attentato-tel-aviv

Attacco palestinese ieri sera a Tev Aviv. Due palestinesi armati hanno aperto il fuoco sulla gente che affollava lo Sarona Market uccidendo almeno quattro persone e ferendone almeno 16 di cui alcuni in modo gravissimo. Un attacco in perfetto stile ISIS rivendicato e festeggiato da Hamas con un comunicato diffuso nella notte.

Erano circa le 21:30 locali quando due terroristi palestinesi, due cugini provenienti dal villaggio di Yatta (vicino a Hebron) poi identificati come Muhammad e Khalid Muhamra, hanno aperto il fuoco sulla folla inerme . Si erano seduti al tavolo di un ristorante dove avevano ordinato la cena quando all’improvviso hanno impugnato le armi e iniziato a sparare indiscriminatamente sulla folla. Immediata la reazione delle forze di sicurezza israeliane che hanno risposto al fuoco ferendo un terrorista mentre l’altro si dava alla fuga prima di essere arrestato poco lontano dal luogo dell’attentato.

Nella notte con un comunicato diffuso su Twitter Hamas si è assunto la responsabilità dell’attentato e si è felicitato con i due terroristi per il gesto “eroico”. L’IDF ha fatto irruzione nelle case dei due terroristi sequestrando diverso materiale giudicato “utile alle indagini” e interrogato i famigliari. Il comando del IDF nei territori ha reso noto di aver annullato almeno 204 permessi e ha richiamato in servizio i militari momentaneamente non operativi. Il Premier Netanyahu, appena rientrato dal suo viaggio in Russia, ha convocato una riunione di emergenza del Comitato di sicurezza annunciando «operazioni difensive e offensive» per rispondere a questo gravissimo atto terroristico. Il partito di Abu Mazen, Fatah, sul suo account Twitter ha detto che «Israele sta raccogliendo i frutti delle sue scelte violente nei confronti del popolo palestinese» approvando di fatto l’attacco terroristico.

Netanyahu si è recato sul luogo dell’attentato e ha promesso una «risposta intelligente ma molto forte» e ha detto di aver ordinato alla polizia e all’esercito «azioni risolute e immediate». Pochi minuti fa il Ministero della Difesa ha annunciato di aver revocato i permessi di viaggio per i palestinesi in occasione del Ramadam.

Redazione

© 2016, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

2 Comments

  1. gianni centola

    Meno chiacchiere caro Bibi “!! lascia mano libera a Liberman e vediamo se
    poi Obamino & compamìny avranno qualcosa da obiettare

  2. Ancora una volta si dimostra quanto sia futile, fuorviante, ingannevole e omicida/suicida, continuare a proporre dialogo con un nemico che festeggia i nostri morti per le strade distribuendo dolci e che vota al 99% per terrroristi (Hamas, OLP).
    La pace si fa con un nemico sconfitto, non irredento.