Cosa pensano gli iraniani della crisi internazionale

7 Febbraio 2024
donne iraniane cosa ne pensano gli iraniani della crisi internazionale

Sembra esserci un profondo senso di insicurezza tra gli iraniani a causa degli intensi conflitti in Medio Oriente e delle forti tensioni con gli Stati Uniti.

Gli iraniani sui social media esprimono ogni mattina la loro preoccupazione per una potenziale guerra nella regione che potrebbe trascinare l’Iran nel fuoco. Discutono anche di una crescente crisi economica che sta rendendo la vita sempre più difficile, anche per coloro che sono considerati benestanti.

Una delle preoccupazioni attuali riguarda le risposte degli Stati Uniti agli attacchi degli Houthi alle navi commerciali e agli attacchi dei gruppi per procura iraniani alle forze statunitensi, che la scorsa settimana hanno causato la morte di tre soldati statunitensi nella zona di confine tra Siria e Giordania.

Asghar Zargar, docente di relazioni internazionali, ha dichiarato al sito centrista Entekhab che “è improbabile che gli Stati Uniti colpiscano l’Iran”. Ha aggiunto che gli Stati Uniti non faranno nulla che possa minacciare la sicurezza del Golfo Persico, poiché Washington non vuole che i prezzi del petrolio aumentino. Tuttavia, Zargar ha osservato che se l’Iran dovesse subire un attacco, Teheran lancerà una pesante operazione di ritorsione, prendendo di mira le navi nel raggio d’azione delle forze iraniane.

La scorsa settimana, l’ombra incombente di una guerra che coinvolga l’Iran ha portato a un aumento straordinario dei tassi di cambio, portando il costo di ogni dollaro statunitense vicino ai 600.000 rial iraniani.

Zargar ha inoltre spiegato che ora, con l’insicurezza nella regione del Mar Rosso, gli Stati Uniti non rischieranno di minacciare la sicurezza del Golfo Persico. D’altra parte, gli americani sono consapevoli che l’Iran non rimarrà in silenzio se il suo territorio dovesse subire un attacco che incendierebbe il Golfo Persico.

Per gli iraniani comuni, tuttavia, non è una questione di orgoglio o di potenza militare. È una questione di vita o di morte e di sopravvivenza sotto pressione.

La pressione dell’America non è l’unica minaccia percepita dagli iraniani. L’ex capo del Comitato per la sicurezza nazionale e le relazioni estere del Parlamento, Heshmatollah Falahatpisheh, ha dichiarato la scorsa settimana: “I russi hanno reso l’Iran loro complice e partner nel crimine nella loro guerra in Ucraina”.

Falahatpisheh ha aggiunto che “dalla Siria alla Palestina, la posizione dei russi sulla profondità strategica dell’Iran è stata di tradimento. Volevano che l’Iran fosse il loro partner nel crimine ed è per questo che hanno detto di prendere i loro droni dall’Iran”.

Le forze militanti iraniane per procura in Iraq e Siria hanno lanciato più di 160 attacchi con razzi e droni contro le forze statunitensi dalla metà di ottobre. Zargar, che vive a Teheran e deve stare attento alle sue dichiarazioni pubbliche, ha fatto notare che le forze statunitensi hanno affrontato attacchi nella regione dal 2003, con circa 4.000 soldati statunitensi che hanno perso la vita in operazioni militari. Tuttavia, la recente morte di tre soldati statunitensi ha accentuato la sensibilità americana nei confronti di tali incidenti. Tuttavia, Zargar ha suggerito che è più probabile che gli Stati Uniti attacchino gli interessi dell’Iran nella regione piuttosto che colpire obiettivi all’interno dell’Iran.

Sottolineando il pericolo che i funzionari e i comandanti iraniani si concentrino sullo sviluppo dei missili e li usino contro i vicini, l’ex ministro degli Esteri Javad Zarif ha citato l’ex presidente e capo del Consiglio di presidenza Akbar Hashemi Rafsanjani, che ha detto: “I missili sono buoni, ma non sono la risposta a tutti i problemi”. Zarif ha aggiunto che nel mondo di oggi ci sono molteplici fonti di potere e l’Iran dovrebbe riconoscere la sua area di relativa superiorità nell’arena internazionale. Ha suggerito che l’Iran sostenga l’idea di un cessate il fuoco nella guerra di Gaza per ridurre la pressione internazionale su Teheran.

Zarif ha aggiunto: “Nel mondo di oggi ci sono molteplici fonti di potere, ma noi non abbiamo ancora riconosciuto la nostra area di relativa superiorità”, intendendo dire che i funzionari e i comandanti non dovrebbero essere ingannati dalle loro stesse parole sulla massiccia potenza missilistica di Teheran.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre informato sui nuovi articoli e sulle nostre iniziative

I più condivisi di recente

vittime attacco a base usa in giordania effettuato con drone iraniano
Previous Story

Il drone iraniano che ha colpito la base USA in Giordania non venne rilevato

Kataib Hezbollah attacca base americana in siria
Next Story

Nuovo attacco a base americana in Siria. L’Iran non si arrende

Latest from Medio Oriente

Go toTop