Antisionismo è antisemitismo. I DEM americani si spaccano

6 Dicembre 2023
antisionismo equiparato

I Democratici della Camera si sono spaccati martedì su una risoluzione che condanna l’aumento dell’antisemitismo negli Stati Uniti e nel mondo, con più della metà di loro che ha rifiutato di sostenere una misura che dichiara che “l’antisionismo è antisemitismo”.

La risoluzione che denuncia l’antisemitismo, redatta dai repubblicani, è passata con un voto di 311 a 14, ottenendo il sostegno di tutti i repubblicani tranne uno. Novantadue democratici hanno votato “presente” – senza prendere posizione a favore o contro la misura – mentre 95 l’hanno sostenuta.

Ciò riflette le profonde e crescenti divisioni tra i Democratici tra coloro che hanno offerto un sostegno inequivocabile allo Stato ebraico e alle sue azioni e altri – soprattutto nell’ala progressista del partito – che hanno criticato le politiche di Israele e la sua condotta nella guerra con Hamas.

“In base a questa risoluzione, coloro che amano profondamente Israele ma criticano alcuni dei suoi approcci politici potrebbero essere considerati antisionisti”, ha dichiarato il rappresentante Jerrold Nadler, democratico di New York e membro ebreo di più lunga data della Camera, in un discorso prima di votare “presente”. Questo potrebbe rendere ogni membro democratico ebreo di questo corpo, perché tutti hanno criticato il recente pacchetto di riforma giudiziaria israeliana, di fatto antisemiti”. Potrebbe essere questa l’intenzione dell’autore?”.

Il sionismo è nato come movimento per la creazione di uno Stato ebraico nella terra precedentemente conosciuta come Palestina e, dalla fondazione di Israele, è stato definito come l’ideologia politica che sostiene l’esistenza di Israele come Stato ebraico.

Nelle ultime settimane la Camera ha approvato una serie di risoluzioni per dichiarare solidarietà con Israele, denunciare l’antisemitismo e ripudiare le azioni di Hamas e dei suoi sostenitori, dopo l’attentato del 7 ottobre guidato da Hamas che ha ucciso più di 1.200 persone e ne ha prese in ostaggio altre 240.

Il rappresentante David Kustoff, repubblicano del Tennessee e autore della risoluzione, ha respinto il suggerimento che la sua misura fosse politica, accusando invece i democratici di aver sposato opinioni antiebraiche.

“Abbiamo visto membri di questo stesso organismo ripetere una retorica palesemente antisemita e diffondere menzogne su Israele e sul suo diritto all’esistenza”, ha detto Kustoff in aula. “Voglio essere assolutamente chiaro: un simile odio non ha posto nelle sale del Congresso, né nel nostro discorso nazionale”.

Nelle ultime settimane, i Repubblicani e alcuni Democratici hanno accusato alcuni Democratici di sinistra di usare un linguaggio antisemita. Il mese scorso, la Camera ha censurato la rappresentante Rashida Tlaib, democratica del Michigan, per aver promosso uno slogan pro-palestinese, “dal fiume al mare”, che è visto da molti come un invito alla distruzione dello Stato di Israele.

Rashida Tlaib antisetimismo tra i democratici americani
Rashida Tlaib

La Tlaib ha negato che questa fosse la sua intenzione, difendendo la retorica come un appello aspirazionale alla creazione di uno Stato palestinese. La Tlaib ha anche subito il fuoco dei suoi colleghi per aver accusato il Presidente Biden di sostenere un “genocidio” nella Striscia di Gaza.

Il genocidio è definito dal diritto internazionale come un crimine con l’intento di distruggere un gruppo nazionale, razziale, etnico o religioso. I funzionari israeliani hanno insistito sul fatto che stanno cercando di colpire Hamas, incolpando il gruppo terroristico di eventuali danni collaterali. Tuttavia, alcuni funzionari per i diritti umani hanno messo in discussione le tattiche di Israele, dato che il bilancio delle vittime civili è salito, con le autorità sanitarie di Gaza che stimano più di 15.500 morti.

Questi sentimenti sono stati ripresi dai manifestanti filopalestinesi nelle grandi città e nei campus universitari, durante le manifestazioni che a volte sono state punteggiate da voci che mettevano in dubbio il diritto all’esistenza di Israele e da incidenti che hanno preso di mira gli studenti ebrei.

I Democratici che hanno messo in discussione la risoluzione hanno definito inaccettabili tali manifestazioni di sentimento antiebraico, ma hanno affermato che equiparare tutto l’antisionismo all’antisemitismo è eccessivo.

“Lasciatemi essere inequivocabilmente chiaro: la maggior parte dell’antisionismo, in particolare in questo momento, ha un vero problema di antisemitismo”, ha detto Nadler. “Ma non si può dire che l’uno equivalga all’altro”.

[jetpack_subscription_form]

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
guerra israele hamas soldati idf entro Gaza
Previous Story

Guerra Israele – Hamas: la giornata con combattimenti più intensi

antonio guterres segretario generale onu amico di hamas
Next Story

Antonio Guterres, l’amico potente di Hamas all’ONU

Latest from Report e analisi

Go toTop