Il vantaggio islamista esiste ancora? Perché l’Islam politico non vince più

Una volta i Fratelli Musulmani godevano di un ampio vantaggio elettorale nei paesi a maggioranza musulmana, ma oggi è ancora così?

By redazione

Di Courtney Freer & Naeman Mahmood – Un’ampia letteratura sui partiti le cui piattaforme mescolano Islam e politica ha sostenuto che tali organizzazioni godono di vantaggi elettorali negli Stati a maggioranza musulmana.

In effetti, l’ascesa dei gruppi islamisti può essere attribuita alla loro capacità di operare nella sfera sociale e culturale e non solo in quella politica. I gruppi laici sono stati soffocati dalla repressione governativa, mentre gli islamisti possono raccogliere consensi attraverso incontri religiosi e sociali impossibili da controllare.

Molti autori si sono concentrati sulla capacità unica dei movimenti islamisti di fornire servizi sociali in assenza di efficaci reti statali di assistenza sociale.

Come lo descrive Olivier Roy, l’islamismo mira a mantenere sia le promesse ideologiche che quelle pratiche: “L’islamismo è la sharia più l’elettricità”. Gli islamisti godono del considerevole vantaggio di poter agire attraverso reti sociali informali – un vantaggio particolarmente importante in contesti autoritari, poiché influenzare l’informale e il sociale ha precise conseguenze politiche.

Quello che una volta era considerato un vantaggio, tuttavia, sembra essere diventato una responsabilità politica per i gruppi islamisti sunniti. Infatti, negli anni successivi alle proteste che hanno spazzato via il mondo arabo nel 2011 e che hanno portato alla nascita di governi a guida islamica in Egitto e Tunisia, questi governi sono stati sostituiti da regimi sempre più autoritari in entrambi gli Stati.

Nel frattempo, Stati occidentali come gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno preso in considerazione la designazione del più noto gruppo islamista sunnita del mondo, i Fratelli Musulmani, come organizzazione terroristica; nel 2014, Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti lo hanno fatto.

Quello che un tempo sembrava essere un chiaro vantaggio politico, è diventato probabilmente più pericoloso. Ma dobbiamo considerare l’inversione di tendenza degli islamisti in Egitto e Tunisia come un’anomalia, piuttosto che come una nuova tendenza per la vitalità a lungo termine di questi movimenti? In che modo l’inclusione di altri casi nazionali, in particolare l’esame di Stati che non hanno assistito a cambiamenti durante la Primavera araba, cambia la nostra prospettiva sulla perdita dello svantaggio islamista negli ultimi anni?

I casi tunisino ed egiziano ci insegnano lezioni interessanti e preziose, ma in definitiva limitate, sugli islamisti in posizioni istituzionalizzate di potere politico. Questi casi in cui gli islamisti hanno conteso (e vinto) una pluralità o una maggioranza di seggi possono dirci solo una quantità limitata di informazioni sull’islamismo nel suo complesso, soprattutto perché i movimenti islamisti fanno molto di più di una semplice competizione elettorale.

Tuttavia, i risultati della Primavera araba indicano che le tradizionali modalità di mobilitazione islamista al di fuori delle istituzioni politiche non hanno mantenuto la loro capacità di conquistare o conservare seggi in parlamento a fronte di una crescente repressione politica, suggerendo la fine del cosiddetto vantaggio islamista.

Guardando al Golfo, scopriamo che, dalla Primavera araba, i gruppi islamisti sunniti in Bahrein non sono riusciti ad articolare programmi sufficientemente indipendenti dalla famiglia al potere per ottenere seggi in parlamento. Nel frattempo, i gruppi sciiti sono stati efficacemente soffocati, in quanto sempre più associati ai movimenti di opposizione e quindi oggetto di sorveglianza e repressione da parte del governo. Nel 2018, a tutti i gruppi di opposizione è stato vietato di partecipare alle elezioni parlamentari.

Il Bahrein fornisce quindi esempi di gruppi islamisti sunniti e sciiti che hanno subito un netto svantaggio politico dal 2011. I Fratelli Musulmani del Bahrein hanno faticato a guadagnare voti, non essendo riusciti a sviluppare un programma sufficientemente distinto dalla famiglia al potere da attirare gli elettori. Dal 2011, infatti, “il suo programma è […] plasmato dal contesto nazionale e da un buon rapporto con l’ideologia degli Al Khalifa al potere, piuttosto che dall’ideologia o da qualsiasi immaginario legame con un’organizzazione transnazionale”. Nonostante alcuni islamisti in Bahrein siano diventati sempre più lealisti, il caso conferma l’esistenza di uno svantaggio islamista dopo le proteste della Primavera araba.

Per quanto riguarda il Kuwait, gli islamisti non hanno ottenuto seggi consistenti in parlamento all’indomani della Primavera araba, né sono stati oggetto di repressione. Al contrario, gli islamisti sciiti e sunniti del Kuwait sono rimasti in grado di contendere (e vincere) seggi in parlamento e di esprimere preferenze politiche specifiche.

Dal 2008, gli islamisti sciiti del Kuwait sono diventati elettori affidabili e favorevoli al governo in parlamento, dimostrando la resilienza dei gruppi islamisti lealisti; infatti, durante gli anni di boicottaggio dell’opposizione (2012-16), i blocchi politici sciiti hanno ottenuto guadagni sostanziali. In questo caso, quindi, non è stato un vantaggio intrinsecamente associato ai movimenti islamisti a garantire la sopravvivenza politica del più grande blocco sciita del Kuwait, ma piuttosto la sua disponibilità a lavorare a fianco del regime.

Nel frattempo, gli islamisti sunniti, dai salafiti ai Fratelli Musulmani, continuano a lavorare con altri segmenti di un’opposizione politica ideologicamente ampia nella speranza di realizzare un cambiamento politico.

Il caso del Kuwait, quindi, mette in discussione l’idea che il 2011 abbia rappresentato un punto di svolta per le sorti dell’islamismo.

Anche lì, tuttavia, parlando con un membro dei Fratelli Musulmani, questi ha spiegato che la sua organizzazione non avrebbe presentato più di tre candidati alle elezioni del 2023, per paura di suscitare nel regime il sospetto che “stiamo tentando qualcosa”. Anche in un contesto in cui la mobilitazione islamista ha ancora un certo successo, la considerazione di come tale mobilitazione sia vista dalle autorità è ancora rilevante.

L’Iraq forse sfida più chiaramente la narrativa secondo cui il 2011 è stato un punto di svolta decisivo per le sorti dell’islamismo. In effetti, in quel Paese, il Movimento Sadrista ha dominato la politica islamista sciita in Iraq fin dai primi anni Duemila, con il partito che ha ottenuto 73 seggi nelle elezioni del 2021 – il più grande partito singolo in quelle elezioni e più seggi di tutti gli altri movimenti islamisti sciiti messi insieme.

Tuttavia, studiosi come Fanar Haddad sostengono che una vittoria dei partiti islamisti sciiti in Iraq non è necessariamente una vittoria dell’islamismo. Secondo Robin-D’Cruz, “questi partiti sono sempre più autonomi dalla leadership religioso-clericale, sono transazionali nelle loro alleanze politiche con gruppi islamisti e non islamisti e le loro piattaforme elettorali fanno scarso riferimento all’ideologia islamista”.

Sul versante sunnita, invece, il Partito islamico iracheno rappresenta un tipo diverso di gruppo islamista, che cerca di sostenere l’ideologia dei Fratelli Musulmani ma che finora non è riuscito a trovare un seguito sostanziale a livello nazionale.

In definitiva, dipingere il 2011 come un punto di svolta decisivo per tutti gli islamisti sunniti e sciiti del Medio Oriente è miope e si basa sull’esame di casi nazionali limitati. Sebbene gli islamisti siano ancora oggetto di sospetto da parte di governi ed elettori, non si tratta di una novità e, con l’AKP in Turchia che sta entrando nel suo terzo decennio al potere, qualsiasi idea dell’inizio di un’era post-islamista dopo la Primavera araba sembra basata esclusivamente sull’esperienza in Egitto e Tunisia, piuttosto che sulla regione in generale.