I due terzi dei palestinesi approvano ancora il massacro del 7 ottobre

A rivelarlo è un sondaggio del Palestinian Center for Policy and Survey Research (PCPSR)
15 Giugno 2024
7 ottobre murales

Dopo otto mesi di guerra a Gaza, due terzi dei palestinesi della Striscia di Gaza e della Cisgiordania sostengono gli attacchi di Hamas contro Israele del 7 ottobre, secondo un nuovo sondaggio d’opinione del Palestinian Center for Policy and Survey Research (PCPSR), un think tank con sede a Ramallah che è una delle poche organizzazioni che effettua sondaggi sul campo tra i gazesi.

Il sondaggio ha rilevato che il 67% degli intervistati palestinesi ha sostenuto la decisione di Hamas di attaccare Israele quel giorno, un massacro che ha ucciso circa 1.200 persone e ha scioccato il mondo per la sua barbarie. Suddiviso per territorio, il sostegno in Cisgiordania era più alto, con il 73%, rispetto al sostegno a Gaza, con il 57%.

Sebbene il sostegno complessivo all’attacco di Hamas rimanga elevato, secondo il sondaggio, è diminuito di quattro punti percentuali rispetto all’ultima volta che il PCPSR ha condotto il suo sondaggio.

I sondaggi sui palestinesi sono notoriamente difficili, soprattutto a Gaza, dove i civili corrono il rischio di essere puniti se non dimostrano sufficientemente il loro sostegno ad Hamas.

Tuttavia, l’ultimo sondaggio del PCPSR è sorprendente. Più del 60% dei gazesi ha dichiarato di aver perso un familiare nella guerra in corso, ma un numero ancora maggiore ha affermato di aver sostenuto quanto accaduto il 7 ottobre, che ha portato all’invasione di Gaza da parte di Israele. Otto intervistati su 10 hanno dichiarato di ritenere che gli attacchi abbiano portato l’attenzione globale sulla causa palestinese.

Il sondaggio ha evidenziato un cambiamento significativo nelle difficili dinamiche politiche della regione, con un aumento del sostegno alla lotta armata e un netto calo del sostegno alla soluzione dei due Stati.

È aumentato anche il sostegno ad Hamas, con il 40% degli intervistati che preferisce il gruppo ad altre fazioni politiche – un aumento di sei punti rispetto al sondaggio precedente. Il sostegno a Fatah, guidato da Mahmoud Abbas in Cisgiordania, si è invece attestato ad appena il 20%.

Oltre il 60% degli intervistati ha espresso insoddisfazione nei confronti di Abbas e del suo approccio al conflitto e si è detto favorevole allo scioglimento dell’Autorità Palestinese (AP) che governa la Cisgiordania. La richiesta di dimissioni di Abbas è aumentata notevolmente, con il 94% dei palestinesi della Cisgiordania e l’83% di quelli di Gaza che ne chiedono l’allontanamento.

Walid Ladadweh, capo dell’Unità di ricerca sui sondaggi del PCPSR, ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che l’aumento del sostegno a Hamas dovrebbe essere visto come una reazione all’offensiva di Israele a Gaza, che avrebbe provocato migliaia di morti tra i civili.

Guardando al di là dell’attuale conflitto, il sondaggio ha rilevato opinioni nettamente divergenti su chi dovrà governare una Gaza post-bellica. Il 56% degli intervistati ritiene che Hamas continuerà a governare la Striscia dopo la guerra. Una parte significativa dei gazesi ha anche espresso scetticismo sull’efficacia degli interventi internazionali e degli accordi di cessate il fuoco.

Il sondaggio del PCPSR, condotto tra il 26 maggio e il 1° giugno, ha intervistato 1.570 adulti palestinesi, con 760 interviste condotte faccia a faccia in Cisgiordania e 750 nella Striscia di Gaza. Il periodo del sondaggio ha coinciso con l’intensificarsi dell’offensiva di terra israeliana a Rafah, che ha esacerbato la situazione umanitaria e sfollato circa un milione di persone, secondo i dati delle Nazioni Unite.

Una traduzione in inglese dell’indagine e della sua metodologia è disponibile qui.

Sarah G. Frankl

Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
g7 denaro russo per aiutare ucraina
Previous Story

Finalmente si tocca il denaro russo per aiutare l’ucraina

fronte nord israele hezbollah
Next Story

L’escalation tra Israele ed Hezbollah preoccupa gli Stati Uniti

Latest from Medio Oriente

Go toTop