manifestazioni israele contro riforma

Il ministro della Cooperazione regionale David Amsalem ha chiesto sabato l’arresto dei leader della protesta contro la riforma giudiziaria, l’interrogatorio dell’ex primo ministro Ehud Barak e la destituzione del procuratore generale Gali Baharav-Miara.

Amsalem, un avvocato del Likud che ricopre anche una carica presso ministero della Giustizia e come incaricato del collegamento tra il governo e la Knesset, ha denunciato durante un’intervista a Channel 12 che i leader delle proteste hanno causato “disordini di massa” nel Paese negli ultimi sei mesi, mentre il capo della polizia del distretto di Tel Aviv, Amichai Eshed, si è rifiutato di affrontare la questione.

L’annuncio delle dimissioni di Eshed questa settimana, in cui si affermava che sarebbe stato trasferito dal ruolo a causa dell’avversione dei politici per il suo approccio morbido nei confronti dei manifestanti, ha portato a una serie di proteste di massa spontanee e al blocco dell’autostrada Ayalon a Tel Aviv per diverse ore.

Non c’è intelligence, non ci sono arresti nelle notti [delle proteste], non ci sono indagini su [l’ex capo della Corte Suprema] Aharon Barak o Ehud Barak. State male? Protestate, proprio come hanno fatto le persone fin dalla creazione dello Stato. Ma perché fare disordini? È illegalità“, ha detto, aggiungendo: “Ehud Barak, a mio parere, avrebbe dovuto essere nella stanza degli interrogatori già da qualche tempo”.

Non c’è persona nel Paese che non lo pensi, compreso lui stesso. Ma sa che nessuno lo farà perché è al di sopra della legge“, ha affermato Amsalem.

Giovedì Barak, che ha esortato alla “disobbedienza civile non violenta” per cercare di bloccare la revisione giudiziaria proposta dalla coalizione, ha dichiarato in un’intervista televisiva che i piloti e alcuni altri soldati d’élite dovrebbero rifiutarsi di continuare a prestare servizio nell’IDF se una proposta di legge attualmente avanzata dalla coalizione diventasse legge.

Il disegno di legge, che sarà presentato lunedì in prima lettura, impedirebbe alla magistratura di utilizzare la dottrina della “ragionevolezza” per rivedere le decisioni prese dal gabinetto, dai ministri del governo e da altri funzionari eletti non specificati.

Secondo un rapporto del mese scorso, è stata istituita una task force speciale per indagare se Barak e altri leader delle proteste possano essere accusati di incitamento per i commenti che incitano alle proteste antigovernative.

Non c’è pace nel disordine. Qui c’è anarchia. C’è una sfida allo stato di diritto qui, quindi i manifestanti devono essere dispersi“, ha detto Amsalem, chiedendo una mano più dura contro i dimostranti.

Il ministro si è anche scagliato contro Baharav-Miara, affermando che avrebbe dovuto lasciare l’incarico non appena il primo ministro Benjamin Netanyahu avesse istituito un nuovo governo il 29 dicembre.

Non è degna di questa posizione e non lo è mai stata, ha detto Amsalem. “Penso che se avesse avuto un po’ di rispetto per se stessa, avrebbe restituito le chiavi e sarebbe andata a casa“.

Il procuratore generale si è scontrato con i ministri su diverse questioni. Recentemente, Netanyahu, il ministro della Giustizia Yariv Levin e il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir hanno rimproverato Baharav-Miara e altri alti funzionari delle forze dell’ordine per la loro gestione delle proteste in corso contro la riforma giudiziaria.

Amsalem ha giustificato una proposta per limitare i poteri dei consulenti legali del governo, sostenendo che dalla creazione dello Stato, al partito di destra Likud non è stato permesso di governare quando è stato eletto.

Il Likud non può nominare funzionari [del ministero] e non può prendere decisioni. Ho cercato di nominare un direttore generale per tre mesi e mezzo, ma [il vice procuratore generale] Gil Limon non me lo ha permesso“, ha detto, riferendosi alle difficoltà incontrate da Amsalem nel nominare Moshe Swissa al ruolo di vertice del ministero della Cooperazione regionale, a causa di precedenti infrazioni disciplinari.

Non ci sono funzionari che hanno opinioni di destra. Non ci sono Likudniks. Più della metà del Paese è composta da likuddisti“, ha accusato, promuovendo un’argomentazione comune dei membri del governo secondo cui i burocrati del Paese non sono rappresentativi dell’opinione pubblica di destra. Ma mente sapendo di mentire perché non è vero che metà del Paese ha votato per il Likud. Il partito ha ottenuto il 23% dei voti alle ultime elezioni.

Amsalem è stato un convinto sostenitore della drastica revisione del sistema giudiziario prevista dal governo. Ad aprile ha chiesto l’incriminazione della presidente della Corte Suprema Esther Hayut per la sua opposizione al controverso piano, sollecitando anche indagini contro i leader del movimento di protesta.

Manifestazione davanti l’abitazione del Ministro della Difesa

manifestazioni in israele della comunità drusa
Membri della comunità drusa manifestano contro la riforma giudiziaria davanti la casa del Ministro della Difesa

Diverse migliaia di manifestanti si sono riuniti sabato sera davanti alla casa del Ministro della Difesa Yoav Gallant per una manifestazione notturna organizzata dai riservisti dell’esercito contro la riforma giudiziaria.

La manifestazione, svoltasi dalle 22.00 alle 3.00 nella città settentrionale di Amikam, è sembrata la prima di questo tipo da parte degli attivisti contrari alla riforma, che hanno recentemente intensificato i loro sforzi mentre il governo si appresta ad avanzare nei prossimi giorni la prima parte di un pacchetto legislativo volto a limitare radicalmente il sistema giudiziario del Paese.

Il gruppo di protesta contro la revisione, “Brothers in Arms”, ha dichiarato in un comunicato che “capi di stato maggiore e generali dell’IDF di tutti i tempi, comandanti del Mossad, comandanti dello Shin Bet e della polizia” hanno partecipato alla manifestazione notturna.

Insieme riporremo le nostre speranze nel ministro della Difesa, che ha già dimostrato che, sulla sua coscienza, non permetterà che venga danneggiata la sicurezza di Israele e che la nazione venga fatta a pezzi“, ha aggiunto il gruppo di protesta.

A fine marzo, Gallant aveva chiesto di sospendere la revisione giudiziaria, citando un “pericolo tangibile” per la sicurezza dello Stato, mentre centinaia di riservisti militari minacciavano di non presentarsi più in servizio per protestare contro la controversa legislazione.

Gallant è stato il primo membro del governo a chiedere pubblicamente di fermare la revisione, e il primo ministro Benjamin Netanyahu ha risposto annunciando la sua decisione di licenziarlo il giorno successivo. Questa mossa ha provocato proteste spontanee di un’intensità e di una portata mai viste durante i primi tre mesi di manifestazioni, che apparentemente hanno portato alla decisione del premier di ascoltare l’appello di Gallant il giorno successivo e di tenere colloqui con l’opposizione per raggiungere un compromesso sulla riforma giudiziaria.

Ma i negoziati si sono interrotti il mese scorso, portando la coalizione ad annunciare che avrebbe iniziato ad avanzare unilateralmente parti della revisione. Lunedì la coalizione dovrebbe far passare in prima lettura alla Knesset un disegno di legge che elimina la possibilità per i tribunali di pronunciarsi sulla “ragionevolezza” delle decisioni governative.

Durante la protesta notturna davanti all’abitazione di Gallant, gli oratori hanno invitato il ministro della Difesa ad opporsi ancora una volta ai piani dei suoi colleghi legislatori della coalizione, come aveva fatto tre mesi fa.

La spaccatura della società è più profonda che mai e il colpo di stato [del governo] distruggerà l’esercito del popolo“, ha dichiarato l’ex capo dello Shin Bet Ami Ayalon.

Le ho scritto in passato perché speravo che lei fosse lo stesso coraggioso comandante che ho nominato al comando dell’unità di ricognizione navale Shayetet“, ha continuato Ayalon. “Lei deve il suo ministero a noi e alle centinaia di migliaia di persone che sono scese in piazza. In passato ha scelto la lealtà alla sicurezza di Israele piuttosto che la lealtà a Netanyahu e ci aspettiamo che lo faccia di nuovo“.

L’ex capo di stato maggiore dell’IDF e ministro della Difesa del Likud, Moshe Ya’alon, ha dichiarato nel suo discorso di vergognarsi di Gallant e di altri membri del suo ex partito. “Conosco anche Nir Barkat e Avi Dichter che erano miei subordinati nell’esercito. Come fate a non vergognarvi di lasciare che Benjamin Netanyahu ci porti alla distruzione?“, ha chiesto.

Rivolgendosi a Gallant, il Magg. Gen. (Ris.) dell’IDF Noam Tibon ha detto che il ministro della Difesa era ben consapevole dei danni che la revisione stava causando. È per questo che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden non è disposto a incontrare Netanyahu.

Sapete che per prepararsi alla sfida iraniana, l’IDF deve essere al meglio, e che i piloti e i riservisti non voleranno o combatteranno per una dittatura“, ha avvertito.

Alla manifestazione è intervenuto anche l’ex generale dell’IDF Amal Assad, attivista sociale di spicco della comunità drusa.

Yoav, sono venuto qui per ricordarti che io e te siamo fratelli“, ha esordito. “Quando sei venuto a sostituirmi come generale di brigata per la regione di Jenin, ti ho detto che fino ad allora pensavo che non ci fossero più persone coraggiose come me, ma tu hai distrutto la mia percezione“.

Oggi sono qui, insieme ai Fratelli in armi, per chiedervi ancora una volta di ascoltare la vostra coscienza. Prendete una decisione coraggiosa e fermate la follia“, ha detto Assad.

Un cartello srotolato durante la protesta recitava: “Il processo legislativo dovrebbe essere fermato”, citando una frase del discorso di Gallant del 25 marzo.