Hamas torna nel nord di Gaza mentre cresce la critica verso Netanyahu

Esperti e militari americani e israeliani offrono valutazioni sempre più schiette sulla resilienza di Hamas e sul fallimento di Netanyahu nel pianificare la Gaza del dopoguerra
16 Maggio 2024
guerra gaza hamas torna al nord

Gaza – Era lo scorso dicembre quando l’esercito israeliano dichiarò la vittoria nel campo profughi di Jabalya, affermando di aver spezzato la presa di Hamas sulla sua tradizionale roccaforte nel nord della Striscia di Gaza.

“Jabalya non è più la Jabalya di una volta”, aveva dichiarato all’epoca il Brig. Gen. Itzik Cohen, comandante della Divisione 162, aggiungendo che erano stati uccisi “centinaia di terroristi” e arrestati 500 sospetti.

Cinque mesi dopo, le forze israeliane sono tornate a Jabalya. Le truppe di terra si stanno spingendo nel campo densamente popolato, con il supporto dell’artiglieria e degli attacchi aerei. Una delle recenti operazioni di “ripulitura” lanciate dalle Forze di Difesa Israeliane contro Hamas, i cui combattenti si sono rapidamente riorganizzati nelle aree liberate dall’IDF.

La rapida offensiva di Israele a Gaza ha lasciato il posto a una dura battaglia di logoramento, evidenziando quanto sia ancora lontana dal suo principale obiettivo militare: il completo smantellamento di Hamas. In quanto organizzazione militante adattabile che ha facile accesso alle reclute, una vasta rete di tunnel ed è profondamente radicata nel tessuto di Gaza, Hamas ha dimostrato di poter resistere a una guerra prolungata e devastante.

La ripresa di pesanti combattimenti nel nord del Paese arriva mentre l’IDF continua la sua criticata campagna nella città meridionale di Rafah, a lungo inquadrata dal Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu come una battaglia finale contro gli ultimi battaglioni intatti di Hamas. Ora, funzionari americani e alcuni membri del gabinetto del primo ministro stanno offrendo valutazioni sempre più schiette sulla resilienza del gruppo militante e sull’incapacità di Netanyahu di pianificare il dopoguerra a Gaza.

“La mancata creazione di una autorità di governo alternativa equivale a scegliere tra le due peggiori alternative: Il dominio di Hamas o il controllo israeliano di Gaza”

Yoav Gallant, Ministro della dfesa di Israele

In un’osservazione di grande impatto, mercoledì sera, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha chiesto a Netanyahu di impegnarsi pubblicamente affinché Israele non finisca per governare Gaza dopo la guerra, tra i crescenti timori dell’IDF che la sua missione si stia avvicinando alla rioccupazione del territorio.

“Hamas potrebbe riacquistare forza finché mantiene il controllo civile”, ha detto Gallant. La mancata creazione di una “autorità di governo alternativa”, ha detto, “equivale a scegliere tra le due peggiori alternative: Il dominio di Hamas o il controllo israeliano di Gaza”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, lunedì ha espresso una nota simile: “La pressione militare è necessaria ma non sufficiente per sconfiggere completamente Hamas”, ha dichiarato ai giornalisti. “Se gli sforzi di Israele non sono accompagnati da un piano politico per il futuro di Gaza e del popolo palestinese, i terroristi continueranno a tornare”.

I servizi sanitari sono stati decimati, molte famiglie sono state sfollate più volte e una “vera e propria carestia” ha preso piede nel nord, secondo il capo del Programma alimentare mondiale.

“Sarebbe stupefacente per me se non fosse incredibilmente facile per Hamas e altri gruppi militanti a Gaza reclutare”, ha detto H.A. Hellyer, uno studioso specializzato in sicurezza del Medio Oriente presso il Carnegie Endowment for International Peace e il Royal United Services Institute.

Sebbene Hamas sia stato “significativamente e sostanzialmente degradato”, ha affermato, un’organizzazione che è stata attiva a Gaza dagli anni ’80 e l’ha governata per più di 15 anni non è destinata a “scomparire”.

Dopo sette mesi di bombardamenti e operazioni di terra da parte di uno degli “eserciti più potenti del mondo”, ha affermato, “le forze israeliane non sono ancora riuscite nemmeno ad avvicinarsi alla vittoria”.

Quando le truppe israeliane si sono ritirate da Jabalya l’anno scorso, Hamas ha iniziato una campagna di reclutamento per ottenere posti di lavoro per garantire gli aiuti e creare un nuovo quartier generale lì, secondo i residenti. “C’è la presenza di poliziotti, ma senza uniforme e tutti in abiti civili”, ha detto un residente di Jabalya di 42 anni, parlando a condizione di anonimato per paura della sua sicurezza.

Israele afferma che quattro battaglioni di Hamas sono rimasti intatti a Rafah, dove le sue truppe si stanno lentamente avvicinando alle aree residenziali nonostante le minacce del Presidente Biden di tagliare gli aiuti militari.

Ci sono diversi “strati” di combattenti di Hamas incorporati nella città, ha dichiarato il Magg. Gen. Tamir Hayman, ex capo dell’intelligence militare israeliana. Ha detto che l’operazione si concentrerà sulle “persone che sono sottoterra, sotto le installazioni militari, e altre che sono in superficie, collegate allo strato sotterraneo”, in attesa di “tendere imboscate” alle truppe israeliane.

Duecentosettantatré soldati israeliani sono stati uccisi a Gaza dall’inizio delle operazioni di terra, in ottobre, dopo il mortale attacco di Hamas al sud di Israele. Sebbene i lanci di razzi dall’enclave si siano attenuati per mesi dopo la campagna israeliana nel nord, nelle ultime settimane sono tornati ad aumentare.

Martedì, un razzo è stato lanciato verso la città israeliana di confine di Sderot, un vivido promemoria della forza di Hamas. Gli elicotteri militari israeliani sono intervenuti per l’evacuazione medica. I feriti sono stati trasportati di corsa alle ambulanze in attesa.

Israel Ziv, un generale maggiore in pensione che è stato a capo della Divisione Operazioni dell’IDF, ha detto che il Paese sembra intenzionato a continuare “una guerra a più capitoli” che potrebbe svolgersi come quella condotta nel Libano meridionale a partire dagli anni ’80 – che ha comportato devastanti scontri e un’occupazione di 15 anni, ma che alla fine non è riuscita a eliminare la minaccia di Hezbollah.

Ziv ha stimato che a Gaza sono rimasti almeno 20.000 militanti di Hamas che “recluteranno facilmente i prossimi 40.000”.

Le conquiste precedenti dell’IDF sono “evaporate” a causa della mancanza di piani politici, ha detto. “Se si lavora solo militarmente senza alcuna soluzione diplomatica, ci si ritrova in questa palude. Israele è bloccato a Gaza”.

Netanyahu ha resistito alle proposte statunitensi di far svolgere all’Autorità Palestinese un ruolo di primo piano nella Gaza post-bellica, o di prendere in considerazione un percorso verso uno Stato palestinese, sostenendo che ciò premierebbe Hamas per le atrocità commesse il 7 ottobre.

Secondo gli esperti, il suo rifiuto di affrontare il cuore del conflitto israelo-palestinese sta ostacolando il coinvolgimento degli Stati arabi nella pianificazione della sicurezza postbellica.

“Chi vorrà entrare, governare ed essere essenzialmente la polizia dell’occupazione israeliana?”. Ha detto Hellyer. “Israele sta bloccando tutte le strade che sembrano sensate”.

Finché Hamas manterrà la sua presa militare su Gaza, è chiaro che “nessuna entità sarà disposta ad assumere l’amministrazione civile di Gaza per paura della sua sicurezza”, ha detto Netanyahu in una dichiarazione mercoledì. “Pertanto, le discussioni sul ‘giorno dopo’, finché Hamas rimarrà, rimarranno solo chiacchiere vuote”.

Ma la frustrazione sta crescendo all’interno dell’esercito israeliano e i generali parlano più liberamente del crescente vuoto di sicurezza.

“Non c’è dubbio che la creazione di un’alternativa ad Hamas eserciterebbe pressione su di esso”, ha dichiarato il portavoce militare israeliano, il contrammiraglio Daniel Hagari, durante una conferenza stampa martedì, quando gli è stato chiesto del ritorno di Hamas nel nord. “Ma questa è una questione che riguarda la leadership politica”, ha aggiunto con decisione.

L’ex primo ministro Naftali Bennett ha paragonato lo stato della guerra a “pulire l’acqua su un pavimento inclinato”.

“In qualche modo la pianificazione per la Gaza post-Hamas è diventata un tabù nel nostro governo”, ha scritto su X questa settimana. “Possiamo decidere di mantenere un amministratore temporaneo israeliano, o un palestinese locale, o altre opzioni. Ma dobbiamo decidere QUALCOSA. Chi riempie il vuoto”.

Gli esperti militari avvertono che Israele potrebbe avviarsi verso una nuova occupazione militare – uno scenario da incubo per l’IDF e un’altra possibile linea di frattura nei rapporti con Washington, dove i funzionari hanno insistito sul fatto che “Gaza è terra palestinese e rimarrà terra palestinese”.

Parlando in ottobre, Gallant ha elencato “la rimozione della responsabilità di Israele per la vita nella Striscia di Gaza” come uno degli obiettivi principali della guerra. A sette mesi di distanza, questa sembra una possibilità remota.

“Purtroppo non ci siamo occupati della sostituzione di Hamas”, ha dichiarato Kobi Michael, esperto dell’Istituto israeliano per gli studi sulla sicurezza nazionale. “L’unica opzione che vedo è un’amministrazione militare temporanea che si occupi e gestisca il territorio, la popolazione e gli aiuti umanitari”, ha detto, notando che l’idea è ora discussa più seriamente nell’establishment militare israeliano.

Anche le recenti dichiarazioni pubbliche di Netanyahu hanno suggerito una presenza militare israeliana a lungo termine a Gaza. “Se guardiamo a ciò che è necessario fare dopo la vittoria di questa guerra, dovremo avere una smilitarizzazione sostenuta da parte di Israele”, ha detto in un’intervista in podcast questa settimana. “Se si deve stare dentro, si sta dentro”.

Yossi Melman, editorialista di lunga data dell’intelligence per il quotidiano Haaretz, ha detto che la missione dell’IDF ha perso la bussola.

“Sono come zombie che vagano”, ha detto. “Non sanno cosa fare”.

Di Loveday Morris, Shira Rubin e Hazem Balousha

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
molo galleggiante per aiuti gaza
Previous Story

E’ pronto il molo galleggiante per gli aiuti alla Striscia di Gaza

erdogan fratellanza musulmana turchia
Next Story

Erdogan e Fratellanza Musulmana, un problema non più rinviabile

Latest from Medio Oriente

Go toTop