La vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, ha invitato il mondo libero a difendere l’integrità territoriale e la libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale, e ha detto che Washington farà pressione su una campagna internazionale contro il “comportamento irresponsabile” nelle acque contese.

La Harris non ha citato la Cina per nome, ma si riferiva ovviamente a Pechino quando ha sottolineato il sostegno dell’America all’alleato filippino “di fronte all’intimidazione e alla coercizione nel Mar Cinese Meridionale”.

Ha parlato a bordo di una nave di pattuglia della Guardia Costiera filippina attraccata a Puerto Princesa, nella provincia occidentale di Palawan, che si trova ai margini delle acque contese. La visita, altamente simbolica, è stata l’ultima tappa di un viaggio di due giorni che ha preso il via lunedì a Manila per colloqui con il presidente Ferdinand Marcos Jr.

Citando l’importante posta in gioco per l’America e per la comunità internazionale nella regione, in particolare nel trafficato Mar Cinese Meridionale, Harris ha chiesto un ampio sforzo per lottare per il commercio senza ostacoli e per la libertà di navigazione e di sorvolo nelle acque contese.

“Dobbiamo difendere principi come il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale, il commercio legale senza ostacoli e la risoluzione pacifica delle controversie”, ha dichiarato.

“Continueremo a mobilitare i nostri alleati e partner contro comportamenti illegali e irresponsabili”, ha dichiarato. “Quando l’ordine internazionale basato sulle regole è minacciato da qualche parte, è minacciato ovunque”.

Un nuovo scontro è scoppiato prima della sua visita a Palawan quando la marina filippina ha affermato che una nave della guardia costiera cinese ha sequestrato con la forza dei detriti di razzi cinesi mentre i marinai filippini li stavano rimorchiando sulla loro isola.

Marcos Jr. ha dichiarato ai giornalisti, senza approfondire, di essere intenzionato a inviare una protesta diplomatica a Pechino per l’incidente. Ha aggiunto di volere un chiarimento perché la Cina ha negato che ci sia stato un sequestro forzato dei detriti.

I conflitti territoriali che da tempo coinvolgono Cina, Filippine, Vietnam, Malesia, Taiwan e Brunei sono stati a lungo considerati un punto nevralgico dell’Asia e una delicata linea di faglia nella rivalità tra Stati Uniti e Cina nella regione.

Nel colloquio di lunedì con Marcos Jr. la Harris ha ribadito l’impegno di Washington a difendere le Filippine in base al Trattato di Mutua Difesa del 1951, che obbliga gli alleati ad aiutare a difendere qualsiasi parte che venga attaccata.

“Un attacco armato contro le forze armate, le navi o gli aerei delle Filippine nel Mar Cinese Meridionale invocherebbe gli impegni di mutua difesa degli Stati Uniti”, ha detto Harris a Marcos Jr. “E questo è un impegno incrollabile che abbiamo nei confronti delle Filippine”.

Marcos Jr. ha ringraziato Harris, affermando che con gli sconvolgimenti nella regione e oltre, “questa partnership diventa ancora più importante”.

Nella città principale di Palawan, Puerto Princesa, Harris ha visitato una piccola comunità di pescatori e ha discusso con gli abitanti del villaggio l’impatto della pesca illegale sul loro sostentamento.

Secondo una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio, gli Stati Uniti forniranno ulteriori aiuti per 7,5 milioni di dollari alle agenzie filippine preposte all’applicazione della legge marittima per rafforzare la loro capacità di contrastare la pesca illegale, effettuare la sorveglianza del mare e contribuire alle attività di ricerca e salvataggio, anche nel Mar Cinese Meridionale.

Sebbene gli Stati Uniti non abbiano rivendicazioni sulla strategica via di comunicazione, dove si stima transiti ogni anno un volume di scambi commerciali globali pari a 5.000 miliardi di dollari, hanno dichiarato che la libertà di navigazione e di sorvolo è nell’interesse nazionale americano.

Nell’incidente di domenica nelle Spratlys, l’area più contesa, il viceammiraglio Alberto Carlos, comandante del Comando occidentale delle forze armate filippine, ha dichiarato che una nave della guardia costiera cinese ha bloccato per due volte un’imbarcazione civile presidiata da personale della Marina filippina prima di sequestrare i detriti che stava trainando al largo dell’isola di Thitu.

La Cina ha negato che ci sia stato un sequestro forzato e ha detto che i detriti, che ha confermato provenire da un recente lancio missilistico cinese, sono stati consegnati dalle forze filippine dopo una “consultazione amichevole”.

In passato, le navi della guardia costiera cinese hanno bloccato le imbarcazioni filippine che consegnavano rifornimenti alle forze filippine nelle acque contese, ma il sequestro di oggetti in possesso delle forze armate di un’altra nazione costituirebbe un atto più sfacciato.

La Cina ha avvertito Washington di non intromettersi in quella che definisce una disputa asiatica e ha affermato che i pattugliamenti e le esercitazioni di combattimento della Marina e dell’Aeronautica statunitensi nelle acque contese stanno militarizzando il Mar Cinese Meridionale.

A luglio, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha invitato la Cina a rispettare una sentenza arbitrale del 2016 che ha invalidato le vaste rivendicazioni territoriali di Pechino su basi storiche nel Mar Cinese Meridionale. La Cina ha respinto la decisione.