Il viaggio del presidente cinese Xi Jinping a Mosca è stato più per ribadire gli interessi condivisi di Cina e Russia, e meno su qualsiasi percorso concreto verso la fine della guerra in Ucraina.

Mentre una dichiarazione congiunta rilasciata ieri dai due paesi ha affermato che la Russia mira a riavviare i negoziati di pace il prima possibile, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la risoluzione del conflitto avverrà solo “quando l’Occidente e Kiev saranno pronti per questo”.

Infatti, mentre la Russia ha preso atto del piano di pace in 12 punti della Cina e ha apprezzato la buona volontà di Pechino, nessuna proposta concreta per porre fine alla guerra è emersa nelle discussioni bilaterali. Entrambe le parti erano critiche nei confronti delle sanzioni occidentali.

I due Paesi hanno deciso di rafforzare ulteriormente il loro “partenariato strategico globale di coordinamento nella nuova era”.

La cooperazione economica ha dominato la visita. La Cina ha ottenuto significativi successi economici mentre la Russia continua ad affrontare sanzioni ed è desiderosa di cercare assistenza. Mosca accoglie con favore le imprese cinesi per sostituire le società occidentali che hanno lasciato il mercato russo a causa delle sanzioni. Le due parti amplieranno anche la cooperazione nel settore finanziario e in Eurasia.

La visita di Xi è anche simbolicamente significativa. Questo sarà il 10 ° anniversario della sua prima visita in Russia dopo aver assunto la posizione di presidente della Cina nel 2013, e il primo da quando si è assicurato un terzo mandato come presidente all’inizio di questo mese.

Risentimento per il dominio degli Stati Uniti

Le relazioni Cina-Russia si sono evolute negli ultimi tre decenni fino a diventare una partnership strategica unica.

Le relazioni dei paesi sono saldamente ancorate nella loro opposizione al dominio degli Stati Uniti nel sistema internazionale. Promuovono il “multipolarismo”, la nozione di più superpotenze che condividono il potere nell’arena globale, al contrario di una. E si oppongono con veemenza all’unilateralismo, l’idea che un paese agisca da solo senza consultare la comunità globale.

Spesso coordinano le loro politiche su questioni che vanno dall’intervento umanitario all’opposizione alle sanzioni contro la Corea del Nord.

Il pilastro più importante del loro rapporto è la cooperazione in materia di sicurezza e difesa, caratterizzata da trasferimenti di tecnologia ed esercitazioni militari congiunte. La Russia è stata storicamente un importante fornitore di armi e tecnologia militare alla Cina.

I loro legami economici hanno fatto rapidi progressi negli ultimi anni, con il commercio bilaterale che ha raggiunto i 190 miliardi di dollari nel 2022.

Diversi fattori lo spiegano. Uno è la natura complementare dei loro legami economici. La Cina importa petrolio e gas naturale dalla Russia, mentre la Russia importa molti dei suoi beni di consumo dalla Cina.

Le sanzioni occidentali dopo la conquista della Crimea da parte della Russia nel 2014, e ulteriormente aumentate dopo l’invasione dell’Ucraina lo scorso anno, hanno costretto la Russia a rivolgersi alla Cina per compensare le sue perdite economiche.

Questa partnership è ulteriormente cementata dalla forte amicizia personale tra Xi e Putin, che si sono incontrati più di 40 volte.

I dilemmi della Cina

Il pantano in cui è finita l’invasione russa dell’Ucraina pone la Cina di fronte a scomodi dilemmi politici.

Pur condividendo il risentimento russo per il dominio degli Stati Uniti, la Cina è meno interessata a distruggere apertamente il sistema internazionale. È molto più integrato nel commercio globale e nella struttura finanziaria. La Cina rischierebbe sanzioni se dovesse offrire assistenza economica e militare esplicita alla Russia.

Allo stesso tempo, Pechino rimane riluttante a condannare apertamente le azioni russe e non può permettersi di tagliare i legami, data la sua crescente rivalità strategica con gli Stati Uniti.

Washington sta inoltre imponendo restrizioni alle esportazioni di tecnologia verso la Cina e continua a costruire accordi di sicurezza regionali, da AUKUS alla sua partnership Quad con Australia, India e Giappone. Quindi Pechino preferirebbe tenere Mosca dalla sua parte piuttosto che affrontare gli Stati Uniti e l’Occidente da soli.

Questi spiegano perché c’è poco spazio per la Cina per svolgere un onesto ruolo di mediatore tra Ucraina e Russia per porre fine alla guerra.

La recente tregua diplomatica Iran-Arabia Saudita mediata da Pechino ha aumentato le aspettative sulla visita di Xi e l’ambizione della Cina di svolgere un ruolo di pacificatore. Ma il caso dell’Ucraina è molto diverso ed è molto più difficile arrivare a una soluzione rapida.

L’imminente incontro virtuale di Xi con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy fornirà un’altra opportunità, ma non più promesse, per la Cina di dimostrare le sue credenziali di pacificatore.