putin per status di uomo forte dopo attentato in russia

Di Yaroslav Trofimov e Thomas Grove – La settimana scorsa, il Presidente russo Vladimir Putin ha respinto gli avvertimenti americani di un imminente attacco terroristico e ha esortato i leader dei servizi di sicurezza del Paese a concentrarsi invece sulla cattura delle spie ucraine.

Tre giorni dopo, uomini armati dello Stato Islamico si sono scatenati in una sala concerti fuori Mosca, uccidendo più di 130 persone nel più letale episodio di terrorismo in Russia degli ultimi decenni.

Mentre la Russia domenica celebrava una giornata di lutto nazionale, il sanguinoso assalto a uno dei luoghi di intrattenimento più noti della nazione ha minacciato di minare l’immagine di uomo forte accuratamente coltivata da Putin e ha sollevato interrogativi sulla capacità dello Stato autoritario che ha costruito di mantenere la promessa di sicurezza per il popolo russo.

È una sfida che arriva mentre la Russia conduce una costosa guerra di logoramento contro l’Ucraina e lotta per impedire alle forze ucraine di colpire obiettivi in profondità nel territorio russo. Di recente, Kiev ha messo a segno una serie di attacchi alle raffinerie di petrolio in Russia, interrompendo la produzione.

Il ritorno del terrorismo islamico è anche una sfida per il Cremlino, perché è in contrasto con la visione del mondo presentata dalla propaganda russa e cioè che la Russia, in alleanza con i Paesi in via di sviluppo e il mondo musulmano, sta conducendo una lotta esistenziale contro l’Occidente a guida americana.

Domenica, i russi hanno portato fiori a memoriali improvvisati in città e paesi di tutto il Paese. Putin, vestito di nero, è stato mostrato dalla televisione di Stato mentre accendeva candele in memoria delle vittime in una cappella ortodossa. Nel frattempo, le squadre di soccorso hanno setacciato le macerie del municipio di Crocus, cercando di trovare i corpi di coloro che sono morti nell’attacco e nel conseguente incendio.

Prima che Putin assumesse il potere nel dicembre 1999, la Russia era stata scossa da attacchi terroristici attribuiti agli islamisti ceceni. Putin si impegnò notoriamente a “colpirli nelle loro case”, segnalando che avrebbe fatto a meno delle formalità legali per dare la caccia ai militanti e ripristinare la sicurezza.

Il terrorismo della fine degli anni Novanta e dei primi anni Duemila ha rafforzato il governo di Putin, con i russi che chiedevano a gran voce di intervenire per ripristinare la legge e l’ordine. I leader dell’opposizione liberale russa e i giornalisti investigativi all’epoca accusavano il Servizio di Sicurezza Federale (FSB) di aver orchestrato alcuni degli attentati per contribuire a rafforzare la presa di Putin sul potere.

Non è chiaro come l’attacco di venerdì al Crocus City Hall si ripercuoterà sulla politica interna della Russia. Putin ha cercato di collegare l’attacco – rivendicato dallo Stato Islamico – all’Ucraina e i funzionari di Kiev dicono di temere che lo userà come giustificazione per dedicare ancora più uomini e denaro alla guerra.

Questo viene percepito come un fallimento di Putin: era venuto con promesse di pace e stabilità, e dov’è ora questa pace e stabilità?“, ha detto Abbas Gallyamov, un ex portavoce di Putin che da allora è diventato un oppositore del regime. “Se si tratta davvero dello Stato Islamico, allora tutta la vostra politica estera è inutile, ed è per questo che stanno cercando in tutti i modi di dare la colpa all’Ucraina“.

Putin non ha accusato esplicitamente l’Ucraina di essere coinvolta nell’attacco di venerdì. Ha detto che i sospetti terroristi stavano fuggendo verso l’Ucraina, dove era stata aperta per loro “una finestra” al confine.

Altri alti funzionari russi hanno respinto la rivendicazione di responsabilità dello Stato Islamico e hanno apertamente minacciato Kiev di punizione. L’Ucraina e i governi occidentali hanno respinto come propaganda malevola le accuse russe di un ruolo ucraino nell’attacco di venerdì.

Anche alla televisione russa, alcuni esperti hanno pubblicamente messo in dubbio le affermazioni sul coinvolgimento dell’Ucraina. Hanno invece sollevato domande scomode sul perché i servizi di sicurezza russi, che hanno agito con velocità fulminea per reprimere le proteste contro la guerra in Ucraina, abbiano impiegato più di un’ora per rispondere all’attacco di Crocus.

Non è molto evidente cosa l’Ucraina possa guadagnare da questo attacco terroristico“, si è chiesto sabato l’analista politico Mikhail Vinogradov a RBK TV. “Dobbiamo ridefinire il tema della sicurezza“, ha detto. “La priorità delle forze dell’ordine sono state soprattutto le figure pubbliche critiche… Il terrorismo è stato definito come critica alle autorità e alle politiche russe“.

Sui social media e nelle conversazioni private in Russia, la reazione si è concentrata su alcuni aspetti chiave del sistema creato da quasi un quarto di secolo di governo di Putin.

Ci si è chiesti se la guerra in Ucraina abbia distratto le forze dell’ordine e i servizi segreti russi dalla loro missione antiterrorismo.

Mentre l’Ucraina ha lanciato centinaia di droni per colpire raffinerie di petrolio, campi d’aviazione militari e altri obiettivi in Russia, in risposta all’incessante campagna di missili e droni di Mosca contro le città ucraine, nessuno di questi attacchi ucraini ha provocato vittime civili di massa.

Forse l’FSB era così preoccupato dalla guerra in Ucraina e dai pericoli che ne derivavano che in qualche modo non se ne è accorto“, ha detto Grigorij Serscikov, esperto indipendente di antiterrorismo e intelligence con sede nei Paesi Bassi. “Sono tesi, stanno combattendo su troppi fronti diversi“.

La guerra ha anche esacerbato la dipendenza della Russia dai lavoratori immigrati provenienti dagli Stati a maggioranza musulmana dell’Asia centrale, in particolare dal Tagikistan e dall’Uzbekistan, mentre l’economia russa si è orientata su una base bellica che ha spinto la disoccupazione a un minimo storico. Centinaia di migliaia di persone hanno trovato lavoro nell’industria della difesa. Altri sono stati arruolati nell’esercito e mandati in trincea.

Secondo le stime statunitensi, più di 300.000 soldati russi sono stati feriti o uccisi in Ucraina.

Secondo le autorità russe, i quattro aggressori di venerdì provenivano dal Tagikistan. Alcuni parlavano a malapena il russo.

Anche se le statistiche esatte non sono disponibili, i lavoratori dell’Asia centrale possono venire in Russia senza visto e diversi milioni si sono stabiliti nelle principali città russe negli ultimi anni – spesso vivendo in gran parte separati dalla società russa in condizioni che li lasciano esposti al reclutamento da parte di bande criminali e islamisti.

Si stima che i musulmani – migranti e nati in Russia – costituiscano fino al 20% della popolazione del Paese.

L’attacco di venerdì mostra “i rischi della politica di incoraggiamento dell’immigrazione, attuata dalle autorità russe negli ultimi due decenni“, ha dichiarato Ruslan Pukhov, capo del think tank sulla sicurezza e la difesa con sede a Mosca, Center for Analysis of Strategies and Technologies. “Si sono formate enclave e diaspore musulmane gigantesche e le esplosioni degli islamisti radicali sono diventate solo una questione di tempo“.

L’insoddisfazione per l’immigrazione, che un tempo era uno dei principali obiettivi dei nazionalisti russi, si è diffusa nella società in generale, anche se molti russi riconoscono che il Paese è troppo dipendente dalla manodopera dell’Asia centrale per cambiare improvvisamente rotta.

Vorrei che avessimo impedito loro di venire 15 anni fa, ma la situazione attuale è tale che non possiamo più fare nulla“, ha dichiarato Alexei Zakharov, proprietario del sito di ricerca di lavoro online Superjob.ru.

Due anni fa, l’FSB, la principale agenzia di intelligence russa, non è riuscita a prevedere la volontà e la capacità della popolazione e dei militari ucraini di respingere un attacco russo, contribuendo al fallimento del tentativo iniziale della Russia di conquistare il Paese.

Da allora, l’FSB si è concentrato sul monitoraggio delle critiche pubbliche al conflitto, sia online che nelle strade. Secondo la legislazione di guerra, qualsiasi critica alle forze armate russe, come ad esempio suggerire che i soldati russi siano responsabili dell’uccisione di civili ucraini a Bucha o Mariupol, è soggetta a punizioni con pene detentive.

In seguito a diversi omicidi di alto profilo di alcuni dei più pubblici sostenitori della guerra in Russia, l’FSB ha rivolto la sua attenzione alla ricerca di russi e ucraini che si ritiene lavorino per l’intelligence militare di Kiev. E sta perseguendo con zelo gli oppositori politici in patria.

È molto probabile che l’attacco terroristico venga utilizzato per un ulteriore giro di vite“, ha dichiarato Pukhov sul suo think tank.

Pubblicato nell’edizione cartacea del Wall Street Journal del 25 marzo 2024 con il titolo “L’attentato in Russia dà un colpo all’immagine da uomo forte di Putin”.