Società e cronaca

Migranti: su “Dublino 3” Renzi ci ha mentito?

L’Ungheria ha fatto sapere di essere “uscita” a tempo indeterminato dal regolamento di “Dublino 3” quello che per intenderci stabilisce le regole europee sui richiedenti asilo. Lo ha fatto sapere ieri sera il Governo di Viktor Orbàn. In sostanza l’Ungheria ha chiuso le frontiere ai richiedenti asilo dopo che una settimana fa aveva annunciato addirittura la costruzione di un muro anti-migranti.

Non voglio entrare nel merito della decisione presa da Orbàn, ci sarà chi la giudica una buona decisione (a destra) e chi invece parlerà di decisione razzista e xenofoba (a sinistra) anche se probabilmente la verità sta nel mezzo. Voglio parlare invece di quello che tale decisione comporta a livello europeo e in particolare di cosa comporta per l’Italia di Renzi.

Fino a ieri ci era stato detto che da “Dublino 3” non si poteva uscire e che quella firma messa dall’Italia su questo assurdo trattato (firmato dalla destra di Berlusconi e Maroni, cioè quelli che oggi contestano Renzi per non opporsi a quello che LORO hanno firmato) era a tutti gli effetti vincolante. Ora si scopre che l’Ungheria invece se ne esce e che blinderà le proprie frontiere (e qui ci sarebbe da parlare anche di Schengen). Cosa succederebbe se anche altri Stati facessero altrettanto? Dove andrebbe a finire la già contestata ripartizione dei richiedenti asilo?

Intendiamoci, la ripartizione dei richiedenti asilo è una farsa. A parte il numero esiguo che viene interessato da questa decisione, nei fatti non vedremo mai gli altri Stati europei accollarsi i richiedenti asilo. Lo vediamo in questi giorni al confine con la Francia cosa sta accadendo. Addirittura cercano di rifilarci i loro di clandestini. Figuriamoci se si prendono migliaia di disperati. Quindi la decisione ungherese non cambia nulla per l’Italia. Noi ce li abbiamo e noi ce li teniamo. Quello che invece cambia (senza dubbio) è il concetto di “Dublino 3” perché dimostra che da quel trattato se ne può uscire. Renzi lo sapeva? Fino a ieri ci è stato detto che dovevamo tacere perché vincolati da “Dublino 3” e oggi scopriamo che invece gli altri se ne sbattono dei vincoli e lasciano tutta la patata bollente nelle mani dell’Italia.

Qui non si tratta di distinguere tra migranti clandestini e richiedenti asilo,non si tratta di stabilire se sia giusto o meno soccorrere questi poveretti in mare, per altro tutte cose decise da altri e non da Renzi, qui si tratta di stabilire se il Premier ci ha mentito, se cioè con l’inganno ci ha costretti a soccorrere i migranti in mare con la scusa che “non si poteva fare niente altro perché vincolati da Dublino 3”. Non è una questione umanitaria, non solo, questa è una questione morale perché se Renzi ci ha mentito lo ha fatto consapevolmente e deliberatamente per non fare un torto alla sua sinistra estrema e a tutti coloro che guadagnano milioni su questo grandissimo business. E ora gradiremmo dei chiarimenti.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Bianca B.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

One Comment

  1. Non so quale sia la differenza tra Dublino 2 del 2003 firmato dal governo Berlusconi e Dublino 3 del 2013 firmato dal governo Letta.
    Quello che però è chiaro è che Dublino 3 è l’attuale trattato.
    Non so pertanto cosa c’entri tirare in ballo il governo Berlusconi.
    Se quest’ultimo ha sbagliato, allora il governo Letta ha sbagliato di più, visto che le condizioni della Libia dopo la eliminazione di Gheddafi erano sotto gli occhi tutti già dal 2011.
    Per di più l’eliminazione del rais di Tripoli era stata voluta proprio da quei paesi- Francia e Gran Bretagna- che adesso rifiutano i migranti.
    Il governo Berlusconi fu complice contro voglia e non avendo senso dello stato si accodò come un pecorone.
    Mi sembra che il PD invece fosse favorevole, avendo sposato la tesi che si trattava di una “primavera”.
    Tra l’altro non si capisce sulla base di quale clausola di Dublino una nave inglese o norvegese, essendo territorio di quelle nazioni, possa raccogliere i migranti e portarceli in Italia invece che nel proprio paese.
    In realtà , Dublino o non Dublino, tutti hanno deciso- in ossequio alla linea di Renzi- che si può andare a prendere i migranti in mare e portarli Italia.
    E’ ovvio che la cosa non potrà continuare all’infinito e finirà in tragedia anche se Dublino dovesse essere messo in mora.
    Perchè in realtà nessun governo europeo vuole questi migranti.
    Come è altrettanto chiaro che nessuno li rimpatrierà mai.

Close