Scrive John Sweeney, un giornalista investigativo britannico che ha lavorato per il quotidiano The Observer e che sta lavorando a un documentario per la BBC sulla guerra in Ucraina, che i militari russi hanno il morale bassissimo.

Dopo più di tre settimane dall’inizio della guerra non ci sono carri armati russi nelle vie di Kiev e probabilmente non ci saranno mai.

Nella capitale e in altre località c’è ancora luce, internet, linee telefoniche. L’esercito russo ha mostrato tutti i suoi limiti, la sua impreparazione.

I morti tra i militari russi si contano a migliaia. Secondo fonti ucraine citate sempre da Sweeney sarebbero 13.700 ma è impossibile verificare. Tuttavia le notizie che arrivano dal fronte ci dicono che il numero non è inverosimile.

Per cautela, assumiamo che il numero dei morti russi sia 10.000. C’è una regola pratica che per ogni cadavere, ci sono tre soldati feriti. Ciò indicherebbe 30.000 feriti, quindi è probabile che i russi abbiano perso 40.000 effettivi solo nelle prime tre settimane di guerra.

Il sito ucraino Euromaidan Press è entrato in possesso di lettere di soldati russi che hanno combattuto senza sapere cosa stessero facendo li.

Il sergente Sapar M. Mirapov ha scritto al comandante dell’unità militare 61899: «Considero impossibile il ridispiegamento a causa della scarsa organizzazione dell’unità, della mancanza di comunicazioni e di capacità tecniche. [Durante il mio primo giro], sono arrivato senza capire cosa stavo facendo lì, senza alcuna spiegazione. Non voglio essere carne da cannone».

Per intenderci, l’unità militare 61899 altri non è la famosa 27° Separate Guards Sevastopol Red Banner Motor Rifle Brigade, truppe d’assalto che hanno combattuto nelle guerre cecene e siriane.

Il sergente Alexander A. Pugachev della 9° Guards Motor Rifle Division ha detto al suo comandante che «si rifiuta di partecipare di nuovo alle ostilità militari in Ucraina a causa della mancanza di supporto logistico, assenza di coordinamento delle azioni, assenza di qualsiasi comunicazione all’interno dell’unità e con il comando».

Appartenente alla stessa divisione, il tenente A. Yegorov ha scritto: «fin dall’inizio ci siamo trovati di fronte all’inganno [del comando] e all’occultamento dei veri obiettivi e compiti dello spiegamento militare. Incomprensibili ‘compiti di esercitazione militare’ significavano una cosa drammaticamente diversa. … Dopo aver attraversato il confine con l’Ucraina, siamo diventati un esercito di occupazione. L’abbiamo capito dalla reazione della popolazione civile».

Il morale basso deriva anche dalla seconda grande ragione del fallimento: L’alto comando russo se ne frega del suo popolo. Si preoccupa solo dei soldi. È corrotto.

Le razioni di cibo

Parliamo di cibo per cani. I soldati russi mangiano le migliori razioni nutrienti di qualsiasi esercito, purché si tratti di cibo per cani. Si può avere un assaggio di ciò che sta andando male sul terreno in Ucraina da una storia che Reuters ha pubblicato 11 anni fa.

L’agenzia di stampa riferì che l’ex maggiore Igor Matveyev (poi incarcerato) disse: «È imbarazzante da dire, ma i soldati qui sono stati nutriti con cibo per cani. Veniva dato loro come stufato». Le lattine di cibo per cani erano coperte da etichette con la scritta “manzo di prima qualità”.

Gli ucraini hanno trovato veicoli dell’esercito russo abbandonati con razioni di cibo con date di scadenza di sette anni fa.

Ciò che è ironico è che l’uomo responsabile è uno dei gangster preferiti dal Cremlino, Yevgeny Prigozhin, conosciuto come “lo chef di Putin”.

Con stretti legami con l’intelligence militare russa, il GRU, Prigozhin, un ex detenuto in epoca sovietica, ha gestito fattorie di troll e l’unità di mercenari assassini, il Gruppo Wagner, dal nome del compositore preferito di Hitler. Il suo impero ha assunto il 90% del business della fornitura di cibo all’esercito russo. Gli ucraini hanno pubblicato diversi video di soldati russi affamati che scavano in cerca di cibo. E questo grazie a Prigozhin e al suo capo.

Il giornalista investigativo Christo Grozev ha twittato: «Mentre i soldati russi muoiono di fame e irrompono nelle case degli ucraini implorando il pane, le razioni di cibo militare ‘non in vendita’ di Prigozhin hanno inondato i siti di ebay della Russia a 3 dollari a lattina».

La paranoia di Putin e la corruzione stanno uccidendo la macchina da guerra russa

E poi c’è una cattiva leadership. Putin ha lanciato una guerra senza intelligenza. Non ha guardato dall’altra parte del muro, e non ha chiesto a qualcuno cosa c’era dall’altra parte. O se l’ha fatto, quella persona aveva paura di dirgli la verità: che l’Ucraina stava per combattere.

La cattiva leadership è al centro del classico di Norman F. Dixon, “On the Psychology of Military Incompetence” e il boia di Mosca ne è l’esempio calzante. Putin è incompetente a guidare i suoi militari, alla grande. Ha una debole personalità autoritaria e ha paura della propria morte – da qui il lungo tavolo per il sit-down con il presidente francese Emmanuel Macron. È estremamente paranoico.

La paranoia sta distruggendo l’esercito russo dall’interno. Putin è prigioniero nel suo alto castello, proprio come Stalin. Poco prima di morire, Stalin scrisse: «Non mi fido di nessuno, nemmeno di me stesso». Lo stesso vale per Putin. Il suo terrore di rivelare troppo presto le sue intenzioni e di farle trapelare agli americani era così grande che non ci poteva essere alcuna pianificazione con l’esercito pronto all’invasione

Con solo un giorno di preavviso, lo stato maggiore russo è stato preso in contropiede fin dall’inizio, reagendo e inventando le cose man mano – con risultati disastrosi. I generali sono stati nominati sulla base della loro fedeltà al Cremlino – non del loro coraggio, non della loro competenza. Il servilismo va bene quando un esercito non sta combattendo un avversario difficile. Ma l’esercito ucraino si è dimostrato resistente oltre le aspettative.

Irina Borogan e Andrei Soldatov, entrambi giornalisti investigativi ed esperti dei servizi di sicurezza russi, suggeriscono che la paranoia di Putin sta corrodendo la fiducia all’interno del “santo dei santi”, lo stato segreto russo. Essi riferiscono che il capo del servizio di intelligence estera dell’FSB e il suo vice sono «detenuti dopo le accuse di abuso di fondi operativi destinati ad attività sovversive e per aver fornito scarsa intelligence in vista dell’invasione russa, ora in fase di stallo».

Il morale è scarso perché Putin non si preoccupa del suo popolo o dei suoi soldati; la corruzione è diffusa nel suo esercito perché, come ha detto Alexei Navalny, «lui è lo zar della corruzione» e la paranoia è ciò che affligge le ex spie del KGB. La guerra in Ucraina non sta andando bene e c’è solo una persona da incolpare. Non c’è da stupirsi che i pettegolezzi a Mosca dicano che i capi del FSB stiano vendendo le loro dacie in Crimea.