E intanto ci sono trattative tra USA e Iran sul nucleare

13 Giugno 2023
nucleare iraniano 1
Un missile iraniano a lungo raggio Ghadr con la scritta in ebraico "Morte a Israele" è stato esposto in una mostra sulla difesa nella città di Isfahan, nell'Iran centrale, l'8 febbraio 2023. (Morteza Salehi/Tasnim News/AFP)

Rights Reporter, Tel Aviv – Un funzionario statunitense ha confermato che Washington è in contatto con l’Iran per quanto riguarda i colloqui sull’accordo nucleare, ma ha negato che siano in corso discussioni su un accordo provvisorio.

I commenti sono arrivati ore dopo che l’Iran ha riconosciuto l’esistenza di colloqui, con il Ministero degli Esteri del Paese che ha ringraziato l’Oman per il suo ruolo di mediatore tra i rivali.

Il funzionario statunitense, parlando a condizione di anonimato, ha detto che Washington ha comunicato con l’Iran per metterlo in guardia dal prendere misure che potrebbero essere accolte con bellicosità o, al contrario, contribuire a facilitare negoziati più produttivi.

“Non si parla di un accordo provvisorio”, ha dichiarato il funzionario statunitense.

“Abbiamo chiarito loro quali passi di escalation dovevano evitare per prevenire una crisi e quali passi di de-escalation potevano fare per creare un contesto più positivo”, ha aggiunto.

Nelle ultime settimane, i funzionari israeliani hanno accusato gli Stati Uniti e l’Iran di utilizzare i colloqui indiretti per cercare un accordo nucleare provvisorio che permetta a Teheran di continuare ad arricchire l’uranio. Anche un recente rapporto di un giornalista di Tel Aviv pubblicato dalla testata statunitense Axios, che ha svelato i colloqui indiretti, ha ribadito le affermazioni israeliane.

Tuttavia, martedì il quotidiano Haaretz ha citato un alto funzionario israeliano secondo il quale Gerusalemme era preoccupata che Washington avesse intenzione di raggiungere intese con Teheran, ma non di formalizzarle in un accordo, in parte per non doverlo portare al Congresso per un voto.

I funzionari dell’amministrazione Biden hanno negato questa ipotesi, affermando ad Haaretz che “il Presidente è cresciuto attraverso il Congresso e lavora con il Congresso più della maggior parte dei Presidenti. L’idea che avrebbe cercato di aggirarlo non è davvero indicativa del comportamento dell’amministrazione”.

Il commento rappresenta la prima volta che gli Stati Uniti confermano di aver comunicato con l’Iran da quando, quasi un anno fa, i colloqui indiretti per un nuovo accordo si sono interrotti. La settimana scorsa, la Casa Bianca ha negato di aver fatto progressi su un nuovo accordo nucleare, ma non ha commentato l’esistenza o meno di colloqui.

Il funzionario statunitense ha rifiutato di dettagliare quali passi da evitare o incoraggiare siano stati suggeriti all’Iran, ma ha indicato che Washington stava cercando di ottenere una maggiore cooperazione tra Teheran e l’organo di controllo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Venerdì scorso, Axios ha riferito che il mese scorso i funzionari statunitensi hanno chiarito nei messaggi trasmessi all’Iran che ci sarebbe stata una risposta severa se Teheran avesse raggiunto i livelli di arricchimento dell’uranio del 90% richiesti per l’uso in un’arma nucleare – un breve passo tecnico rispetto al livello attuale.

Secondo le stime più recenti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, l’Iran possiede 114,1 chilogrammi (251 libbre) di uranio arricchito al 60% di purezza – un livello per il quale gli esperti di non proliferazione affermano già che Teheran non ha alcun uso civile.

Domenica la Guida Suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, ha espresso il proprio sostegno a un accordo con l’Occidente sul programma nucleare del Paese, ma ha aggiunto che “l’infrastruttura esistente dell’industria nucleare non dovrebbe essere toccata”.

Ha affermato che la comunità internazionale non è in grado di impedire all’Iran di dotarsi di un’arma nucleare se la volesse, ma ha anche esortato alla cooperazione con l’AIEA, mettendo in guardia dal soccombere al “bullismo” basato su “affermazioni infondate”.

L’Iran insiste sul fatto che il suo programma nucleare è solo per uso civile e non è alla ricerca di armi nucleari.

Lunedì, il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanaani, ha dichiarato che Teheran non è interessata a un accordo ad interim con Washington, ma prenderebbe in considerazione un rilancio dell’accordo nucleare del 2015, che aveva offerto un alleggerimento delle sanzioni per il contenimento dell’arricchimento prima che gli Stati Uniti si ritirassero nel 2018.

“Consideriamo le altre cose che vengono dette come speculazioni dei media. Non confermeremmo nulla come trattativa per un accordo provvisorio”, ha dichiarato.

Il ritorno all’accordo è solo una delle questioni discusse, ha aggiunto.

Israele teme che un nuovo accordo possa legittimare l’attività nucleare dell’Iran e cancellare il sostegno internazionale all’azione militare.

Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha esercitato forti pressioni contro l’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e le potenze mondiali, dal quale gli Stati Uniti si sono ritirati nel 2018. Anche i successivi sforzi dell’Europa e dell’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden per rilanciare l’accordo e riportare Washington nel patto sono stati accolti con proteste da Gerusalemme.

Israele sostiene che gli sforzi diplomatici non sono in grado di impedire all’Iran di ottenere un’arma nucleare, spingendo invece per una minaccia militare credibile.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

guerra iran israele
Previous Story

Intelligence israeliana: nasce Branch 54, la sezione dedicata alla guerra contro l’Iran

cina russia
Next Story

L’economia mondiale sta cambiando e la Cina sta vincendo

Latest from Medio Oriente

Go toTop