Africa

Congo: infuria la guerra. Centinaia di morti e migliaia di civili in fuga

congo

Secondo testimoni oculari la battaglia in corso nella parte est della Repubblica Democratica del Congo tra l’esercito congolese, appoggiato per la prima volta da truppe delle Nazioni Unite, e i ribelli del gruppo M23 ha raggiunto picchi di violenza mai visti prima in Congo.

Dopo le prime importanti vittorie da parte dell’esercito congolese che hanno costretto i ribelli del M23 a ripiegare in tutta fretta nella loro roccaforte di Bunagana, i ribelli si sono riorganizzati e dall’alto delle loro posizioni di Bunagana e di altri villaggi  bombardano incessantemente i villaggi sottostanti orami in mano all’esercito congolese. Al momento non si hanno stime esatte del numero dei morti ma un ufficiale della missione dell’Onu ha parlato di “scene orribili” e di “cadaveri sparsi ovunque”. Migliaia i civili in fuga.

I ribelli del M23, ormai chiusi nelle loro posizioni, hanno chiesto nelle ultime ore un cessate il fuoco ma continuano imperterriti a bombardare i villaggi. L’esercito congolese risponde con l’artiglieria pesante e con l’uso degli elicotteri forniti dalle Nazioni Unite nel contesto della nuova forza di intervento istituita dal Consiglio di Sicurezza lo scorso mese di marzo.

Un appello è stato lanciato ieri dalle Nazioni Unite affinché i ribelli del M23 depongano le armi, ma il leader dei ribelli, Bertrand Bisimwa, ha offerto solo un cessate il fuoco.

La zona est della RD Congo da anni è interessata da una serie di conflitti per il controllo delle ingentissime risorse minerarie. Nella guerra in corso sono coinvolti direttamente e indirettamente anche altri Stati tra i quali il Ruanda che arma e finanzia il gruppo ribelle M23, l’Uganda che finanzia piccoli gruppi di criminali (più che ribelli) che controllano le miniere di coltan e oro e la Cina che arma ambo le parti in conflitto in cambio del preziosissimo coltan.

Gli avvenimenti degli ultimi giorni con l’intervento diretto delle forse Onu a fianco dell’esercito congolese hanno sconvolto gli equilibri militari che da settimane si erano in qualche modo consolidati garantendo una sorta di tregua armata. Il fallimento dei colloqui di pace tra i ribelli del M23 e il Governo del Congo, che accusa il Ruanda di pesanti intromissioni,  ha spinto il Governo congolese a scatenare una offensiva senza precedenti. Come sempre ambo le forze in campo non si curano molto dei civili con il risultato di centinaia di morti tra i civili e una massa umana in perenne fuga.

Claudia Colombo

[vimeo url=”https://vimeo.com/78603871″ width=”560″ height=”315″]

Tags

Related Articles

Close