I leader di Hamas in esilio in cambio di tutti gli ostaggi

10 Gennaio 2024
Yahya Sinwar leader di hamas in fuga e ricercato

Secondo un rapporto non verificato dei media ebraici, l’ultima proposta del Qatar per un accordo sugli ostaggi includerebbe l’esilio dei leader di Hamas.

Secondo Channel 13 news, il piano sostenuto dal Qatar, che secondo quanto riferito dovrebbe essere discusso dal gabinetto di sicurezza questa sera, vedrebbe Israele consentire l’esilio dei leader di Hamas fuori da Gaza in cambio del rilascio graduale di tutti gli ostaggi rimanenti e del ritiro totale dell’IDF dalla Striscia.

I funzionari governativi e militari israeliani hanno ripetutamente affermato che l’IDF non smetterà di combattere finché non avrà distrutto la presenza del gruppo terroristico di Hamas a Gaza.

Il gabinetto di guerra ne discuterà alle 18

Ore 18 (Tel Aviv) Il Forum delle famiglie degli ostaggi e dei dispersi, in risposta, ha chiesto che il gabinetto di guerra israeliano approvi qualsiasi accordo che porti al rilascio degli ostaggi. “Le notizie su un nuovo accordo che sarà presentato al gabinetto stasera danno un po’ di speranza alle famiglie che sono in ansia per la sorte dei loro cari – che hanno sofferto nei tunnel di Hamas per quasi 100 giorni e notti senza cibo, acqua e cure mediche salvavita. Ogni giorno che passa, le condizioni degli ostaggi peggiorano.

“Chiediamo che il gabinetto di guerra non si occupi di nient’altro che della restituzione degli ostaggi, chiediamo che approvi qualsiasi accordo che porti al loro immediato rilascio da vivi!”.

Secondo N12, il gabinetto di guerra si riunirà mercoledì alle 18 per discutere la proposta.

Ore 18:20 (Tel Aviv) – Il ministro Benny Gantz, leader del Partito di Unità Nazionale, che si è unito al gabinetto di guerra, ha dichiarato in una conferenza stampa che la questione più urgente è la restituzione degli ostaggi tenuti prigionieri da Hamas, anche prima dei combattimenti. “Se qualcuno degli ostaggi ci sta guardando ora, è importante che sappia che stiamo facendo tutto il possibile per riportarvi a casa dai vostri cari, che non hanno smesso di combattere per voi. Non c’è canale che venga ignorato, né strada che non venga percorsa per far sì che ciò accada”.

Ore 18:32 (Tel Aviv) – Funzionari israeliani affermano che è in atto una campagna di disinformazione sulla fame a Gaza. “Sì, la situazione è difficile, ma non c’è fame. Gran parte delle difficoltà nel far arrivare il cibo alla popolazione civile sono dovute alle Nazioni Unite”, ha dichiarato un funzionario. Molti degli aiuti vengono sequestrati da Hamas

Aiuti umanitari per Gaza requisiti da Hamas
Membri armati di Hamas requisiscono gli aiuti umanitari portati a Gaza (Foto: AP)

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

Israele intensifica gli attacchi contro Hezbollah

Nuovo sistema di difesa spyder
Next Story

Israele testa con successo il nuovo sistema di difesa SPYDER contro droni e missili balistici

Latest from Breaking News

Go toTop