Africa e contraccezione: liberare il corpo delle donne

26 Settembre 2023
contraccezione in africa

L’accesso al controllo delle nascite, che consente alle donne di decidere se, quando e quanti figli avere, è un diritto umano fondamentale.

Sebbene l’aumento dell’uso della contraccezione tra le donne dei Paesi a basso e medio reddito sia riuscito – secondo le Nazioni Unite – a prevenire oltre 141 milioni di gravidanze indesiderate, a limitare 29 milioni di aborti non sicuri e a evitare quasi 150.000 morti materne, solo una donna su quattro in questi Paesi in via di sviluppo può realizzare le proprie intenzioni di fertilità. Ciò significa che un numero inaccettabile di donne continua ad avere più figli di quelli che desidera, con conseguenze disastrose.

Ogni 2 minuti, una donna perde la vita a causa di complicazioni legate alla gravidanza o al parto. Nei contesti di conflitto, questo numero raddoppia, illustrando i rischi esacerbati che le donne affrontano in ambienti fragili. Anche per coloro che si trovano in spazi economici, sociali e politici relativamente sicuri, l’onere fisico, emotivo e mentale di portare avanti una gravidanza indesiderata presenta rischi per la salute che minacciano il benessere della madre e del bambino.

La pianificazione familiare ha vantaggi immensi e di vasta portata. Le donne che hanno accesso alla contraccezione moderna hanno spesso maggiori possibilità di scegliere il proprio futuro. Possono proseguire gli studi e le carriere, partecipare in modo più significativo allo sviluppo economico e, nel caso in cui decidano di avere figli, possono decidere quando farlo, quanti figli avere e come farli nascere, tutte decisioni che hanno una notevole influenza sulla loro salute.

Tuttavia, in molti Paesi africani le donne continuano a incontrare barriere all’accesso, spesso incontrando obiezioni religiose, comportamenti di controllo da parte dei partner che manipolano le scelte riproduttive e pressioni sociali per avere figli o continuare ad averne fino all’arrivo di un erede maschio. Inoltre, persiste lo stigma sull’uso dei contraccettivi e si rafforzano le falsità sulla loro sicurezza, che hanno alimentato idee sbagliate sui loro effetti a lungo termine sulla fertilità.

Molte di queste barriere sono radicate in strutture patriarcali che cercano di escludere le donne. Le donne a cui viene negata la facoltà di decidere della propria salute riproduttiva hanno spesso minori probabilità di intraprendere un’attività lavorativa significativa, costringendole a dipendere dal partner per il proprio sostentamento e lasciandole più vulnerabili alla povertà e agli abusi. Questo è il destino di oltre il 40% delle donne in tutto il mondo, alle quali viene ancora negato il diritto di prendere decisioni autonome e informate sulla propria salute sessuale e riproduttiva.

Sebbene alcune donne stiano combattendo mantenendo segreto il loro uso di contraccettivi (il 12,2% delle donne usa la contraccezione di nascosto in Kenya), non dovrebbero ricorrere a tali estremi per reclamare la loro autonomia. La vera autonomia, dopo tutto, non può essere goduta in segreto.

Negare alle donne questo diritto è un affronto alla loro autonomia e alla loro posizione di membri paritari della società. Privarle dell’opportunità di prendere decisioni sul proprio corpo è una forma di oppressione contro la quale dobbiamo opporci. Dobbiamo smettere di politicizzare la salute delle donne. La gravidanza e il parto – o la decisione di non vivere questi eventi – possono fare la differenza tra la vita, la qualità della vita e la morte. Questioni così importanti non dovrebbero essere ridotte a un argomento scottante in campagna elettorale o a una nota a piè di pagina in una dichiarazione di bilancio.

I governi dell’Africa orientale, ad esempio, stanziano fino a cinque volte più fondi per il rimborso del debito che per le spese sanitarie, comprese quelle essenziali per le donne. In Kenya, il governo ha tagliato i fondi per la salute nel bilancio 2023/2024 di 5,6 miliardi di KES (quasi 39 milioni di dollari), mettendo ulteriormente a rischio i servizi di salute riproduttiva. Questo stato di cose minaccia di annullare i guadagni faticosamente ottenuti nell’assistenza sanitaria nell’ultimo decennio. È anche la prova della mancanza di rappresentanza femminile ai tavoli decisionali.

Alcuni studi hanno dimostrato che quando le donne sono coinvolte nel processo decisionale in materia di salute ai più alti livelli di governo, la spesa per la salute, l’istruzione e le tutele sociali è maggiore. Per ogni dollaro in più speso per i servizi contraccettivi, potremmo risparmiare tre dollari in spese per la gravidanza e l’assistenza neonatale.

Un’equa rappresentanza ai tavoli decisionali in materia di salute non si limita quindi a spuntare la casella della rappresentanza di genere, ma è una strategia di sviluppo economico. Una migliore salute riproduttiva significa migliori risultati di sopravvivenza per i bambini, il che influisce sul dividendo demografico. I modelli economici hanno suggerito che in Kenya, Nigeria e Senegal, il reddito nazionale pro capite aumenterebbe dal 31 al 65% se venissero soddisfatte le esigenze di pianificazione familiare non soddisfatte. Questi modelli avrebbero maggiori possibilità di essere realizzati se si reimmaginasse il volto della leadership sanitaria e si desse a un maggior numero di donne il potere di guidare a tutti i livelli del processo decisionale in materia di salute, dai consigli di amministrazione alle camere da letto.

Viviamo in tempi straordinari. L’impatto della pandemia COVID-19 sulle nostre economie e sui nostri sistemi sanitari, i conflitti e i cambiamenti climatici rappresentano ulteriori sfide che minacciano ulteriormente i progressi faticosamente ottenuti nel migliorare l’accesso ai diritti alla salute sessuale e riproduttiva per le donne e le ragazze.

Nel celebrare la Giornata mondiale della contraccezione, dobbiamo unire i nostri sforzi per affrontare queste sfide e sostenere un accesso più equo a un’assistenza sanitaria riproduttiva di qualità, accessibile e completa.

Includendo le voci di coloro che sono più colpiti dalle politiche sanitarie sull’accesso alla contraccezione, possiamo arricchire la vita delle donne, delle loro famiglie e di intere comunità. Così facendo, possiamo anche accelerare i progressi verso il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
portaerei cinese Liaoning nel mar cinese meridionale
Previous Story

Come la Cina sta militarizzando il Mar Cinese Meridionale

nucleare iraniano via diplomatica
Next Story

Nucleare iraniano: USA pronti a riprendere la via diplomatica

Latest from Africa

Go toTop