Iran: uomo vicinissimo a Khamenei giustiziato segretamente per spionaggio

Un agente del Mossad così vicino alla Guida Suprema? Uno smacco al controspionaggio iraniano
9 Gennaio 2024
spionaggio mossad in iran

Apprendiamo da Iran International che un consigliere della Guida Suprema è stato segretamente giustiziato circa 20 giorni fa con l’accusa di spionaggio a favore di Israele.

Mohsen Saravani, studente di legge di 24 anni, era accusato di aver raccolto informazioni classificate attraverso funzionari governativi e di averle condivise con un agente del Mossad. È stato arrestato nel marzo 2022 e l’esecuzione è avvenuta a metà dicembre dopo che Saravani ha confessato sotto tortura di aver svolto attività di spionaggio.

“Questa persona ha comunicato con i servizi stranieri, in particolare con il Mossad, raccogliendo informazioni classificate e, con la partecipazione di alcuni associati, ha fornito documenti ai servizi stranieri, compreso il Mossad”, hanno dichiarato i media statali dopo l’esecuzione senza fare il suo nome, cosa insolita. Di solito, il regime fa un esempio eclatante di questi casi, come quello di Alireza Akbari. Il cittadino britannico-iraniano, ex membro del governo iraniano, è stato giustiziato un anno fa, con l’accusa di spionaggio, in una pubblica manifestazione di sdegno.

Questa volta, però, il mistero ha quasi nascosto l’esecuzione, una delle centinaia che si sono abbattute sull’Iran da quando sono scoppiate le proteste di Donne, Vita, Libertà nel settembre 2022. L’IRNA ha dichiarato che “l’accusato” aveva consegnato informazioni classificate a un “ufficiale del Mossad” con l’obiettivo di “fare propaganda per gruppi e organizzazioni che si oppongono alla Repubblica islamica”.

Mohsen Saravani, ex consigliere dell’Ufficio della Guida Suprema dell’Iran

L’esecuzione, messa in atto in un carcere di Zahedan, nella provincia del Sistan-Baluchestan, è avvenuta un giorno dopo che i militanti baluci hanno attaccato una stazione di polizia nella provincia, uccidendo 11 membri del personale di sicurezza e ferendone diversi altri. La provincia impoverita del Sistan-Baluchestan, che confina con l’Afghanistan e il Pakistan, è da tempo teatro di frequenti scontri tra le forze di sicurezza e i militanti sunniti.

La presunta collaborazione di Saravani con il Mossad risalirebbe al 2021, secondo il Ministero dell’Intelligence.

Dall’età di 18 anni, il giovane membro dell’IRGC-Basij è stato consigliere di Ali Osat Hashemi, ex governatore della provincia del Sistan-Baluchestan. Ha avuto stretti rapporti anche con il successivo governatore Danial Mahboubi e con Ali-Asghar Mirshekar, il vice per gli affari di sicurezza dell’ufficio del governatore. Le foto di Saravani accanto a funzionari di alto livello, tra cui il principale assistente personale della Guida suprema Vahid Haghanian, suggeriscono che fosse molto vicino alla cerchia ristretta di Ali Khamenei. Saravani si è presentato come rappresentante del procuratore generale di Zahedan per esercitare influenza sugli uffici provinciali.

Mandana Zanganeh Soroush, ex deputato economico dell’ufficio del governatore, è stato accusato di aver fornito a Saravani migliaia di documenti riservati. Zanganeh Soroush si è poi trasferita all’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran, dove Saravani l’ha avvicinata per raccogliere informazioni anche lì. Le immagini della cronologia delle chat ottenute da Iran International suggeriscono una relazione emotiva e sessuale tra Zanganeh Soroush e Saravani.

Zanganeh Soroush, precedentemente condannata a otto anni, si è vista ridurre la pena a un anno in appello.

Saravani è solo una delle tante persone che l’Iran ha giustiziato con l’accusa di spionaggio a favore di Israele. A fine dicembre, l’Iran ha giustiziato quattro uomini nella provincia di Azarbaijan occidentale, arrestati un anno prima per “collaborazione con Israele” e presunto coinvolgimento in atti di sabotaggio.

Gli accusati sono stati processati in segreto e, ad eccezione di un breve annuncio sui loro presunti crimini, non sono stati diffusi altri dettagli. I gruppi di monitoraggio dei diritti umani affermano che i prigionieri condannati avevano fatto appello alla loro condanna a morte, ma le autorità hanno ignorato il processo legale e hanno eseguito le sentenze capitali.

Le esecuzioni sono avvenute poco dopo la notizia dell’uccisione di Razi Mousavi, un alto comandante delle Guardie Rivoluzionarie, in un attacco attribuito a Israele nel quartiere Zainabiyya di Damasco, in Siria. Alcuni osservatori interpretano le esecuzioni come una potenziale ritorsione della Repubblica Islamica per l’uccisione di Razi Mousavi.

Mousavi ha svolto un ruolo cruciale nella logistica e nel supporto alla Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie, essendo uno dei sei alti comandanti che hanno contribuito alla sopravvivenza del regime di Bashar al-Assad e al consolidamento di Hezbollah in Libano.

L’Iran ha accusato Israele di aver compiuto diversi attacchi a strutture legate al suo programma nucleare e di aver ucciso i suoi scienziati nucleari nel corso degli anni.

In agosto, l’Iran ha accusato Israele di essere dietro a “uno dei più grandi atti di sabotaggio” contro la sua industria della difesa e la produzione di missili.

A luglio, il ministero dell’Intelligence ha dichiarato di aver arrestato una rete di agenti che lavoravano per Israele prima che potessero compiere sabotaggi in luoghi sensibili.

Nell’aprile 2021, Teheran ha attribuito a un atto di “terrorismo nucleare” l’interruzione dell’energia elettrica presso l’impianto di arricchimento dell’uranio di Natanz, nel deserto della provincia centrale di Esfahan (Isfahan).

Darya Nasifi

Iraniana fuggita in Italia. Esperta di Medio Oriente e cultura persiana. Analista per l'Iran di Rights Reporter

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Guerra con l'Iran
Previous Story

Dal Libano al Mar Rosso, si profila un conflitto più ampio con l’Iran

blinken in israele piano di pace saudita
Next Story

Blinken in Israele rispolvera l’iniziativa saudita del 2002

Latest from Intelligence

Go toTop