È la disinformazione l’arma più potente in mano a Putin

3 Ottobre 2023
disinformazione russa arma di putin

La strategia della Russia per vincere la guerra in Ucraina è quella di superare l’Occidente.

Ma come pensa di farlo Vladimir Putin?

Esponenti della intelligence americana si sono detti convinti che Putin intenda cercare di porre fine al sostegno americano ed europeo all’Ucraina utilizzando le sue agenzie di spionaggio per spingere la propaganda a sostegno dei partiti politici filorussi e alimentando teorie cospirative con le nuove tecnologie.

La disinformazione russa mira ad aumentare il sostegno ai candidati che si oppongono agli aiuti all’Ucraina, con l’obiettivo finale di fermare l’assistenza militare internazionale a Kiev.

La Russia si è sentita frustrata dal fatto che gli Stati Uniti e l’Europa siano rimasti in gran parte uniti nel continuare a sostenere militarmente ed economicamente l’Ucraina.

L’aiuto militare ha mantenuto l’Ucraina in lotta, ha messo fuori portata gli obiettivi originari della Russia di conquistare Kiev e Odessa e ha persino fermato il suo obiettivo più modesto di controllare tutta la regione del Donbas, nell’Ucraina orientale.

Ma Putin crede di poter influenzare la politica americana per indebolire il sostegno all’Ucraina e potenzialmente ripristinare il suo vantaggio sul campo di battaglia.

Putin sembra osservare da vicino i dibattiti politici statunitensi sull’assistenza all’Ucraina. L’opposizione repubblicana all’invio di ulteriori fondi a Kiev ha costretto i leader del Congresso ad approvare sabato una legge di spesa provvisoria che non includeva ulteriori aiuti per il Paese.

È probabile che Mosca cerchi di sostenere i candidati filorussi in Europa, vedendo un potenziale terreno fertile nei recenti risultati. Domenica un candidato filorusso ha vinto le elezioni parlamentari in Slovacchia. Oltre alle elezioni nazionali, la Russia potrebbe cercare di influenzare il voto parlamentare europeo del prossimo anno.

Da tempo la Russia utilizza i suoi servizi di intelligence per influenzare la politica democratica in tutto il mondo.

Le valutazioni dell’intelligence statunitense nel 2017 e nel 2021 hanno concluso che la Russia ha cercato di influenzare le elezioni a favore di Donald J. Trump. Nel 2016, la Russia ha hackerato e fatto trapelare le e-mail del Comitato nazionale democratico che hanno danneggiato la campagna di Hillary Clinton e ha diffuso messaggi divisivi sui social media. Nel 2020, la Russia ha cercato di diffondere informazioni che denigravano Joseph R. Biden Jr. (sebbene molti repubblicani al Congresso abbiano sostenuto che l’obiettivo della Russia fosse quello di intensificare le lotte politiche, non di sostenere Trump).

Per le elezioni presidenziali del 2024, le agenzie di intelligence americane ritengono che la posta in gioco per Putin sia ancora più alta.

Il Presidente Biden ha inviato miliardi di dollari di aiuti all’Ucraina e ha promesso che gli Stati Uniti e i suoi alleati sosterranno Kyiv “per tutto il tempo necessario”. Trump, molto avanti nei sondaggi per la nomination repubblicana, ha detto che il sostegno all’Ucraina non è un interesse vitale degli Stati Uniti.

Secondo i funzionari americani, la Russia conduce costantemente operazioni di informazione volte a denigrare la NATO e le politiche statunitensi e probabilmente intensificherà gli sforzi nei mesi a venire.

L’obiettivo finale della Russia sarebbe quello di contribuire a indebolire i candidati che sostengono l’Ucraina e a cambiare la politica degli Stati Uniti. Alcuni funzionari statunitensi dubitano che la Russia sia in grado di farlo.

Ma anche se Mosca non riuscisse a influenzare il risultato finale delle elezioni, i russi potrebbero ritenere di poter suscitare un dibattito sufficiente sugli aiuti all’Ucraina, in modo che un futuro Congresso potrebbe trovare più difficile approvare ulteriori aiuti.

Beth Sanner, ex alto funzionario dell’intelligence, sostiene che l’intelligenza artificiale e altre nuove tecnologie cambieranno il modo in cui la Russia conduce le campagne di influenza. Secondo una recente analisi declassificata, è probabile che la Russia conduca anche azioni di riciclaggio dell’influenza, inviando messaggi al pubblico americano attraverso alleati all’interno di organizzazioni nominalmente indipendenti.

“La Russia non rinuncerà alle campagne di disinformazione”, ha detto Sanner. “Ma non sappiamo che aspetto avrà. Dovremmo presumere che i russi stiano diventando più intelligenti”.

È facile sopravvalutare la capacità della Russia di influenzare la politica statunitense. Alcuni funzionari americani e dirigenti dei social media hanno messo in dubbio l’efficacia delle troll farm e delle operazioni di influenza della Russia nel 2016, rispetto alle operazioni di hacking e dump che hanno preso di mira le e-mail della signora Clinton.

Da allora il panorama mediatico è cambiato radicalmente. I consumatori statunitensi ed europei sono più scettici nei confronti di ciò che vedono sui social media. La televisione di Stato russa, fonte di narrazioni del Cremlino, è stata allontanata da YouTube di Google. Meta, la società madre di Facebook, ha potenziato la ricerca della disinformazione e ha dato meno risalto alle notizie sulle sue piattaforme.

Ma per ogni sviluppo che rende la vita più difficile ai troll online russi, ci sono tendenze che spingono nella direzione opposta. La piattaforma X, precedentemente nota come Twitter, ha smantellato i team che davano la caccia alle interferenze elettorali. E la piattaforma più influente tra i giovani è ora TikTok, una società cinese. La Cina ha intensificato le proprie operazioni di influenza, sul modello di quelle di Mosca.

Le agenzie di intelligence americane hanno avvertito che diversi Paesi stanno cercando di influenzare la politica americana. Nel 2020, le agenzie di intelligence hanno delineato un piano iraniano per influenzare il voto in Florida. Anche Cuba ha condotto operazioni di intelligence di basso livello e il Venezuela aveva l’intenzione, ma non le capacità, di influenzare il voto.

Ma la Russia secondo gli esperti è più brava di qualsiasi altro Paese a combinare media statali, troll farm private e operazioni dei servizi di intelligence per attaccare nello spazio digitale.

E ha continuato a perfezionare i suoi sforzi. Molti degli esperti di disinformazione che un tempo lavoravano per la Internet Research Agency, la troll farm russa attiva nelle elezioni americane del 2016 e del 2018, sono migrati verso nuove aziende o si sono uniti all’intelligence militare russa. E Internet, ha detto un funzionario statunitense, è l’unico luogo in cui la Russia non esaurirà mai le sue munizioni.

Spostare il dibattito in Europa e in America è così importante per Putin che se queste operazioni di influenza non dovessero avere successo, la Russia potrebbe decidere di inasprire i toni.

Secondo i funzionari statunitensi, questa escalation potrebbe includere un ulteriore sostegno finanziario ai partiti politici filorussi in Europa o persino operazioni segrete in Europa volte a indebolire il sostegno alla guerra in Ucraina.

Di conseguenza, secondo l’intelligence americana, sottovalutare la capacità della Russia di condurre operazioni di influenza sarebbe un errore.

Per esempio, la disinformazione russa che sosteneva falsamente che l’America avesse laboratori di armi biologiche in Ucraina continua a riverberare in tutto il mondo.

La Russia ha usato queste accuse per giustificare l’invasione dell’Ucraina e ha ripetutamente richiesto alle Nazioni Unite di indagare sulle sue false affermazioni. Ma i gruppi di estrema destra, tra cui QAnon, hanno ripreso, ampliato e amplificato le accuse russe di armi biologiche.

In un mondo diviso da una politica polarizzata, le teorie cospirative e la disinformazione si sono dimostrate più resistenti che mai.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
triangolo russia iran hezbollah
Previous Story

L’Iran invia armi di Hezbollah alla Russia e alle tribù arabe in Siria

espansione della Cina
Next Story

Stiamo cadendo in bocca alla Cina?

Latest from Intelligence

Go toTop