Una sorella della Guida Suprema iraniana, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha condannato la repressione delle proteste in tutto il Paese e ha invitato le tanto temute Guardie Rivoluzionarie a deporre le armi, secondo una lettera pubblicata dal figlio che vive in Francia.

L’Iran è attanagliato da disordini dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini, avvenuta sotto la custodia della polizia il 16 settembre, e sta affrontando uno sciopero generale di tre giorni iniziato lunedì.

Badri Hosseini Khamenei, che vive in Iran ed è la sorella dell’ayatollah Khamenei, ha criticato l’establishment clericale dai tempi del defunto fondatore della Repubblica islamica, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, fino al governo del fratello.

Ritengo opportuno dichiarare che mi oppongo alle azioni di mio fratello ed esprimo la mia solidarietà a tutte le madri che piangono i crimini della Repubblica islamica

Ritengo opportuno dichiarare che mi oppongo alle azioni di mio fratello ed esprimo la mia solidarietà a tutte le madri che piangono i crimini della Repubblica islamica, dai tempi di Khomeini fino all’attuale era del califfato dispotico di Ali Khamenei“, ha scritto nella lettera, condivisa oggi sull’account Twitter del figlio Mahmoud Moradkhani.

Le Guardie Rivoluzionarie e i mercenari di Ali Khamenei dovrebbero deporre le armi al più presto e unirsi al popolo prima che sia troppo tardi“, si legge nella lettera.

Le Guardie Rivoluzionarie sono la forza d’élite iraniana che ha aiutato il Paese a stabilire procure in tutto il Medio Oriente e gestisce un vasto impero commerciale.

Ieri, la forza d’élite ha condiviso una dichiarazione in cui invitava la magistratura a “non mostrare pietà per i rivoltosi, i teppisti e i terroristi”, a dimostrazione del fatto che le autorità non hanno intenzione di allentare la loro feroce repressione del dissenso.

Il portavoce della magistratura iraniana, Masoud Setayeshi, ha dichiarato ieri che cinque persone incriminate per l’uccisione del membro della milizia Basij Rouhollah Ajamian sono state condannate a morte con un verdetto che possono ancora appellare.

A novembre, la figlia attivista di Khamenei, Farideh Moradkhani, è stata arrestata dalle autorità dopo aver invitato i governi stranieri a tagliare tutti i legami con Teheran.

I video condivisi su Twitter da 1500tasvir, un account che conta 385.000 follower e che si concentra sulle proteste iraniane, hanno mostrato negozi chiusi nelle strade commerciali di Teheran, Isfahan, Ilam, Kermanshah, Najafabad, Arak, Babol e Shiraz, dove le forze di sicurezza costringevano i negozianti ad aprire.

Nel frattempo il presidente Ebrahim Raisi ha tenuto un discorso all’Università di Teheran in occasione della Giornata dello studente.

Alcuni studenti fuori dalla sala principale di ricevimento hanno gridato “disonorevole” e “gli studenti moriranno ma non accetteranno questo governo”. Un video condiviso da 1500tasvir ha mostrato gli studenti impegnati in scontri verbali con le forze di sicurezza in borghese.

Gli studenti hanno protestato in diverse università iraniane, come l’Università Amir Kabir nella capitale, dove hanno chiesto la “caduta dell’intero regime” e gridato “morte a Khamenei”, secondo il filmato condiviso da 1500tasvir.

Nella città nord-orientale di Mashhad, gli studenti si sono riuniti fuori dall’Università Ferdowsi e sono stati minacciati da persone a bordo di un pick-up che li hanno avvertiti che sarebbero stati “convocati” e che sarebbe finita male per loro.