, dal Libano al Mar Rosso all’Iraq, i gruppi per procura sono entrati in conflitto diretto con le forze statunitensi due volte nell’ultima settimana e Washington minaccia apertamente attacchi aerei se la violenza non si dovesse placare.

Nel frattempo, anche se poco discusso dall’amministrazione Biden, il programma nucleare iraniano è stato improvvisamente messo sotto steroidi. Gli ispettori internazionali hanno annunciato a fine dicembre che l’Iran ha iniziato a triplicare l’arricchimento di uranio a livello “quasi bomba”. Secondo le stime più approssimative, l’Iran dispone ora del combustibile per almeno tre armi atomiche e i funzionari dell’intelligence americana ritengono che l’arricchimento aggiuntivo necessario per trasformare tale combustibile in materiale di grado bomba richiederebbe solo poche settimane.

“Siamo tornati al punto di partenza”, ha dichiarato la scorsa settimana Nicolas de Rivière, un diplomatico francese di alto livello profondamente coinvolto nei negoziati per l’accordo sul nucleare iraniano del 2015.

Nel complesso, la dinamica con l’Iran è più complessa che mai dal sequestro dell’ambasciata americana nel 1979, dopo il rovesciamento dello scià. I funzionari dei servizi segreti americani ed europei affermano di non credere che gli iraniani vogliano un conflitto diretto con gli Stati Uniti o con Israele, che sospettano non avrebbe una buona fine. Ma sembrano più che disposti a spingersi oltre, consentendo attacchi, coordinando gli obiettivi delle basi americane e delle navi che trasportano merci e carburante, e spingendosi fino al limite, ancora una volta, della capacità di usare armi nucleari.

Alla complessità del problema si aggiunge la portata sempre più ampia degli aiuti dell’Iran alla Russia. Quello che era iniziato come uno stillicidio di droni Shahed venduti alla Russia per essere utilizzati contro l’Ucraina si è trasformato in un’inondazione. E ora i funzionari dell’intelligence americana ritengono che, nonostante gli avvertimenti, l’Iran si stia preparando a spedire missili a corto raggio da usare contro l’Ucraina, proprio mentre Kiev è a corto di difesa aerea e di proiettili d’artiglieria.

È il riflesso di una dinamica di potere fortemente modificata: Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, l’Iran non si trova più isolato. Si trova improvvisamente in una sorta di alleanza con Mosca e con la Cina, due membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che, in un’epoca passata, avevano sostenuto Washington nel tentativo di limitare il programma nucleare iraniano. Ora, quell’accordo è morto, chiuso dall’ex presidente Donald J. Trump cinque anni fa, e all’improvviso l’Iran ha due superpotenze non solo come alleati, ma anche come clienti che infrangono le sanzioni.

“Vedo l’Iran ben posizionato e ha messo in scacco gli Stati Uniti e i loro interessi nel Medio Oriente”, ha dichiarato Sanam Vakil, direttore del programma Medio Oriente e Nord Africa di Chatham House. “L’Iran è attivo su tutti i confini, resistente a qualsiasi tipo di cambiamento dall’interno, mentre arricchisce l’uranio a livelli molto allarmanti”.

Un accordo tranquillo finito male

Biden è entrato in carica con l’intento di rilanciare l’accordo sul nucleare iraniano del 2015, che ha contenuto il programma nucleare di Teheran per tre anni fino al ritiro di Trump nel 2018. Dopo oltre un anno di negoziati, nell’estate del 2022 è stato raggiunto un accordo per ripristinare gran parte dell’accordo. Avrebbe richiesto all’Iran di spedire fuori dal Paese il combustibile nucleare appena prodotto, proprio come aveva fatto nel 2015.

Ma lo sforzo è fallito.

L’anno successivo, l’Iran ha accelerato il suo programma nucleare, arricchendo per la prima volta l’uranio al 60% di purezza, poco meno del 90% necessario per produrre armi. È stata una mossa calcolata per dimostrare agli Stati Uniti che Teheran era a pochi passi da una bomba – ma senza superare il limite, per evitare un attacco alle sue strutture nucleari.

Nell’estate del 2023, tuttavia, Brett McGurk, coordinatore di Biden per il Medio Oriente, mise insieme in silenzio due accordi separati. Il primo prevedeva il rilascio dei cinque prigionieri americani in cambio di diversi iraniani imprigionati e il trasferimento di 6 miliardi di dollari in beni iraniani dalla Corea del Sud a un conto in Qatar per scopi umanitari.

Ma il secondo accordo – che Biden non voleva fosse rivelato – era un accordo non scritto in base al quale l’Iran avrebbe limitato l’arricchimento nucleare e tenuto sotto controllo le forze per procura. Solo allora, è stato detto agli iraniani, si sarebbe potuto discutere di un accordo più ampio.

Per alcuni mesi è sembrato funzionare. I proxy iraniani in Iraq o in Siria non hanno attaccato le forze americane, le navi hanno circolato liberamente nel Mar Rosso e gli ispettori hanno riferito che l’arricchimento era stato drasticamente rallentato.

Alcuni analisti sostengono che si sia trattato di una quiete temporanea e ingannevole. Suzanne Maloney, direttrice del programma di politica estera della Brookings Institution ed esperta di Iran, l’ha definita “un’Ave Maria che si sperava potesse preservare la calma nella regione fino alle elezioni”.

Attacchi da tutti i lati

I funzionari dell’intelligence americana affermano che l’Iran non ha istigato o approvato l’attacco di Hamas in Israele e probabilmente non ne è stato nemmeno informato. Hamas potrebbe aver temuto che la notizia dell’attacco trapelasse dall’Iran, data la profonda penetrazione dell’intelligence israeliana e occidentale nel Paese.

Ma non appena è iniziata la guerra contro Hamas, le forze per procura dell’Iran sono passate all’attacco. Tuttavia, vi erano indicazioni significative che l’Iran, alle prese con i propri problemi interni, volesse limitare il conflitto. All’inizio, il gabinetto di guerra israeliano ha discusso un attacco preventivo contro Hezbollah in Libano, dicendo agli americani che un attacco a Israele era imminente e faceva parte di un piano iraniano per attaccare Israele da tutti i lati.

Gli assistenti di Biden hanno ribattuto, sostenendo che la valutazione israeliana era sbagliata e hanno scoraggiato l’attacco israeliano. Ritengono di aver impedito – o almeno ritardato – una guerra più ampia.

Tuttavia, negli ultimi giorni è riemersa la minaccia di una guerra con Hezbollah. Il gruppo ha lanciato decine di razzi contro una postazione militare israeliana venerdì e sabato, in quella che ha definito una “risposta preliminare” all’uccisione, la settimana scorsa, di un alto dirigente di Hamas, Saleh al-Arouri, in Libano.

Alcuni membri del governo israeliano, come il ministro della Difesa Yoav Gallant, hanno avvertito che l’autocompiacimento sulle intenzioni di Hamas non dovrebbe essere replicato con Hezbollah, che si pensa abbia fino a 150.000 missili puntati su Israele e ha addestrato alcune delle sue truppe, la Forza Radwan, per un’invasione transfrontaliera.

Ma a Washington non ci si preoccupa tanto di un attacco di Hezbollah a Israele quanto di un attacco israeliano a Hezbollah. Gli Stati Uniti hanno detto a Israele che se Hezbollah dovesse oltrepassare il confine, Washington sosterrebbe Israele, ma non il contrario.

Finora Hezbollah sembra essere stato attento a non dare agli israeliani una scusa per un’operazione militare. Tuttavia, l’Iran ha costruito Hezbollah, la forza più potente in Libano, come protezione per se stesso, non per i palestinesi. Hezbollah è un deterrente contro qualsiasi attacco israeliano all’Iran, data la carneficina che le sue migliaia di missili potrebbero infliggere a Israele.

Questo è il motivo principale per cui l’Iran vuole tenere Hezbollah fuori dalla guerra di Gaza, ha dichiarato Meir Javedanfar, docente di Iran presso l’Università israeliana Reichman. Altrimenti, Israele potrebbe attaccare direttamente l’Iran, ha detto, notando che Naftali Bennett, ex primo ministro, ha a lungo spinto per tagliare “la testa della piovra, non solo le gambe”, come Hamas e Hezbollah.

“Vedo poco interesse nell’escalation iraniana in questa fase”, ha detto Maloney della Brookings Institution, “perché stanno raggiungendo la maggior parte dei loro interessi senza sforzo”.

Ma i funzionari americani affermano che l’Iran non ha il controllo operativo su molti dei suoi proxy e che l’intensità degli attacchi lontano dal confine tra Libano e Israele potrebbe essere la scintilla per un conflitto più ampio.

I proxy iraniani in Iraq e Siria hanno condotto più di 100 attacchi di questo tipo, che hanno attirato brevi contrattacchi quando hanno causato vittime americane. Giovedì, un attacco missilistico americano a Baghdad – un evento raro – ha ucciso Mushtaq Jawad Kazim al-Jawari, un vice comandante di una milizia sostenuta dall’Iran che era “attivamente coinvolto nella pianificazione e nell’esecuzione di attacchi contro il personale americano”, ha dichiarato il Pentagono.

Crisi nel Mar Rosso

La parte del conflitto con l’impatto globale più immediato si è concentrata nel Mar Rosso, dove le forze Houthi nello Yemen, utilizzando armi e intelligence iraniane, stanno prendendo di mira quelle che chiamano “navi israeliane”. In realtà, sembra che stiano prendendo di mira tutte le navi con missili a ricerca di calore che non sono in grado di discriminare tra i bersagli e le imbarcazioni veloci utilizzate per abbordare e prendere il controllo delle petroliere.

Quando la Marina statunitense è intervenuta per salvare una nave da carico Maersk sotto attacco lo scorso fine settimana, gli Houthi hanno aperto il fuoco contro gli elicotteri della Marina. I piloti della Marina hanno risposto al fuoco e hanno affondato tre delle quattro imbarcazioni Houthi, uccidendone 10, hanno riferito gli Houthi.

Maersk, uno dei più grandi spedizionieri del mondo, ha sospeso tutti i transiti attraverso il Mar Rosso “per il prossimo futuro”, il che significa che si sta spostando sul percorso più veloce tra Europa e Asia – il Canale di Suez. Le aziende di tutto il mondo, da Ikea a BP, stanno già avvertendo dei ritardi nella catena di approvvigionamento.

Washington ha messo insieme una coalizione di nazioni per difendere le navi, ma dipende fortemente dalla presenza navale americana. Finora Biden è stato riluttante ad attaccare gli Houthi in Yemen, ma sembra che le cose stiano cambiando, dicono i funzionari.

La scorsa settimana, gli Stati Uniti e 13 alleati hanno sottoscritto una dichiarazione che un funzionario dell’amministrazione ha definito un “ultimo avvertimento” agli Houthi affinché cessino “questi attacchi illegali e rilascino le navi e gli equipaggi detenuti illegalmente”. La dichiarazione non menzionava l’Iran.

Il Pentagono sta affinando i piani per colpire i siti di lancio degli Houthi nello Yemen e, secondo i funzionari, è probabile una sorta di assalto alle risorse degli Houthi nello Yemen non appena si verificherà un altro attacco, come avvertimento per cercare di ripristinare la deterrenza.

“A questo punto è necessaria una risposta militare significativa contro i ribelli Houthi, che in realtà sono pirati iraniani”, ha dichiarato James G. Stavridis, ammiraglio in pensione. “La nostra esperienza con i pirati somali, anni fa, dimostra che non ci si può limitare a giocare in difesa; bisogna scendere a terra per risolvere un problema come questo. Questo è l’unico modo per far arrivare all’Iran il messaggio”.

“L’idea che ci limiteremo a pattugliare il Mar Rosso, grande come la California, con una “mezza dozzina di auto della polizia – le nostre navi là fuori – non è realistica”, ha detto.

Biden deve affrontare scelte difficili. Si è ritirato dal Medio Oriente per concentrarsi sulla competizione e sulla dissuasione della Cina. Ora è stato risucchiato di nuovo.

“Gli Stati Uniti hanno costruito una matrice di deterrenza, segnalando di non essere interessati a una guerra regionale, ma di essere pronti a intervenire in risposta alle provocazioni dell’Iran”, ha dichiarato Hugh Lovatt, esperto di Medio Oriente dell’European Council on Foreign Relations. Ma la presenza di portaerei e truppe americane rende Washington più esposta. “Quindi questa matrice di deterrenza potrebbe essere un motore di escalation”.

Su tutti questi possibili conflitti incombe il futuro del programma nucleare iraniano, con il suo potenziale di confronto diretto con l’Occidente che si protrae da tempo.

Gli anni di negoziati diplomatici, le azioni segrete per disattivare le centrifughe nucleari iraniane e gli omicidi israeliani di scienziati iraniani si sono concentrati su un unico obiettivo: allungare il tempo necessario all’Iran per assemblare il combustibile per una bomba. Quando è stato raggiunto l’accordo del 2015, l’amministrazione Obama ha celebrato il suo più grande risultato: quella tempistica, sosteneva, era di oltre un anno.

Oggi, come ha osservato Rivière, ora ambasciatore francese alle Nazioni Unite, “stiamo parlando di un paio di settimane o poco più”, una situazione che negli anni precedenti avrebbe quasi certamente provocato una crisi. (Per trasformare il combustibile in una bomba funzionante, invece, ci vorrebbe probabilmente un anno o più, dando più tempo all’Occidente per reagire).

L’amministrazione Biden ha detto poco, ammettono i funzionari parlando in forma anonima, perché le sue opzioni sono così limitate. Con l’Iran che fornisce armi alla Russia e vende petrolio alla Cina, non c’è alcuna possibilità di un’azione del Consiglio di Sicurezza.

Inoltre, i collaboratori di Biden hanno rinunciato all’interesse di rilanciare l’accordo del 2015, perché è ormai superato. Come inizialmente negoziato, l’accordo consentirebbe all’Iran di produrre tutto il combustibile che desidera a partire dal 2030.

“L’Iran sta arricchendo perché può farlo”, ha detto Maloney. “Il loro obiettivo è sempre stato quello di aspettare le pressioni e darsi l’opzione di un programma di armi”. (NYT)

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

gravi violenze sessuali sulle ragazze ostaggio di hamas dice un testimone
Previous Story

Gravi violenze sessuali alle ragazze ostaggio di Hamas

spionaggio mossad in iran
Next Story

Iran: uomo vicinissimo a Khamenei giustiziato segretamente per spionaggio

Latest from Medio Oriente

Go toTop