Il gruppo mercenario russo Wagner sembra aver abbandonato i piani di ritiro da Bakhmut, nell’Ucraina orientale.

Il capo di Wagner, Yevgeny Prigozhin, aveva detto venerdì che i suoi combattenti, che hanno guidato un brutale assalto di mesi a Bakhmut, si sarebbero ritirati dopo essere stati privati delle munizioni e aver subito perdite “inutili e ingiustificate”.

Ma in un messaggio audio postato domenica sul suo canale Telegram, ha detto: “Ci sono state promesse tutte le munizioni e le armi di cui abbiamo bisogno per continuare le operazioni. Ci è stato promesso che tutto ciò che è necessario per impedire al nemico di tagliarci fuori (dai rifornimenti) sarà dispiegato”.

Intanto i missili russi hanno preso di mira un sito industriale nella regione di Mykolaiv, nell’Ucraina meridionale, mentre i media ucraini e russi hanno riportato esplosioni multiple nella Crimea occupata dai russi.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le sue difese aeree hanno individuato e distrutto 22 droni ucraini sul Mar Nero durante la notte.

Un portavoce del ministero della Difesa russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento dopo l’ultima dichiarazione del capo Wagner Prigozhin.

I funzionari russi hanno ripetutamente cercato di dissipare i timori che le loro forze in prima linea non abbiano ricevuto rifornimenti adeguati.

Il Ministro della Difesa Sergei Shoigu ha dichiarato martedì, riferendosi all’esercito russo nel suo complesso, che esso ha “ricevuto una quantità di munizioni sufficiente” per infliggere danni efficaci alle forze nemiche.

Quattrocentottantanove colpi di artiglieria nelle ultime 24 ore nella zona intorno a Bakhmut – è forse fame di munizioni?

Da parte ucraina, Serhiy Cherevaty, portavoce del comando orientale dell’Ucraina, in risposta alle domande della Reuters sui commenti di Prigozhin, ha detto che le forze russe hanno munizioni “più che sufficienti”.

Ha detto che i commenti di Prigozhin mirano a distrarre dalle pesanti perdite che Wagner ha subito gettando così tante truppe in battaglia.

“Quattrocentottantanove colpi di artiglieria nelle ultime 24 ore nella zona intorno a Bakhmut – è forse fame di munizioni?”.

In passato, l’Ucraina ha sempre respinto i commenti di Prigozhin come se fossero rivolti a un pubblico russo e non riflettessero la realtà.

La minaccia di Prigozhin di ritirarsi da Bakhmut evidenzia la pressione a cui sono sottoposte le forze russe mentre l’Ucraina sta facendo gli ultimi preparativi per una controffensiva sostenuta da migliaia di veicoli blindati donati dall’Occidente e da truppe appena addestrate.

La battaglia per Bakhmut è stata la più intensa del conflitto, costata migliaia di vite da entrambe le parti in mesi di guerra dura.

Le truppe ucraine sono state respinte nelle ultime settimane, ma si sono aggrappate alla città per infliggere il maggior numero possibile di perdite russe in vista della prevista grande spinta di Kiev contro le forze di invasione lungo la linea del fronte di 1000 chilometri.

A Mykolaiv, il governatore Vitaliy Kim ha dichiarato in un post sui social media che un edificio e il territorio appartenente a un’impresa non specificata sono stati danneggiati durante la notte dopo che i bombardieri russi a lungo raggio hanno preso di mira la sua regione meridionale con cinque missili da crociera Kh-22.

Il portavoce delle forze aeree ucraine, Yuriy Ihnat, ha dichiarato alla televisione locale domenica mattina che un totale di sei di questi missili sono stati lanciati contro l’Ucraina durante la notte, ma che nessuno ha colpito i loro obiettivi.

Nella regione orientale di Kharkiv, almeno cinque persone sono rimaste ferite dopo che un missile S-300 ha colpito un parcheggio nella città di Balakliya, lo ha detto il governatore Oleh Synyehubov.