Drone iraniano contro base USA in Siria. La risposta americana

24 Marzo 2023
Il segretario alla difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin

Un contractor americano è stato ucciso e cinque membri del servizio americano e un altro contractor americano sono stati feriti quando un sospetto drone iraniano ha colpito una struttura in una base della coalizione nel nord-est della Siria giovedì, ha detto il Pentagono.

In una dichiarazione rilasciata nella tarda serata di giovedì, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che le forze del Comando Centrale degli Stati Uniti si sono vendicate con “attacchi aerei di precisione” contro strutture nella Siria orientale utilizzate da gruppi affiliati alla Guardia Rivoluzionaria iraniana.

Il Dipartimento della Difesa ha dichiarato che la comunità di intelligence ha determinato che il veicolo aereo senza pilota era di origine iraniana.

“Gli attacchi aerei sono stati condotti in risposta all’attacco di oggi e a una serie di recenti attacchi contro le forze della coalizione in Siria” da parte di gruppi affiliati alla Guardia rivoluzionaria, ha dichiarato Austin.

Durante la notte, alcuni video sui social media hanno mostrato esplosioni a Deir Ez-Zor, una provincia strategica che confina con l’Iraq e contiene giacimenti di petrolio.

Gruppi di miliziani sostenuti dall’Iran e forze siriane controllano l’area, che negli ultimi mesi ha visto anche sospetti attacchi aerei da parte di Israele, che avrebbero preso di mira le rotte di approvvigionamento iraniane.

La Guardia Rivoluzionaria paramilitare iraniana, che risponde solo alla Guida Suprema Ayatollah Ali Khamenei, è sospettata di aver condotto attacchi con droni portabombe in tutto il Medio Oriente.

Negli ultimi mesi, la Russia ha iniziato a utilizzare droni iraniani nei suoi attacchi a siti in Ucraina come parte della sua guerra contro Kiev. L’Iran ha negato di essere responsabile di questi attacchi, anche se le nazioni occidentali e gli esperti hanno collegato i componenti dei droni a Teheran.

L’attacco e la risposta degli Stati Uniti minacciano di mettere a repentaglio i recenti sforzi compiuti nella regione per allentare le tensioni, dato che l’Arabia Saudita e l’Iran hanno lavorato per riaprire le ambasciate nei rispettivi Paesi. Il regno ha anche riconosciuto gli sforzi per riaprire la sua ambasciata in Siria, il cui presidente Bashar Assad, in difficoltà, è stato sostenuto dall’Iran nella lunga guerra del suo Paese.

Il generale dell’esercito americano Michael “Erik” Kurilla, capo del Comando centrale dell’esercito americano, ha avvertito che le forze americane potrebbero effettuare ulteriori attacchi se necessario. “Siamo pronti a intervenire con opzioni scalabili in caso di ulteriori attacchi iraniani”, ha dichiarato Kurilla in un comunicato.

L’agenzia di stampa statale siriana SANA non ha riconosciuto immediatamente alcun attacco. La missione siriana presso le Nazioni Unite non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L’Iran non ha reagito immediatamente agli attacchi, che avvengono durante il mese sacro di digiuno musulmano del Ramadan. La missione iraniana presso le Nazioni Unite non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L’agenzia di stampa statale del Qatar ha riferito di una telefonata tra il suo ministro degli Esteri e Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Doha è stata di recente un interlocutore tra l’Iran e gli Stati Uniti in seguito alle tensioni sul programma nucleare di Teheran.

Il ministro degli Esteri del Qatar ha parlato anche con il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian.

Le forze statunitensi sono entrate in Siria nel 2015, sostenendo le forze alleate nella lotta contro il gruppo dello Stato Islamico. Gli Stati Uniti mantengono ancora la base vicino ad Hasakah, nel nord-est della Siria, dove è avvenuto l’attacco del drone di giovedì. In Siria sono presenti circa 900 truppe statunitensi e un numero ancora maggiore di contractor, sia nel nord che nel sud e nell’est del Paese.

“Come ha chiarito il presidente Biden, adotteremo tutte le misure necessarie per difendere il nostro popolo e risponderemo sempre in un momento e in un luogo di nostra scelta”, ha dichiarato Austin. “Nessun gruppo colpirà le nostre truppe impunemente”.

La guerra in Siria è iniziata con le proteste della Primavera araba del 2011 che hanno sconvolto il Medio Oriente e rovesciato i governi di Egitto, Libia, Tunisia e Yemen. In seguito si è trasformata in un conflitto regionale per procura che ha visto Russia e Iran sostenere Assad. Le Nazioni Unite stimano che oltre 300.000 civili siano stati uccisi in questa guerra. Queste cifre non includono i soldati e gli insorti uccisi nel conflitto, il cui numero si aggira sulle decine di migliaia.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Senatori USA chiedono all’Europa di designare l’IRGC come gruppo terrorista

Next Story

Perché Putin non si può arrendere né si può trattare con lui

Latest from Medio Oriente

Go toTop