E’ allarme in Israele per le armi chimiche siriane

4 Giugno 2012

C’è forte allarme in Israele per il vasto arsenale di armi chimiche di cui dispone la Siria. il timore è che una volta caduto Assad queste armi finiscano in mano a gruppi terroristici, che siano Al Qaeda. Hezbollah, Hamas o altri. Ma anche che prima di cadere il dittatore siriano, su pressioni dell’Iran, le ceda proprio ai terroristi.

Dopo il forte e concreto allarme sulla possibilità che la Siria trasferisca i suoi missili Scud in Libano, il che equivale a darli ad Hezbollah, questa mattina arriva questo ulteriore allarme che ha spinto il Premier Netanyahu a organizzare una riunione di emergenza con il Ministro della Difesa Barack al fine di studiare i piani per prevenire questa eventualità.

Israele intende agire di concerto con altri Paesi occidentali per impedire che l’arsenale chimico siriano finisca in mano ai terroristi e intende farlo al più presto. Non viene esclusa nessuna opzione, compresa quella di una azione militare congiunta. Al momento il rischio più concreto è che Assad sia tentato di cedere le sue armi chimiche ad Hezbollah. Su questo subirebbe una forte pressione anche dall’Iran che è fortemente interessato a distrarre l’attenzione del mondo (e di Israele) dal suo programma nucleare.

I militari israeliani stanno valutando diverse ipotesi. Quella più “gettonata” sarebbe di attaccare i convogli che trasportano le armi chimiche anche se questo verrebbe visto come una aggressione di Israele contro la Siria. In realtà sarebbe una azione difensiva a tutti gli effetti dato che Israele non si può permettere che le armi chimiche giungano in mano ad Hezbollah.  Febbrili colloqui sono in corso tra funzionari israeliani, Russi e americani.

Sarah F.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

L’Italia ha bisogno di nuovi politici non di nuovi comici

Next Story

Legge elettorale: vogliono ancora il porcellum

Latest from Medio Oriente

Go toTop