Guerra in Sudan: il Darfur di nuovo al centro delle violenze

21 Settembre 2023
violenze in darfur

Cinque mesi dopo l’inizio di una guerra devastante in Sudan forze militari rivali, la regione occidentale del Darfur è diventata rapidamente una delle più colpite dagli scontri.

La popolazione del Darfur ha già subito un genocidio negli ultimi vent’anni, che hanno provocato la morte di circa 300.000 persone.

Ora il Darfur, che si stava avviando verso una relativa stabilità, è dilaniato da una guerra nazionale tra l’esercito sudanese e le forze paramilitari di supporto rapido.

Secondo osservatori sul posto le Forze di Supporto Rapido (RSF – Rapid Support Forces) e i suoi alleati, prevalentemente milizie arabe, hanno assunto il controllo di ampie zone del Darfur, mentre l’esercito regolare opera per lo più da guarnigioni nelle principali città.

Mentre le due parti combattono per la supremazia, i civili sono sempre più coinvolti nel fuoco incrociato, soprattutto nelle ultime settimane. Più di 40 persone sono state uccise alla fine del mese scorso mentre si riparavano sotto un ponte a Nyala, e questo mese almeno 40 sono morte in raid aerei nella città, secono quanto riferito da attivisti e operatori sanitari.

La scoperta di fosse comuni, tra cui più di una dozzina la scorsa settimana da parte delle Nazioni Unite, ha sollevato il timore di una recrudescenza degli attacchi a sfondo etnico nel Darfur e ha spinto la Corte penale internazionale ad avviare una nuova indagine sulle accuse di crimini di guerra e contro l’umanità nella regione.

I frenetici e talvolta contrastanti sforzi diplomatici per porre fine al conflitto – da parte delle Nazioni Unite, dei Paesi africani, dell’Arabia Saudita e degli Stati Uniti – non sono andati a buon fine.

La scorsa settimana, l’inviato speciale delle Nazioni Unite in Sudan, Volker Perthes, si è dimesso dopo che i funzionari sudanesi lo avevano dichiarato sgradito nel Paese. Nel suo discorso di addio al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Perthes ha avvertito che il conflitto “potrebbe trasformarsi in una guerra civile su larga scala”.

Sotto una pioggia di colpi di mortaio, i livelli di sfollamento sono in aumento, i prezzi dei generi alimentari sono alle stelle e milioni di persone sono sull’orlo della carestia.

Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, dalla metà di aprile più di 1,5 milioni di persone sono sfollate all’interno del Darfur, il numero più alto di tutte le regioni del Sudan. Altre centinaia di migliaia di civili della regione si sono riversati in centri di transito e campi profughi nelle nazioni vicine.

Nelle ultime settimane otto avvocati e almeno 10 sostenitori dei diritti umani sono stati uccisi e i loro uffici sono stati saccheggiati nel Darfur, sollevando il sospetto che fossero presi di mira per aver documentato le violazioni dei diritti umani o per aver fornito supporto legale alle vittime, secondo Elsadig Ali Hassan, presidente facente funzioni del consiglio dell’Ordine degli avvocati del Darfur.

Nelle interviste, i residenti del Darfur meridionale che si sono messi in salvo in Sud Sudan hanno descritto un rapido aumento delle rapine e dei saccheggi da parte delle milizie armate alleate con le forze paramilitari. Con le scorte di cibo e acqua in diminuzione, molti hanno impacchettato i loro miseri averi e sono partiti, affamati e deboli, verso il confine.

Mentre il numero di feriti aumenta, gli operatori sanitari, esausti, affamati e privi di forniture essenziali, assistono alla morte dei loro pazienti o all’aggravarsi delle loro ferite per mancanza di cure. Le famiglie, spaventate dal fuoco, seppelliscono rapidamente i loro cari in tombe poco profonde o senza nome.

“Un’altra generazione del Darfur sta imparando a convivere con la guerra e le atrocità”, ha detto Maha Mohamed, un rifugiato sudanese di Nyala che si trova al centro di transito di Renk. “È una tragedia”.

Secondo gli osservatori, le continue ostilità in Darfur rischiano di far sprofondare il Paese in una guerra prolungata, con possibili ricadute nei Paesi vicini.

Nelle ultime settimane, il capo dell’esercito, il generale al-Burhan, ha viaggiato all’estero e ha incontrato i leader di nazioni come l’Egitto, il Qatar, la Turchia e il Sudan meridionale, nel tentativo di costruire la propria legittimità e di far inquadrare le Forze di sicurezza rapida come un gruppo ribelle.

Il capo paramilitare, il tenente generale Mohamed Hamdan, ha risposto accusando il generale al-Burhan di cercare di “impersonare il capo di Stato” e di pianificare l’istituzione di un “governo di guerra” nella città costiera di Port Sudan.

I suoi commenti sono arrivati mentre la violenza si intensificava nella capitale sudanese, Khartoum, dove secondo medici e operatori umanitari la settimana scorsa un attacco aereo ha ucciso almeno 43 persone e ne ha ferite più di 60.

“È tutto insopportabile”, ha dichiarato in un’intervista Mamadou Dian Balde, direttore regionale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, che ha recentemente visitato alcune zone del Sudan.

Alcuni di coloro che stanno fuggendo dal conflitto negli Stati del Darfur meridionale e orientale sono stati trasferiti in diversi campi di assistenza nel Sudan meridionale, una nazione che deve affrontare le proprie sfide politiche, economiche e sociali.

campi profughi darfur in fuga da violenze
Campi profughi in Darfur

Uno di questi campi, l’insediamento di rifugiati di Wedwil nella città di Aweil, ospita quasi 9.000 sudanesi. Ogni sera le famiglie si riuniscono in gruppi, condividono tè e caffè dolci, pregano insieme e ascoltano musica sudanese. Molti di loro erano professionisti e commercianti di successo, tutti ora accomunati da una guerra che ha fatto a pezzi tutto ciò che avevano costruito con tanta fatica.

“Il fuoco della guerra ha avvolto tutto nel Darfur”, ha detto Ahmed Abubakar, 35 anni, insegnante, fuggito da Nyala, nel Darfur meridionale.

Abubakar ha raccontato che membri delle forze paramilitari hanno fatto irruzione nella sua casa, accusandolo di essere un ufficiale dell’esercito e minacciando di sparargli davanti alla moglie e ai tre figli. Ma lui li ha pregati di non farlo, raccontando del suo lavoro di insegnante di geografia e storia e del lavoro della moglie come insegnante di scuola materna. Dopo più di un’ora, gli uomini armati hanno accettato di lasciarli andare, ma non prima di aver preso quasi tutto ciò che c’era di valore in casa.

I ricordi di quel giorno e dello straziante viaggio della famiglia verso la salvezza continuano a perseguitare i bambini. Sua figlia Minan, 3 anni, si aggrappa a lui ovunque vada. Il figlio Mustafa, di 5 anni, chiede costantemente quando potrà tornare a scuola.

“Avevo delle ambizioni per me e per i miei figli”, ha detto Abubakar. “Ma non riesco a vedere la luce alla fine del tunnel”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
velo islamico iran
Previous Story

Il parlamento iraniano approva legge più severa sul velo islamico

guerra del grano
Next Story

Perché la Polonia non invierà più armi all’Ucraina

Latest from Africa

Go toTop