Israele forse rinvia la legge anti-Ong per le proteste degli alleati

Israele forse rinvia la legge anti-Ong per le proteste degli alleati

Il governo israeliano sta attentamente valutando di rinviare la messa in opera di una proposta di legge che limiterebbe in modo significativo la capacità dei gruppi della società civile israeliana di accettare donazioni da governi stranieri, dopo che numerosi alleati, tra cui Stati Uniti, Germania e Francia, hanno espresso la loro opposizione al disegno di legge.

Il Ministero degli Esteri e l’Ufficio del Primo Ministro hanno ricevuto proteste contro il disegno di legge da parte di alleati chiave e il Primo Ministro Benjamin Netanyahu è personalmente coinvolto nella risposta, ha dichiarato un alto funzionario diplomatico a Channel 13.

La legge dovrebbe essere presentata domenica al Comitato ministeriale di alto livello per la legislazione della Knesset, ma i funzionari stanno valutando la possibilità di rinviarla alla luce delle obiezioni.

Il disegno di legge stabilisce che qualsiasi gruppo non profit che si impegni in attività di difesa pubblica due anni prima o dopo aver ricevuto una donazione da un governo straniero perderà lo status di istituzione pubblica e non potrà più beneficiare di esenzioni fiscali. Inoltre, queste organizzazioni non profit saranno colpite da un’imposta sul reddito del 65%.

Il provvedimento è considerato indirizzato verso i gruppi di sinistra, considerati avversari dal governo di destra di Netanyahu.

La Germania è la più turbata dalla proposta di legge e ha espresso la sua disapprovazione attraverso diversi canali. Berlino ha richiesto una telefonata con il Ministro degli Esteri Eli Cohen per discutere la questione e la conversazione dovrebbe avvenire all’inizio della prossima settimana, come ha riferito Channel 13.

L’ambasciatore tedesco in Israele, Steffen Seibert, ha dichiarato: “Il progetto di legge sulla tassazione delle ONG è una questione di grave preoccupazione per noi e per molti dei partner internazionali di Israele”.

“Relazioni vivaci e senza ostacoli tra le società civili sono di valore essenziale nelle nostre democrazie liberali”, ha dichiarato Seibert.

Anche le ambasciate olandese, belga, irlandese, norvegese e svedese in Israele hanno espresso preoccupazione per la legislazione in dichiarazioni pubbliche simili a quella tedesca diffuse giovedì.

Il disegno di legge rischia di paralizzare la capacità delle organizzazioni per i diritti umani di operare in Israele e in Cisgiordania, poiché molte di esse dipendono da finanziamenti di governi stranieri.

La legge è stata redatta dal deputato Ariel Kallner, membro del partito Likud di Netanyahu.

Le organizzazioni per i diritti umani – come B’Tselem, Breaking the Silence e il New Israel Fund – sono da tempo nel mirino della politica israeliana (quasi tutta) per la loro denuncia di presunte violazioni dei diritti umani da parte di Israele nei confronti dei palestinesi.

Il modo in cui i legislatori di destra hanno cercato di criticare le organizzazioni, in gran parte di sinistra, è stato quello di evidenziare i loro finanziamenti e sostenere che rappresentano un’interferenza negli affari interni di Israele.

Gli attivisti di sinistra sottolineano che i gruppi della società civile di destra ricevono finanziamenti anche da investitori stranieri. Questi donatori possono essere individui, non Paesi, ma i fondi sono spesso trasferiti con molta meno trasparenza, sostengono gli attivisti di sinistra. Anche Israele finanzia gruppi della società civile all’estero.

In passato è stata proposta una legislazione di questo tipo da parte della Knesset ma, a causa delle pressioni provenienti dall’estero, non è mai stata approvata.

La nuova iniziativa sembra avere maggiori possibilità di diventare legge, vista la composizione hardline e pro-settler della coalizione di Netanyahu. L’impegno ad approvare una legge di questo tipo è stato incluso anche nell’accordo di coalizione che il Likud ha firmato con il partito di estrema destra Otzma Yehudit.

Il Dipartimento di Stato americano si è espresso mercoledì contro la legge.

Alla richiesta di commentare il disegno di legge durante un briefing con la stampa, il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha dichiarato: “Non voglio fare speculazioni su cose che potrebbero passare. Mi limiterò a dire che, in generale, gli Stati Uniti sostengono il ruolo essenziale delle ONG che fanno parte della società civile”.

“Crediamo che siano fondamentali per un governo democratico, reattivo e trasparente, e crediamo fermamente che la società civile debba avere l’opportunità e lo spazio per operare e raccogliere risorse in tutto il mondo”, ha aggiunto Miller.

La legge complicherebbe in modo significativo la storica legislazione del Congresso del 2020, sostenuta da entrambi i partiti, nota come Middle East Partnership for Peace Act. Il MEPPA ha stanziato 250 milioni di dollari in finanziamenti statunitensi per le organizzazioni di coesistenza che promuovono il dialogo israelo-palestinese e lo sviluppo commerciale palestinese.

L’amministrazione Biden ha definito la legge fondamentale per creare le condizioni di base necessarie per un futuro accordo di pace tra israeliani e palestinesi. Ma se la proposta di legge di Kallner passasse, le organizzazioni che ricevono sovvenzioni dal MEPPA dovrebbero trasferire al governo israeliano una quantità massiccia di fondi.

L’ambasciata francese in Israele è intervenuta mercoledì, osservando che aveva già espresso preoccupazione per la decisione israeliana del 2021 di designare sei gruppi per i diritti dei palestinesi come organizzazioni terroristiche, indicando che considerava l’ultimo disegno di legge come un’estensione di quello sforzo per colpire la società civile israeliana e palestinese.

Il disegno di legge “è ugualmente e profondamente preoccupante. Ribadiamo il nostro impegno per il ruolo critico della società civile nella vita di ogni democrazia, in Israele e nel mondo”, ha dichiarato.

“È responsabilità degli Stati creare e mantenere uno spazio e un ambiente favorevole al loro lavoro, perché una società civile vivace può anche portare una cultura di pace e diversità”, ha aggiunto l’ambasciata francese.

Il New Israel Fund, che funge da gruppo ombrello per il finanziamento di decine di organizzazioni progressiste della società civile che operano in Israele e in Cisgiordania, si è schierato duramente contro il disegno di legge, definendolo il “passo successivo” dello sforzo del governo di revisionare il sistema giudiziario.

“Netanyahu e il suo governo di estremisti vogliono eliminare fiscalmente la società civile, soprattutto quella che lavora per difendere i diritti dei più emarginati in Israele e sotto il controllo di Israele: le donne, la comunità LGBTQ e i cittadini arabi di Israele”, ha dichiarato mercoledì il direttore generale del NIF Daniel Sokatch.

“Questo è esattamente il modo in cui gli autocrati riducono lo spazio democratico. Questa legge potrebbe costringere alla chiusura centinaia di organizzazioni in Israele – e prende di mira in particolare quelle che dicono la verità al potere. Bloccare i finanziamenti ai sostenitori del cambiamento non è ciò che fanno le democrazie”, ha dichiarato.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

Post navigation

If you like this post you might also like these

back to top