Donne ebree stuprate da Hamas: l’Onu se ne accorge solo ora

stupri donne ebree del 7 ottobre 2023 stupri donne ebree del 7 ottobre 2023

Condanniamo inequivocabilmente i brutali attacchi di Hamas contro Israele del 7 ottobre. Siamo allarmati dalle numerose testimonianze di atrocità di genere e di violenze sessuali durante questi attacchi. Per questo motivo abbiamo chiesto che tutti i resoconti di violenza di genere siano debitamente indagati e perseguiti, con i diritti delle vittime al centro“.

Il secondo paragrafo di una dichiarazione rilasciata da UN Women, un’entità delle Nazioni Unite che si occupa dell’uguaglianza di genere e dell’empowerment delle donne, è lungo 56 parole. Sono le parole giuste. Chiedono un’indagine sulle atrocità di genere commesse dai terroristi di Hamas durante un attacco alle comunità israeliane e, successivamente, contro le donne prese in ostaggio e tenute in luoghi sconosciuti a Gaza.

Ma il fatto che ci siano voluti quasi due mesi prima che UN Women riconoscesse le testimonianze e le prove crescenti che lo stupro e la violenza sessuale erano parte dell’attacco di Hamas è visto dalle femministe e dagli attivisti per i diritti umani israeliani come un tradimento.

La professoressa Ruth Halperin-Kaddari e la dottoressa Cochav Elkayam-Levy, accademiche e attiviste israeliane femministe che ora fanno parte della Commissione civile sui crimini commessi da Hamas il 7 ottobre contro le donne e i bambini e che hanno una lunga storia di impegno con le organizzazioni femminili internazionali e ne fanno parte, hanno entrambe parlato nelle scorse settimane del completo silenzio e delle dichiarazioni vaghe delle organizzazioni.

“È insostenibile che gli esperti che dovrebbero rispondere al disagio delle donne in tutto il mondo si subordinino a considerazioni politiche e non riferiscano ciò che è accaduto in un disastro di questa portata”, ha detto Elkayam-Levy. “Non solo stanno deludendo noi donne israeliane, ma stanno minando l’intero sistema”, ha avvertito Halperin-Kaddari.

Molti hanno notato che la guerra tra Israele e Hamas è anche un campo di battaglia di disinformazione, disinformazione e campagne sui social media che rendono impossibile per la maggior parte delle persone separare i fatti dalle bugie. Come giornalista, sono allergico a tutto ciò che sa di campagna elettorale. Così, quando mi sono imbattuta in un hashtag lanciato dal Ministero degli Esteri israeliano (#BelieveIsraeliWomen) e nell’accattivante slogan “Me too unless you are a Jew” (Anch’io, a meno che tu non sia un ebreo) che gli influencer pro-Israele hanno utilizzato, ho capito lo scetticismo che ho visto in giro per il web.

Ma le prove della violenza sessuale non dovevano essere trasformate in una campagna di social media. E anche dopo averlo fatto, non è *solo* una campagna. Elkayam-Levy, Halperin-Kaddari e molti altri stanno ricostruendo ciò che è accaduto il 7 ottobre e lo stanno portando alle organizzazioni che conoscono, perché credono nel sistema e nei loro colleghi. Il loro lavoro più importante non si svolge su X o TikTok, o sul marciapiede di fronte all’edificio delle Nazioni Unite a New York. Si svolge negli obitori e nelle stazioni di polizia, nelle sedute di terapia e nelle sale riunioni chiuse. E merita di essere riconosciuto.

[jetpack_subscription_form]