accordi russia cina

Il direttore della CIA, William Burns, nei giorni scorsi ha dichiarato che la campagna militare di Vladimir Putin in Ucraina è stata “un enorme fallimento strategico” e che Mosca potrebbe presto dipendere pesantemente da Pechino per tenere a galla l’economia russa.

“Se si pensa non solo alle perdite di manodopera e di materiale, ma anche all’umiliazione sotto molti aspetti dell’esercito russo, all’esposizione delle sue debolezze, al danno a lungo termine che le sanzioni e i controlli sulle esportazioni e l’esodo di oltre 1.000 aziende occidentali dalla Russia, avranno sulle prospettive economiche della Russia stessa”, ha detto Burns al Baker Institute for Public Policy della Rice University a Houston.

“Se pensate che, all’inizio della guerra, Putin avesse intenzione di cercare di dividere e indebolire la NATO, la verità è che la NATO è coerente come non lo è mai stata. Ha appena aggiunto un nuovo membro, la Finlandia, e probabilmente ne aggiungerà un secondo, la Svezia”.

“E se si considera la realtà che la Russia sta diventando sempre più dipendente dalla Cina e, per certi versi, nel tempo corre il rischio di diventare una colonia economica della Cina, dipendente anche per l’esportazione di risorse energetiche e materie prime in quella direzione, diventa un enorme autogol per la Russia di Putin”, ha detto Burns.

Il presidente Joe Biden ha inviato Burns a Mosca alla fine del 2021 in un ultimo tentativo di convincere Putin a non entrare in guerra, ma il capo dell’intelligence americana è tornato con la convinzione che il presidente russo avesse già deciso. Secondo Burns è improbabile che Putin impari dai suoi errori di valutazione degli ultimi 14 mesi.

“La sua scommessa è di poter piegare gli ucraini e logorare l’Occidente. Pensa, e vuole che noi lo pensiamo, di poter far lavorare il tempo a suo favore”, ha detto Burns nel suo discorso di apertura. “Resta convinto che l’Ucraina sia più importante per lui che per noi. Credo che Putin si sbagli in questa scommessa come si sbagliava nelle sue supposizioni prima dell’invasione”.

Mentre le economie occidentali si sono staccate dalla Russia, il Cremlino si è rivolto a Pechino per arginare le sue perdite. Nel 2022, gli scambi commerciali tra i due vicini sono cresciuti di quasi il 35% rispetto all’anno precedente, grazie al fatto che la Cina ha acquistato l’energia russa a prezzi più bassi, accelerando le loro relazioni commerciali verso il traguardo dei 200 miliardi di dollari, fissato per il 2024.

Il mese scorso, il presidente cinese Xi Jinping ha visitato Mosca e ha firmato con Putin accordi pluriennali che hanno concesso alle imprese cinesi un accesso sproporzionato al mercato in settori quali finanza, tecnologia, agricoltura e spazio. Si suppone che gli accordi aumenteranno l’uso dello yuan cinese da parte della Russia.

In cambio, secondo esperti osservatori delle questioni riguardanti la Cina, Putin ha ottenuto benefici tempestivi, tra cui una copertura politica di alto profilo da parte del suo omologo cinese che ha evitato di condannare direttamente l’invasione russa.

“Credo che la partnership tra la Cina di Xi Jinping e la Russia di Vladimir Putin sia oggi molto forte”, ha dichiarato Burns. Poche settimane prima che le truppe russe varcassero i confini dell’Ucraina, Xi e Putin si sono incontrati a Pechino per dichiarare una partnership “senza limiti” che da allora ha messo sotto forte osservazione anche il leader cinese.

Finora Pechino si è astenuta dall’inviare armi a Mosca da utilizzare sul campo di battaglia, ha proposto un piano di quasi pace per porre fine alla guerra in Ucraina e ha preso le distanze dalle minacce nucleari di Putin.

“Si tratta quindi di una partnership importante; credo che entrambi i leader si siano impegnati in tal senso. Ma, almeno finora, non è un’amicizia senza limiti”, ha detto Burns.

La Cina, ha detto, rimane la “più grande priorità a lungo termine” della CIA. In precedenza ha affermato che: “La Cina di Xi Jinping non si accontenta di avere solo un posto a tavola, vuole dirigere il tavolo”.