Come gli Emirati Arabi Uniti alimentano la guerra in Sudan

Con il pretesto di salvare i rifugiati, gli Emirati Arabi Uniti stanno conducendo un’elaborata operazione segreta per appoggiare una delle due parti nella guerra in Sudan, fornendo armi potenti e droni, curando i combattenti feriti e trasportando per via aerea i casi più gravi in uno dei loro ospedali militari.

L’operazione è basata su un campo d’aviazione e un ospedale in una città remota oltre il confine sudanese in Ciad, dove gli aerei cargo degli Emirati atterrano quasi ogni giorno da giugno, secondo le immagini satellitari e l’intelligence americana.

È l’ultimo esempio di come gli Emirati, un alleato americano nel Golfo Persico, abbiano usato la loro vasta ricchezza e il loro sofisticato armamentario per posizionarsi come un attore chiave e talvolta un kingmaker in tutta l’Africa.

In Sudan, le prove suggeriscono che sta sostenendo le Forze di Supporto Rapido, o R.S.F., un potente gruppo paramilitare che è stato collegato al gruppo mercenario russo Wagner e accusato di atrocità. L’R.S.F. sta combattendo contro l’esercito regolare sudanese in una guerra civile che da aprile ha causato la morte di 5.000 civili e lo sfollamento di oltre quattro milioni di persone.

Gli Emirati, tuttavia, insistono sul fatto che la loro operazione al confine con il Sudan è puramente umanitaria.

Da quando gli aerei hanno iniziato ad arrivare nella città ciadiana di Amdjarass, l’agenzia di stampa statale emiratina ha pubblicato le immagini dello scintillante ospedale da campo dove, a suo dire, da luglio sono stati curati oltre 6.000 pazienti. I video mostrano funzionari emiratini che lasciano pacchi di aiuti fuori dalle capanne di paglia dei villaggi vicini, donano capre e rinnovano le scuole. Hanno persino organizzato una corsa di cammelli.

da quando il Sudan è piombato in guerra, ad Amdjarass si sono registrati appena 250 rifugiati

Il motivo, dicono gli Emirati, è aiutare i rifugiati sudanesi, molti dei quali in fuga dalla brutale violenza etnica nella regione del Darfur. Ma da quando il Sudan è piombato in guerra, ad Amdjarass si sono registrati appena 250 rifugiati, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

L’emergenza profughi è in realtà a poche centinaia di chilometri a sud, a due giorni di macchina su strade desertiche e sterrate, dove 420.000 sudanesi arrivati di recente sono stipati in campi fatiscenti in condizioni disperate.

guerra in sudan aree interessate

Gli Emirati Arabi Uniti stanno quindi usando la loro missione di aiuto per mascherare il loro sostegno militare al leader delle Forze di Supporto Rapido, il Tenente Gen. Mohamed Hamdan, noto come Hemeti, un ex comandante della milizia del Darfur con una reputazione di spietatezza e legami di lunga data con gli Emirati.

“Gli emiratini vedono Hemeti come il loro uomo”, ha detto un ex alto funzionario statunitense. “Lo abbiamo visto altrove: prendono un uomo e lo sostengono fino in fondo”.

Come attore sempre più attivo nel continente africano, gli Emirati hanno firmato accordi commerciali del valore di decine di miliardi di dollari per sviluppare miniere nella Repubblica Democratica del Congo, per i crediti di carbonio in Liberia e per controllare i porti in Tanzania, Somalia e Sudan.

Nella Libia orientale, gli Emirati hanno armato il signore della guerra Khalīfa Ḥaftar in violazione di un embargo internazionale sulle armi. In Etiopia, hanno fornito al primo ministro Abiy Ahmed droni armati in un momento cruciale del conflitto del Tigray nel 2021, ribaltando di fatto le sorti della guerra.

In Sudan, gli Emirati stanno formalmente spingendo per la pace. Come membro del Quad, un gruppo diplomatico che comprende Stati Uniti, Gran Bretagna e Arabia Saudita, stanno cercando di mediare una fine negoziata del conflitto. Nel frattempo, le armi emiratine alimentano la guerra.

Nelle ultime settimane, i combattenti del generale Hamdan hanno usato missili anticarro Kornet, forniti dagli Emirati, per assaltare una base fortificata del Corpo d’Armata nella capitale del Sudan, Khartoum.

L’operazione segreta in Sudan ha fatto innervosire i funzionari americani, già sconcertati dai crescenti legami degli Emirati con Russia e Cina. Il suo sovrano, lo sceicco Mohammed bin Zayed, ospita 5.000 militari statunitensi sul suo territorio. Ma i suoi sforzi in Sudan allineano lo sceicco Mohammed con l’altro sponsor straniero del generale Hamdan, i mercenari russi Wagner.

Wagner ha fornito missili terra-aria con i quali i ribelli hanno abbattuto diversi jet sudanesi

Un rapporto inedito degli investigatori delle Nazioni Unite presentato al Consiglio di Sicurezza, descrive nei dettagli come il generale Hamdan abbia ottenuto missili terra-aria da basi nella vicina Repubblica Centrafricana in aprile e maggio. Wagner ha fornito i missili, ha detto un funzionario delle Nazioni Unite. I missili sono stati utilizzati per abbattere diversi jet da combattimento sudanesi, secondo quanto dichiarato da due funzionari sudanesi.

Le Forze di supporto rapido non hanno risposto alle domande, ma hanno tuttavia negato “qualsiasi associazione con il Gruppo Wagner”.

Interrogato sulle attività emiratine ad Amdjarass, un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno sollevato preoccupazioni “con tutti gli attori esterni che sono sospettati di rifornire una delle due parti del conflitto in Sudan, compresi gli Emirati Arabi Uniti”.

Per i critici sudanesi, l’ingerenza degli Emirati rappresenta un’oltraggiosa dualità: un Paese che parla di pace mentre alimenta la guerra, e che afferma di aiutare i rifugiati sudanesi mentre sostiene i combattenti che li hanno costretti a fuggire.

“Mi fa arrabbiare e sentire frustrato”, ha dichiarato Husam Mahjoub, cofondatore di Sudan Bukra, una società indipendente di media sudanese. “Lo abbiamo già visto in Paesi come la Libia e lo Yemen: Gli Emirati Arabi Uniti dicono di volere la pace e la stabilità, ma allo stesso tempo fanno di tutto per contrastarla”.

Questo non è un ospedale civile

finti aiuti umanitari in sudan
Propaganda emiratina sugli aiuti umanitari

L’operazione ad Amdjarass è iniziata seriamente a metà giugno, circa due mesi dopo l’inizio della guerra per il controllo del Sudan.

Quel mese, il presidente ciadiano Mahamat Idriss Déby ha incontrato il leader emiratino, lo sceicco Mohammed, in uno dei suoi palazzi ad Abu Dhabi. Déby se ne andò con un prestito di 1,5 miliardi di dollari (il bilancio annuale del Ciad è di 1,8 miliardi di dollari) e con la promessa di veicoli militari, poi consegnati in agosto.

Giorni dopo, gli aerei cargo emiratini hanno iniziato ad affluire ad Amdjarass, una piccola città oasi con pochi abitanti ma con una pista d’atterraggio insolitamente lunga. Sono decine i voli individuati da maggio.

Il padre di Déby, Idriss, che ha governato il Ciad per tre decenni, è nato ad Amdjarass e vi ha spesso ospitato dignitari stranieri, costruendo nelle vicinanze un aeroporto che vantava la pista più lunga della nazione.

Il 4 luglio, dopo che un tracker di voli noto come Gerjon ha pubblicizzato l’improvviso aumento dei voli emiratini ad Amdjarass, gli Emirati hanno annunciato di aver aperto un ospedale da 50 posti letto ai margini della pista. Sono seguiti altri comunicati stampa che sottolineavano le distribuzioni di aiuti emiratini.

“Una nuova pietra miliare nel brillante record di donazioni degli Emirati Arabi Uniti”, si legge in un comunicato stampa.

Ma ci sono stati anche segni di dissenso. Sui social media è circolato un video che mostra tribù locali che protestano contro la nuova base emiratina. “Questo non è un ospedale civile”, ha dichiarato uno di loro, aggiungendo che gli Emirati sostengono la RSA con logistica e armi. Poi ha bruciato una bandiera emiratina.

Queste accuse erano fondate. In una parte dell’ospedale, hanno detto gli ufficiali africani, i medici emiratini stavano curando i combattenti delle Forze di supporto rapido feriti. Alcuni sono stati poi trasportati in aereo ad Abu Dhabi per essere curati all’ospedale militare Zayed.

Allo stesso tempo, come mostrano le immagini satellitari e i dati di tracciamento dei voli, l’aeroporto di Amdjarass si stava espandendo in un vivace campo d’aviazione in stile militare che sembrava superare le esigenze del suo piccolo ospedale. Sono stati costruiti due rifugi temporanei per gli aerei e un hangar. Il complesso dell’ospedale si espanse. Sono state allestite vasche di stoccaggio del carburante.

Il terreno è stato livellato in un’ampia zona a sud della pista, indicando una potenziale nuova area dove parcheggiare gli aerei.

Molti degli aerei cargo che atterrano ad Amdjarass avevano già trasportato armi per gli Emirati in altre zone di conflitto. Un aereo Ilyushin registrato alla Fly Sky Airlines, che gli investigatori delle Nazioni Unite hanno accusato di aver violato l’embargo sulle armi alla Libia, è sospettato di aver consegnato droni all’Etiopia nel 2021.

Un’analisi accurata ha rilevato che il modello di costruzione del campo d’aviazione assomiglia a una base per droni costruita dagli Emirati ad Al Khadim, nella Libia orientale, nel 2016. (Più di recente, vi hanno stazionato mercenari Wagner).

Da Amdjarass, le armi vengono trasportate a 150 miglia a est fino a Zurug, la principale base della R.S.F. nel feudo del generale Hamdan nel Darfur settentrionale. Lo riferiscono funzionari sudanesi, ciadiani e delle Nazioni Unite. Un anziano di una tribù sudanese di confine ha detto che la R.S.F. si è rivolta al suo gruppo quest’estate per garantire un passaggio sicuro ai convogli stradali dal confine a Zurug.

Il campo d’aviazione continua ad espandersi. Ci sono immagini satellitari notturne di fine agosto che rilevano luci sul piazzale, sulla pista di rullaggio e sulla pista di atterraggio, suggerendo che i preparativi per le future operazioni sono stati schermati dalle fotografie satellitari diurne.

satellite

“Gli Emirati hanno fatto più di chiunque altro per sostenere la RSA e per prolungare il conflitto in Sudan”, ha dichiarato Cameron Hudson, ex analista della C.I.A. per l’Africa, ora al Center for Strategic and International Studies.

Ma, ha aggiunto, “non lo fanno con molte impronte digitali, e questo è intenzionale”.

Un’altra guerra africana

Il rapporto degli Emirati con il generale Hamdan è iniziato in Medio Oriente. Nel 2018, gli Emirati hanno pagato profumatamente il capo della milizia sudanese per inviare migliaia di combattenti nel sud dello Yemen, come parte della campagna militare degli Emirati contro i ribelli Houthi nel nord.

Questa campagna ha arricchito il generale Hamdan e ha contribuito a rendere la R.S.F. ancora più potente all’interno del Sudan. Dopo aver costruito un impero commerciale sull’estrazione dell’oro, ha trasferito i suoi proventi a Dubai, dove il fratello minore, Algoney Hamdan Dagalo, ha creato società per gestire gli interessi di famiglia.

Il motivo per cui gli Emirati hanno scelto di raddoppiare il sostegno al generale Hamdan, nonostante le crescenti prove delle atrocità commesse durante la guerra, ha lasciato perplessi molti funzionari e analisti occidentali.

Come molti Paesi del Golfo, gli Emirati vedono nel Sudan una potenziale fonte di cibo e desiderano una posizione sulla costa del Mar Rosso. A dicembre, gli Emirati hanno firmato un accordo da 6 miliardi di dollari per sviluppare un porto a 125 miglia a nord di Port Sudan.

Anche le rivalità mediorientali sono un fattore. Le tensioni tra gli Emirati e l’Egitto, che sostiene l’esercito sudanese, e l’Arabia Saudita, che sta guidando gli sforzi diplomatici per porre fine alla guerra in Sudan, sono in costante aumento, dicono i diplomatici.

Secondo gli analisti, Sheikh Mohammed potrebbe essere semplicemente al fianco di un alleato fedele.

I rifugiati sudanesi continuano ad affluire in Ciad al ritmo di 2.000 al giorno, secondo gli operatori umanitari. La maggior parte arriva ad Adré, una città di confine impoverita e troppo lontana per essere aiutata dalla base emiratina a circa 200 miglia a nord.

More from the blog

In Sudan milioni rischiano di morire di fame ma per l’ONU la carestia è solo a Gaza

Almeno 750.000 persone sono sull'orlo della fame e della morte in Sudan, dove una devastante guerra civile ha lasciato più della metà dei 48...

Mutilazioni genitali femminili: dal Gambia il rischio di un passo indietro

Di Line Sidonie Talla Mafotsing - Nel gennaio 2023, durante un viaggio di monitoraggio di routine nella regione del Central River in Gambia, Momodou...

In Darfur c’è una crisi umanitaria molto più grave che a Gaza ma nessuno ne parla

Hana Adeen e i suoi tre figli si sono nascosti per giorni mentre i proiettili dell'artiglieria piovevano su un campo di sfollati nella città...

La Russia cerca di aprire un porto sul Mar Rosso. Vantaggi anche per l’Iran

La Russia potrebbe firmare un accordo con le Forze armate sudanesi (SAF) per la fornitura di armi in cambio di un centro logistico russo...