Attacco a Bruxelles: Europa in guerra con l’islam. E’ ora di parlare chiaro

22 Marzo 2016

europa-islam

Questa mattina il terrorismo islamico ha colpito Bruxelles e più precisamente l’aeroporto e il metrò della capitale belga e dell’Unione Europea. Secondo le prime stime, del tutto provvisorie, ci sarebbero almeno 11 morti e decine di feriti.

Ma non è il Belgio ad essere colpito dal terrorismo islamico, è l’intera Europa ad esserlo. Colpire Bruxelles ha un alto valore simbolico che non può e non deve essere sottostimato. L’islam vuole colpirci al cuore, sono mesi e mesi che lo dichiara. Islam e non solo terrorismo islamico, è ora di finirla con la suicida idea che le sue cose siano separate. E’ arrivata l’ora di parlare chiaro e di smetterla di fare distinzioni. Il caso di Salah Abdeslam e della protezione fornitagli dai musulmani “moderati” è li a dimostralo. Negarlo è semplicemente suicida.

Questa volta non dovremo fare come dopo gli attacchi di Parigi dove, passata la prima ondata di sdegno, tutto e tornato alla normalità e in ogni talk show televisivo si è assistito a un miserevole e squallido tentativo di assolvere l’islam. No, stavolta deve essere diverso perché il problema non è il terrorismo islamico ma quello che esso rappresenta, l’Islam.

Non possiamo più nasconderci dietro a un dito, l’islam non è affatto una religione di pace come vogliono farci credere e nel momento in cui ci stiamo mettendo in casa milioni di musulmani dobbiamo essere coscienti del rischio che andiamo a correre.

Scritto da Antonio M. Suarez

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Hezbollah minaccia di colpire la centrale nucleare di Dimona

Next Story

Europa sotto attacco islamico, ma l’Onu pensa a condannare Israele

Latest from Società e cronaca

Go toTop