Editoriali

Erdogan e il nazismo islamico turco: il nuovo Saladino mostra il suo vero volto

Il nuovo Saladino turco, Tayyip Erdogan, non perde certo occasione per mostrare al mondo le sue vere intenzioni, anche perché tanto sa benissimo che in occidente chiudono tutti occhi e orecchie. Così ieri ne ha fatta un’altra delle sue e ha attaccato senza alcun pudore il Premier israeliano Benjamin Netanyahu.

erdogan-abu-mazenRicevendo in Turchia il Presidente della ANP, Mahmoud Abbas (nome di battaglia, Abu Mazen) in mezzo a due ali di guardie vestite significativamente da guerrieri saraceni, Erdogan ha attaccato la presenza di Netanyahu alla manifestazione di Parigi affermando: «come si permette Netanyahu di andare a Parigi e sventolare la mano, lui che è responsabile di terrorismo di Stato per aver ucciso migliaia di persone a Gaza?».

Ebbene, come si permette quel nazista di Erdogan di criticare il Premier di uno Stato democratico sotto attacco per essere andato a omaggiare le vittime ebree di quel terrorismo che proprio Erdogan foraggia e sostiene? Come si permette Erdogan di criticare uno Stato democratico per manifestare a favore della libertà di stampa quando lui di giornalisti ne ha arrestati e torturati a decine solo perché si erano permessi di criticare il suo operato? Ma soprattutto, come si permette di parlare nuovamente di “islamofobia europea” quando proprio l’Europa è sotto attacco da parte del terrorismo islamico, quello stesso terrorismo islamico che la Turchia, insieme al Qatar, finanzia e aiuta?

Il Presidente turco ha poi accusato la Francia di incompetenza per non aver saputo fermare i terroristi islamici di Parigi e ha sottolineato che proprio quella incompetenza sta portando a una ondata di islamofobia in Europa. Cioè, non ha detto che i terroristi islamici di Parigi hanno fatto male e non ha minimamente condannato il fatto che volessero fare una strage di bambini ebrei o il fatto che hanno attaccato due luoghi simbolo, un giornale e un supermercato che vendeva prodotti ebraici, no, non ha detto una parola in merito, in compenso ha accusato l’Europa di essere islamofobica. Mancava solo che si congratulasse con i terroristi.

E’ arrivato veramente il momento che con Erdogan l’Europa metta al bando il Politically Correct e inizi a trattare la Turchia per quello che è veramente, un regime nazi-islamico che aiuta e finanzia apertamente il terrorismo islamico.

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sharon Levi

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

One Comment

Close