I droni ucraini che potrebbero cambiare la guerra

L'espansione dell'industria ucraina della difesa è evidente nel numero di aziende coinvolte nella produzione di sistemi senza pilota
29 Dicembre 2023
Droni ucraini prodotti da Kiev

Nel giorno del più grande attacco aereo russo contro l’Ucraina emergono notizie sulle capacità offensive di Kiev che fanno ben sperare.

In particolare recenti notizie diffuse dai media ucraini rivelano un’impennata significativa delle capacità produttive del Paese nel settore della difesa. In pochi mesi, l’Ucraina è riuscita a triplicare la produzione di prodotti di difesa nazionali.

Un risultato notevole di questa espansione è la produzione su larga scala del nuovo UJ-26 Beaver, una munizione a lunga gittata, nota anche come drone kamikaze, progettata per colpire luoghi chiave in profondità nel territorio russo.

Dimostrando una notevole crescita nel settore della tecnologia dei droni, l’Ucraina ha aumentato la sua produzione di droni di ben 100 volte nel 2023 rispetto all’anno precedente.

In testa all’aumento della produzione c’è proprio l’UJ-26 Beaver. Quest’ultima aggiunta all’arsenale ucraino è in grado di colpire obiettivi in profondità nel territorio russo. La produzione di questi droni nel 2023 si è centuplicata rispetto all’anno precedente, segnando una significativa escalation nelle capacità difensive dell’Ucraina.

L’espansione dell’industria ucraina della difesa è evidente nel numero di aziende coinvolte nella produzione di sistemi senza pilota. Attualmente, circa 200 aziende sono impegnate in questo settore e 50 di esse sono già autorizzate a fornire i loro prodotti alle forze armate. Si tratta di un aumento significativo rispetto all’anno precedente, con un numero dodici volte maggiore di imprese che contribuiscono allo sforzo di difesa.

I recenti attacchi a Mosca, tra cui quelli ai grattacieli del quartiere IQ e forse anche al Cremlino, sono stati attribuiti all’uso del drone Beaver. Questi attacchi, avvenuti nei mesi di luglio e agosto 2023, hanno evidenziato l’efficacia operativa e l’impatto strategico del drone.

Il Beaver si distingue per il suo design e le sue capacità. Prodotto da UkrJet, un’azienda privata ucraina, presenta una configurazione aerodinamica canard unica, con ali anteriori più piccole, che consente di cambiare efficacemente quota e di eludere i sistemi di difesa aerea. Con un costo di oltre 100.000 dollari ciascuno, questi droni rappresentano un investimento significativo nella strategia di difesa dell’Ucraina.

Con un’apertura alare di circa 2,5 metri, una velocità di 150-200 km/h e un raggio d’azione di 800-1.000 km, il Beaver è equipaggiato per trasportare una testata di 20 kg. Il suo design, che ricorda una “papera” con il motore o l’elica nella parte posteriore, lo rende una presenza distintiva nei cieli.

La tecnologia alla base dei droni ucraini Beaver presenta notevoli somiglianze con la serie di UAV Shahed sviluppati dall’Iran.

Questo parallelismo nella progettazione tecnologica si riflette nelle loro capacità operative, anche se ogni serie ha le sue specifiche uniche. I droni Shahed, in particolare il più piccolo Shahed-131 e il più grande Shahed-136, sono progettati per diverse portate operative e capacità di carico.

Lo Shahed-131 può trasportare 15 chilogrammi di esplosivo per un raggio di 900 chilometri, mentre lo Shahed-136 è in grado di volare fino a 2.000 chilometri con una testata di 40-50 chilogrammi.

I droni ucraini Beaver, pur condividendo una discendenza tecnologica con la serie Shahed, sono stati adattati e modificati per soddisfare specifici requisiti operativi.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

cadaveri violenze sessuali hamas
Previous Story

Ecco la brutalità di Hamas contro le donne nell’attacco del 7 ottobre

attacchi aerei americani
Next Story

Attacchi aerei americani contro le milizie sciite alleate di Teheran

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop