COVID-19 nei campi profughi siriani. Si teme una catastrofe sanitaria