Israele: centinaia di piloti si rifiutano di volare. Furia di Netanyahu

22 Luglio 2023

Oltre 1000 riservisti dell’Aeronautica militare israeliana, dai piloti agli operatori di droni, hanno annunciato venerdì la fine del loro servizio come riserva volontaria.

La mossa arriva in risposta alla legislazione sulla riforma giudiziaria e ha sollevato domande sul potenziale impatto sulle capacità operative e sulla prontezza dell’Aeronautica Militare.

Il comandante dell’aeronautica israeliana, Magg. Tomer Bar ha affrontato la questione giovedì con una dichiarazione in cui affermava di essere “fermo sul principio della continuità del servizio e continuerà a sostenerlo. Le forze armate hanno molte sfide e dobbiamo affrontarle”, secondo quanto riportato da Maariv.

I riservisti esprimono preoccupazioni, altri criticano

In una lettera indirizzata al capo di stato maggiore dell’IDF, al comandante dell’aeronautica e ai membri della Knesset, i riservisti hanno espresso le loro preoccupazioni sulle potenziali conseguenze della riforma sul tessuto della società israeliana.

Fermate la legislazione prima che sia troppo tardi, perché un esercito in una democrazia non ha sostituti

Brothers in Arms

“In questi giorni difficili – è nostro dovere impedire la distruzione del Terzo Tempio! È nostra responsabilità collettiva fermare la divisione interna, la discordia e il profondo scisma che si è diffuso tra il popolo”, si legge nelle lettere. “L’identità ebraica e democratica del nostro Stato è cara a tutto il popolo d’Israele – è il patto firmato da tutti i segmenti della società nella Dichiarazione d’Indipendenza. Questo fondamento rappresenta il nucleo dell’accordo della società israeliana, sulla base del quale tutti noi serviamo lo Stato di Israele con dedizione e impegno sotto i governi di tutte le persuasioni politiche”.

“Quando ci siamo impegnati a dedicare la nostra vita al Paese, non avremmo mai pensato di arrivare a un giorno in cui il contratto tra noi e lo Stato sarebbe stato violato”, ha dichiarato il gruppo Brothers in Arms in un comunicato. Per decenni ci siamo lasciati tutto alle spalle e siamo venuti avanti con determinazione per difendere Israele, e ora ci troviamo a combattere per la democrazia”. La dichiarazione dei nostri colleghi piloti, che si sono sempre alzati per difendere i cittadini israeliani, è un’altra bandiera rossa alzata contro il governo che mina la democrazia israeliana e l’esercito del popolo. Fermate la legislazione prima che sia troppo tardi, perché un esercito in una democrazia non ha sostituti”.

In una democrazia, i militari sono subordinati al governo e non viceversa

Benjamin Netanyahu

Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha criticato i riservisti in una dichiarazione di giovedì sera, affermando: “Ciò che mette in pericolo la democrazia è il rifiuto, il rifiuto mette in pericolo la sicurezza di tutti i cittadini israeliani. In una democrazia, i militari sono subordinati al governo e non viceversa.

“Se dettano minacce, è inaccettabile, e se hanno successo, è la fine della democrazia. Un governo responsabile non può accettare questo e ogni cittadino deve opporsi. Voglio dire che in passato molti cittadini israeliani non erano d’accordo con le azioni dei governi precedenti e si sono opposti agli accordi di Oslo e al disimpegno.

“Anche se non erano d’accordo con queste azioni, nessuno ha mai minacciato di rifiutarsi per cercare di ostacolare le decisioni”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Isaac Herzog parla al congresso americano
Previous Story

Riforma giudiziaria in Israele: si dilata il divario tra Biden e Netanyahu

Next Story

Riforma giudiziaria in Israele: la lettera dei leader della protesta a Netanyahu

Latest from Medio Oriente

Go toTop