I leader africani chiedono a Putin di fermare la guerra con l’Ucraina

30 Luglio 2023
guerra del grano

Dopo che in primavera la Corte penale internazionale ha emesso un mandato d’arresto nei suoi confronti per crimini di guerra in Ucraina, il vertice di questa settimana con i leader africani a San Pietroburgo ha rappresentato una rara opportunità per il presidente russo Vladimir Putin di incontrare le controparti internazionali.

Hanno partecipato 17 leader africani, un numero di gran lunga inferiore rispetto ai 43 del vertice di Sochi del 2019. Il Cremlino ha attribuito la minore partecipazione alle pressioni occidentali sui leader africani.

Al vertice sono stati discussi numerosi argomenti, tra cui questioni economiche, umanitarie e sportive, ma l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e l’insicurezza alimentare nel continente africano hanno occupato il centro della scena.

Il vertice si è aperto con l’impegno di Putin a fornire gratuitamente grano a sei nazioni africane. Secondo l’impegno, nei prossimi mesi verranno inviate 25.000-50.000 tonnellate di grano a Burkina Faso, Zimbabwe, Mali, Somalia, Repubblica Centrafricana ed Eritrea.

Interrogativi sulle promesse di Putin

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato che una “manciata di donazioni ad alcuni Paesi” non sarebbe sufficiente a risolvere la crisi alimentare causata dal ritiro della Russia da un accordo che permetteva all’Ucraina di continuare a esportare grano durante la guerra.

Amaka Anku, direttore della sezione Africa dell’Eurasia Group, ha affermato che il Cremlino sta cercando di contrastare le notizie secondo cui la guerra in Ucraina starebbe aggravando la crisi alimentare nel Sud del mondo. Tuttavia, ha detto, il grano non sarebbe insignificante per le nazioni a cui verrà inviato (se inviato).

“È chiaramente parte di una guerra di propaganda con l’Occidente, ma, se realizzata, potrebbe fare la differenza per i Paesi coinvolti”, ha detto Anku. “Si tratterebbe, in media, del 9-19% delle loro importazioni di grano per il 2022-23”.

Il grano come arma

In una dichiarazione rilasciata prima del vertice, Putin ha affermato che l’accordo negoziato per consentire all’Ucraina di continuare a esportare grano durante la guerra è stato “spudoratamente” utilizzato dalle aziende occidentali e, di conseguenza, meno del 3% del grano ha raggiunto i Paesi che ne avevano estremo bisogno. Tuttavia, Putin non ha menzionato il fatto che l’accordo ha contribuito a stabilizzare i prezzi dei prodotti alimentari a livello globale dopo l’impennata seguita alla sua decisione di invadere l’Ucraina.

Dopo che il Cremlino ha abbandonato l’accordo, l’esercito russo ha distrutto le scorte di grano nella città portuale ucraina di Odesa, da dove il grano veniva spedito in tutto il mondo. Un recente attacco al porto sul Danubio, a soli 200 metri dal confine con la Romania, membro della NATO, ha fatto temere un confronto diretto tra la Russia e l’Alleanza.

I leader occidentali hanno accusato la Russia di usare il grano come arma nella sua guerra contro l’Ucraina dopo la sospensione dell’accordo da parte del Cremlino. Alcuni analisti hanno suggerito che, aggirando l’Ucraina con spedizioni dirette di grano dalla Russia, il Cremlino potrebbe aumentare la sua influenza sui Paesi africani, che rappresentano un ampio blocco di voti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Anche accordi sulle armi

Il Cremlino ha firmato circa 40 accordi sulle armi con i Paesi africani a margine del vertice.

La Russia non ha gli stessi legami economici con i Paesi africani che hanno la Cina e l’Unione Europea. Il Cremlino ha anche investito molto poco nelle economie africane.

Il commercio di armi è uno dei rari settori in cui gli interessi della Russia e di alcuni leader africani si incontrano. Nonostante il calo delle vendite di armi dovuto alla guerra in Ucraina, la Russia rappresenta ancora il 40% delle esportazioni di armi in Africa, con Angola, Nigeria, Algeria e Mali tra i suoi principali clienti.

“Dipende molto dalla sostanza degli accordi militari”, ha dichiarato Samuel Ramani, autore di “Russia in Africa”. “La Russia ha già firmato 20 accordi militari. Alcuni di essi prevedono l’addestramento delle forze di polizia e l’assistenza anti-pirateria… mentre altri prevedono la consegna di armi e l’invio di istruttori”. Resta da vedere, nei prossimi mesi, quali saranno gli sviluppi di questi accordi”.

E il gruppo Wagner?

Il leader del gruppo mercenario russo Wagner era l’ospite meno atteso del vertice. Tuttavia, Yevgeny Prigozhin, che molti credevano in esilio in Bielorussia dopo un’insurrezione di breve durata a giugno, ha rubato la scena sui social media dopo che il primo giorno del summit una foto con un delegato della Repubblica Centrafricana è emersa sugli account dei social media affiliati a Wagner.

Alcuni media russi indipendenti hanno suggerito che la foto fosse stata scattata nella hall di un hotel di San Pietroburgo, che sarebbe di proprietà di Prigozhin.

Il Gruppo Wagner è stato ampiamente considerato uno strumento di politica estera del Cremlino, inviato a sostenere leader autoritari in cambio dell’accesso alle risorse minerarie per la Russia. I mercenari sono stati accusati del massacro di massa di civili in Mali, nella Repubblica Centrafricana e nel Sahel.

Fine della guerra

Dopo l’annuncio di Putin di spedizioni gratuite di grano, alcuni leader africani hanno continuato a fare pressione su di lui per riconsiderare l’accordo sul grano.

Macharia Munene, professore di storia presso la United States International University-Africa, ha dichiarato che “gli africani stanno dicendo che si può fare molto di più che offrire grano gratis a sei Paesi quando il resto è sospeso nell’aria”.

A giugno, una delegazione di sette Paesi africani, guidata da Ramaphosa, ha visitato sia Kiev che Mosca, alla ricerca di soluzioni diplomatiche per porre fine alla guerra.

“Non siamo venuti qui per chiedere qualche regalo”, ha detto il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa a Putin durante il vertice. “Certo, capiamo che lei, per generosità, abbia deciso di donare grano ad alcuni Paesi africani che stanno affrontando alcune difficoltà, ma questo non è il nostro obiettivo principale qui”.

Al vertice, i leader africani hanno chiesto nuovamente a Putin di fermare le ostilità in Ucraina.

“Questa guerra deve finire”, ha detto il presidente della Commissione UA Moussa Faki Mahamat. “E può finire solo sulla base della giustizia e della ragione”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
capo del gruppo wagner
Previous Story

Ecco la nuova Wagner. Dalla minaccia alla Polonia alle operazioni in Africa

Next Story

Vertice dei gruppi palestinesi in Egitto: «approfittare del caos in Israele»

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop