Israele approva la vendita di sistemi anti-drone all’Ucraina

La decisione non significa necessariamente un cambio della politica israeliana in quanto si tratta di armi difensive, tuttavia è un concreto avvicinamento di Israele alla posizione dell’Ucraina

By Gabor H. Friedman - Senior consultant

Gerusalemme, Rights Reporter – Le autorità israeliane hanno approvato le licenze di esportazione per la vendita all’Ucraina di sistemi anti-drone.

Si tratta di sistemi israeliani di disturbo dei droni iraniani Shahed. Gli UAV Shahed sono ampiamente utilizzati dall’esercito russo. La possibile vendita è stata riportata da Axios citando anonimi funzionari israeliani e ucraini.

Come sottolineato, si tratta di un certo aggiustamento della politica di Israele nei confronti dell’Ucraina. Le autorità israeliane non intendono ancora fornire a Kiev armi letali.

Gerusalemme ha una ragione di peso per non trasferire armi all’Ucraina. È la sua riluttanza a mettere a dura prova le relazioni con la Russia a causa delle azioni di Israele in Siria. Mosca mantiene una notevole influenza in Siria. Ma la Russia tollera ancora le operazioni militari israeliane in quel Paese.

«L’approvazione della licenza per l’esportazione di sistemi anti-drone non significa un cambiamento nella nostra politica, poiché questi sistemi sono di natura difensiva. Il loro utilizzo non comporta l’utilizzo di un sistema di fuoco a causa del quale i soldati russi potrebbero essere feriti», ha spiegato un funzionario israeliano, citato da Axios.

La decisione è stata presa a febbraio

L’approvazione delle licenze di esportazione da parte del Ministro della Difesa israeliano Yoav Galant e del Ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen è avvenuta a metà febbraio, mentre le autorità di Gerusalemme conducevano una revisione ordinata dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu della politica del Paese nei confronti della guerra in Ucraina. Cohen ha informato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky di questa decisione il 16 febbraio, durante la sua visita a Kiev.

Sono state approvate le licenze per due aziende israeliane – Elbit e Rafael – che producono sistemi anti-drone. Israele è stato recentemente visitato da una delegazione del Ministero della Difesa ucraino su questo tema, ma non è ancora stato concluso un accordo di vendita bilaterale, ha dichiarato Axios.

I sistemi israeliani, con una portata di circa 40 km, utilizzano tecniche di guerra elettronica per disturbare e abbattere gli UAV nemici. Possono essere posizionati vicino a centrali elettriche o altre infrastrutture critiche.

Israele vuole testarli

In conversazioni informali, i funzionari israeliani hanno riconosciuto che uno dei motivi per cui Gerusalemme ha approvato le licenze era un possibile test su come i sistemi di difesa israeliani riescono a contrastare i droni iraniani.

Nell’agosto del 2022, la Russia ha iniziato ad acquistare droni kamikaze dall’Iran, il cui uso massiccio sul campo di battaglia in Ucraina è iniziato a settembre.

I veicoli aerei senza pilota, principalmente macchine Shahed-136, sono utilizzati per colpire obiettivi civili e infrastrutture critiche in quasi tutto il territorio del Paese. Il governo di Teheran ha sempre negato di fornire a Mosca i suoi droni.

By Gabor H. Friedman Senior consultant
Follow:
Consulente per i progetti di sviluppo per diverse organizzazioni internazionali. Vive negli Stati Uniti