Di Tzahi Hanegbi – Martedì mattina è emerso che Israele e Libano sono sul punto di firmare un accordo sui confini marittimi, con entrambe le parti apparentemente soddisfatte della bozza finale.

Negli ultimi mesi, durante lo svolgimento dei negoziati, il Primo Ministro Yair Lapid e il Ministro della Difesa Benny Gantz hanno cercato di convincere l’opinione pubblica che l’accordo deve essere firmato per evitare una guerra totale con Hezbollah.

Non so se questi avvertimenti provengano da una forma di panico genuino o come parte delle rispettive campagne elettorali, ma credo che siano falsi allarmi. Non è detto che la mancata firma dell’accordo mediato dagli Stati Uniti avrebbe inevitabilmente portato a un confronto militare sul fronte settentrionale.

Sono stato presidente della commissione Affari esteri e Difesa della Knesset durante la Seconda guerra del Libano nel 2006 e per molti anni dopo. Ho partecipato alle riunioni di gabinetto per oltre un decennio, servendo in cinque governi israeliani.

La mia esperienza mi porta a credere che il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah non cambierà la politica che ha attuato nei confronti di Israele negli ultimi 16 anni. Non si precipiterà a fare mosse azzardate che potrebbero essere un disastro per il Libano, per la sua organizzazione e per lui stesso.

La Seconda guerra del Libano iniziò con una missione di ricognizione durante la quale due soldati dell’IDF, Ehud Goldwasser e Eldad Regev, furono rapiti da combattenti Hezbollah. Israele si vendicò, dando vita a 34 giorni di combattimenti feroci.

Poco dopo la guerra, Nasrallah ha dichiarato a un canale mediatico libanese che non avrebbe ordinato il rapimento se ne avesse conosciuto l’esito. Non si è trattato di un lapsus. Era stato pianificato e intendeva gestire le critiche mosse all’epoca a Hezbollah per le sue azioni affrettate, che avevano portato alla devastazione dei villaggi sciiti e del quartiere sciita di Beirut.

Sono passati più di 16 anni dalla guerra, che Nasrallah ha impiegato per riarmarsi e ricostruirsi. Tuttavia, continua a evitare di fare mosse avventate nei rapporti con Israele. Ha coltivato una politica in cui Hezbollah reagisce alle offensive israeliane in modo controllato, senza mai sfuggire di mano.

Nasrallah ha evitato lo scontro anche durante l’Operazione Northern Shield del 2018, quando le truppe dell’IDF hanno operato vicino al confine libanese e hanno distrutto i tunnel del terrore di Hezbollah, la cui costruzione è costata una fortuna al gruppo terroristico.

A differenza di altri leader del terrore come Osama bin-Laden di Al-Qaeda, Abu Bakr al-Baghdadi dello Stato Islamico e i capi di Hamas e della Jihad islamica, Nasrallah ha sempre preferito rimanere in vita alla gloria di diventare un martire. Ha trovato un equilibrio tra l’impegno intransigente verso la sua visione fondamentalista e il pragmatismo operativo volto a garantire la sopravvivenza della sua organizzazione e di se stesso.

Purtroppo, questo equilibrio rischia di saltare a causa dell’indecisione dell’attuale governo israeliano sull’accordo per il confine marittimo.

Cosa potrebbe concludere Nasrallah da un governo che ritira la maggior parte delle sue richieste quando viene pressato e celebra una bozza di “compromesso” – che sarebbe stata rifiutata da ogni altro governo israeliano nell’ultimo decennio?

Se Nasrallah lo interpreta come il panico di Israele per un possibile scontro sul fronte settentrionale, probabilmente ripenserà alla sua politica di contenimento. Da lì, la strada per una guerra totale è breve e gli avvertimenti che il nostro governo ha lanciato negli ultimi mesi potrebbero concretizzarsi.

Questa situazione riporta alla mente le critiche di Winston Churchill al governo britannico per aver firmato un accordo con la Germania nazista nel 1938: “Vi è stata data la possibilità di scegliere tra la guerra e il disonore. Avete scelto il disonore e avrete la guerra”. (Articolo in inglese)