Aiuti umanitari a Gaza: per l’ONU c’è un significativo miglioramento

By Sarah G. Frankl - Writer

Aiuti umanitari a Gaza – Un alto funzionario per gli affari umanitari delle Nazioni Unite per Gaza ha dichiarato che Israele ha preso provvedimenti per migliorare la consegna degli aiuti all’enclave, ma sono necessarie ulteriori misure urgenti per aumentare il volume di cibo e di altri articoli critici necessari nel territorio.

Sigrid Kaag, coordinatore senior delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari e la ricostruzione a Gaza, ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che “è necessario un cambiamento di paradigma per continuare a soddisfare gli immensi bisogni della popolazione civile in modo sicuro e protetto”.

Afferma che ciò richiede un ulteriore aumento “della qualità e della quantità dell’assistenza”, passi irreversibili per consentire la consegna sicura e senza ostacoli degli aiuti a Gaza e “preparativi tempestivi” per i progetti di avvio del recupero precoce di Gaza.

Kaag ha dichiarato che lei e il suo team hanno lavorato per lanciare un nuovo corridoio terrestre semplificato dalla Giordania e per massimizzare l’accesso dei carichi umanitari dall’Egitto attraverso i valichi di Rafah e Kerem Shalom.

Ha dichiarato che un “meccanismo delle Nazioni Unite” per accelerare la fornitura di aiuti a Gaza, richiesto dal Consiglio di Sicurezza in una risoluzione di dicembre, entrerà in funzione “nei prossimi giorni”, inizialmente via terra dalla Giordania e via mare da Cipro.

Aggiunge che “un database e un sistema di notifica saranno messi online per tutti i carichi destinati a Gaza lungo le rotte di approvvigionamento”.

Kaag afferma che la sua squadra ha una “cooperazione molto costruttiva” con Israele, che secondo lei ha compiuto una serie di passi dal 5 aprile.

Tra questi, l’aumento del volume degli aiuti che entrano a Gaza, l’apertura temporanea del valico di Erez e del porto di Ashdod per i beni umanitari, l’aumento del numero di camion in entrata dalla Giordania e la preparazione di altri valichi verso il nord di Gaza, dove la fame acuta e la carestia incombente sono più gravi. Ha anche citato la ripresa di alcune operazioni di panificazione nel centro e nel nord di Gaza e la riparazione della conduttura dell’acqua nel nord di Gaza.

Ma Kaag afferma che altre misure devono essere attuate con urgenza, tra cui il miglioramento delle procedure dei checkpoint e lo sgombero dei convogli umanitari, nonché la riparazione delle strade e l’approvazione di ulteriori apparecchiature di comunicazione, veicoli blindati e pezzi di ricambio per le attrezzature critiche.

“Un accordo sull’evacuazione medica e delle vittime è altrettanto urgente”, afferma Kaag, e il miglioramento delle comunicazioni tra gli operatori umanitari e i decisori militari israeliani e “un deconfliction efficace e credibile” è vitale per tutti gli attori umanitari sul campo”.

By Sarah G. Frankl Writer
Follow:
Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica