Volontari russi pro-Ucraina invitano la Wagner a combattere con loro contro il Cremlino

By Staff RR e Agenzie

Un corpo militare volontario russo che sta combattendo per la sovranità dell’Ucraina, in seguito alla presunta morte di Yevgeny Prigozhin ha lanciato un messaggio ai combattenti del Gruppo Wagner: Unitevi al nostro fianco e combattete il Cremlino.

Prigozhin è tra i 10 membri del gruppo paramilitare che si pensa siano stati uccisi mercoledì a bordo di un aereo che si è schiantato in Russia, e alcuni suggeriscono che sia stato abbattuto dai missili aerei del Ministero della Difesa russo.

L’incidente è avvenuto a due mesi esatti dal giorno in cui Prigozhin e i suoi mercenari hanno inscenato un tentativo di ammutinamento contro il Cremlino, durato meno di 24 ore ma che ha attirato l’attenzione mondiale.

Giovedì il Presidente russo Vladimir Putin, che un tempo era strettamente legato all’oligarca e appaltatore militare privato, ha rotto il silenzio sulla presunta scomparsa di Prigozhin, definendolo “un uomo dal destino non facile” che ha commesso “gravi errori” ma è stato anche un formidabile alleato contro quello che lui definisce il regime neonazista in Ucraina.

“Faccio appello ai combattenti della PMC compagnia Wagner, per i quali il valore e l’onore hanno ancora almeno un significato”, ha dichiarato il leader del Corpo Volontario Russo (RDK) Denis Nikitin (Kapustin) in un video postato dal gruppo giovedì su Telegram. “A quanto pare, il vostro padre fondatore e i vostri comandanti sono stati cinicamente giustiziati. E sapete bene chi c’è dietro”.

“Pertanto, ora vi trovate di fronte a una scelta seria: O stare nel box del Ministero della Difesa della Federazione Russa e fare da cani da guardia ai carnefici dei vostri comandanti, o vendicarvi. Per vendicarvi, dovete passare dalla parte dell’Ucraina. Se non avete commesso crimini di guerra, vi invitiamo a unirvi ai nostri ranghi”.

Nikitin ha concluso la sua dichiarazione: “Finiamo insieme il sanguinoso tritacarne dell’SVO [operazione militare speciale] e poi marceremo su Mosca. E questa volta non ci fermeremo a 200 chilometri dalla tangenziale di Mosca, ma arriveremo alla fine”.

Nikitin, il cui vero cognome è Kapustin, è soprannominato “White Rex” e secondo Open Democracy è stato una figura ben nota nell’ambiente sociale russo di destra.

A luglio, un canale Telegram associato a Wagner ha annunciato che circa 22.000 mercenari sono rimasti uccisi combattendo contro gli ucraini mentre circa 40.000 sono rimasti feriti.

Non è dato sapere se questa iniziativa sia stata approvata o meno dal governo di Kiev.

Follow:
Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate