Dopo l’attacco iraniano al Pakistan la risposta di Islamabad. Il punto della situazione

18 Gennaio 2024
attacco iraniano al pakistan risposta islamabad

L’aviazione pakistana ha lanciato attacchi di rappresaglia contro due presunte postazioni di militanti in Iran, dopo che un attacco aereo iraniano ha ucciso due bambini nel Paese.

Gli attacchi aerei di giovedì nella provincia di Sistan e Baluchestan hanno provocato almeno sette morti – e minacciano di infiammare ulteriormente le tensioni tra le due nazioni.

Gli attacchi mettono a repentaglio anche le relazioni diplomatiche tra i due vicini, già molto compromesse, dal momento che l’Iran e il Pakistan, dotato di armi nucleari, si guardano da tempo con sospetto.

Inoltre, fanno aumentare la minaccia di una guerra vera e propria in un Medio Oriente già afflitto dal conflitto di Israele con Hamas, che dura ormai da mesi.

L’Iraq, nel frattempo, ha richiamato il suo ambasciatore dall’Iran per consultazioni, dopo che l’Iran ha ammesso di aver effettuato l’operazione con missili e droni nella provincia del Baluchistan, nel Pakistan occidentale, martedì.

Le foto scattate giovedì mattina nell’Iran orientale – vicino a Saravan, a una ventina di chilometri dal confine – sembrano mostrare il fumo che inghiotte gran parte della città, mentre un incendio continua a divampare da uno degli edifici presi di mira,

La posizione esatta della struttura colpita, giovedì mattina, non è stata specificata, ma fonti delle forze armate pakistane hanno definito il sito un “complesso di militanti”.

Gli iraniani, nel frattempo, continuano a segnalare danni significativi a diversi edifici residenziali e possibili vittime civili nei pressi della città.

Mentre le foto mostrano alcuni dei danni, il Ministero degli Esteri del Pakistan ha rilasciato una dichiarazione per giustificare le azioni del Paese.

L’azione di questa mattina è stata intrapresa alla luce di informazioni credibili su imminenti attività terroristiche su larga scala”, si legge.

Questa azione è una manifestazione della determinazione incrollabile del Pakistan a proteggere e difendere la sua sicurezza nazionale contro tutte le minacce”.

L’agenzia ha poi descritto l’operazione come “una serie di attacchi militari di precisione altamente coordinati e specificamente mirati”, nonostante alcune segnalazioni di edifici residenziali colpiti e potenziali vittime civili.

Ad agitare ulteriormente la pentola figurativa del Medio Oriente c’è il fatto che l’Iran ha già effettuato diversi attacchi aerei in Iraq e Siria lunedì scorso, dopo un attentato suicida rivendicato dallo Stato Islamico che ha ucciso oltre 90 persone all’inizio del mese.

Diversi gruppi di insorti, nel frattempo, operano sia in Iran che in Pakistan – tra cui il gruppo separatista sunnita Jaish al-Adl, che è stato preso di mira da Teheran nel suo stesso attacco – aggiungendo altri problemi a una situazione già instabile.

Tutti hanno l’obiettivo comune di un Baluchistan indipendente per le aree di etnia baluci in Afghanistan, Iran e Pakistan, e la provincia pakistana del Baluchistan, così come la vicina provincia iraniana del Sistan e Baluchestan, hanno affrontato il peso dei loro sforzi.

Detto questo, il Pakistan ha chiamato la sua operazione di giovedì “Marg Bar Sarmachar” – un riferimento a un famoso modo di dire in farsi usato in Iran dalla Rivoluzione islamica del 1979, con le prime due parole che significano “morte a”, e di solito usato per riferirsi sia agli Stati Uniti che a Israele.

Nel frattempo, nella lingua locale dei Baluch, “sarmachar” significa guerriglia – ed è comunemente usato dai militanti che operano nella regione transfrontaliera.

Il vice governatore della provincia iraniana di Sistan e Baluchestan, Ali Reza Marhamati, ha fornito le cifre delle vittime dell’attacco di giovedì in un’intervista telefonica, affermando che tra i morti ci sono tre donne e quattro bambini.

Non ha fornito dettagli immediati, se non che i morti non erano cittadini iraniani.

HalVash, un gruppo di difesa del popolo Baluch, ha condiviso online immagini che sembravano mostrare i resti delle munizioni utilizzate nell’attacco.

Il gruppo ha affermato che diverse case sono state colpite a Saravan, una città della provincia iraniana di Sistan e Baluchestan. Ha condiviso video che mostrano un edificio con pareti di fango distrutto e il fumo che si alza sopra l’attacco subito dopo.

Gli sviluppi di giovedì arrivano un giorno dopo che il Pakistan ha richiamato il suo ambasciatore a Teheran a causa degli attacchi di martedì da parte dell’Iran nella provincia sud-occidentale del Baluchistan. L’Iran ha affermato di aver preso di mira le basi di un gruppo militante separatista sunnita.

Mappa attacco iraniano in pakistan
Il punto attaccato dagli iraniani in Pakistan

L’attacco ha suscitato una forte condanna da parte del Pakistan, che ha denunciato l’attacco come una “palese violazione” del proprio spazio aereo e ha dichiarato di aver ucciso due bambini.

Mentre gli iraniani continuano a valutare la portata dell’attacco, la guerra a più di mille miglia a ovest, in Israele, continua a infuriare.

Martedì gli Stati Uniti hanno effettuato quattro nuovi attacchi contro lo Yemen, mirando a missili balistici antinave utilizzati dai ribelli Houthi.

Martedì, poco dopo l’attacco iraniano al suolo pakistano, il gruppo sostenuto dall’Iran ha avvertito che le navi britanniche e americane nel Mar Rosso sono ora diventate “obiettivi legittimi”, a seguito di attacchi congiunti contro siti militari gestiti dal gruppo che è stato definito da Joe Biden “terrorista”.

Gli Houthi hanno sporadicamente preso di mira le navi nella regione, ma gli attacchi si sono intensificati dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas.

In risposta, gli Stati Uniti hanno lanciato l’Operazione Prosperity Guardian, una coalizione internazionale per la salvaguardia della regione, a cui partecipano molti altri Paesi, tra cui Spagna e Regno Unito.

Da quando l’operazione è stata lanciata, a dicembre, sono transitate in mare 1.200 navi commerciali, nessuna delle quali è stata colpita da droni o missili fino alla prima fase dell’attacco di domenica, quando i militanti hanno attaccato la Hangzhou con diversi missili.

Il viceammiraglio della Marina statunitense Brad Cooper venerdì aveva già avvertito che, anche con la task force, gli Houthi non sembrano intenzionati a porre fine ai loro attacchi “sconsiderati”, dopo aver preso di mira più di 100 navi nel Mar Rosso da novembre.

L’attacco di domenica dimostra la continua determinazione del gruppo a sostenere Hamas, che Israele si è recentemente impegnato a continuare a cercare di sradicare.

Gli incidenti hanno alimentato le preoccupazioni sul pericolo che l’offensiva israeliana possa scatenare un conflitto più ampio e un contemporaneo aumento dei prezzi del gas, essendo anche una delle rotte più importanti per le spedizioni di petrolio e gas naturale liquefatto in Medio Oriente.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

attacco usa contro houthi
Previous Story

Confermato attacco Stati Uniti contro Houthi nello Yemen

tensione iran pakistan cina negoziatore
Next Story

Tensione tra Iran e Pakistan: la Cina si offre di negoziare

Latest from Medio Oriente

Go toTop