Le strade palestinesi sono esplose in festa e i gruppi terroristici si sono riuniti in segno di lode dopo l’attacco terroristico di venerdì a Gerusalemme, in cui due persone sono state uccise e molte altre ferite.

“L’azione eroica a Gerusalemme è una risposta naturale a tutti i crimini dell’occupazione contro il popolo palestinese”, ha dichiarato Hazem Kassem, portavoce del movimento Hamas di Gaza.

Anche le Brigate Al-Aqsa – il braccio militare del movimento palestinese Fatah – hanno rilasciato una dichiarazione: “Accogliamo con favore l’operazione a Gerusalemme occupata e la consideriamo una risposta naturale ai crimini dell’occupazione contro il nostro popolo ovunque, e confermiamo che la resistenza continuerà la sua attività finché l’occupazione rimarrà sulla nostra terra e profanerà la nostra santità”.

In Cisgiordania, il portavoce del Jihad islamico Tarek Ezz ad-Din ha dichiarato che il gruppo terroristico ha accolto con favore “l’azione eroica a Gerusalemme che sottolinea ripetutamente che il nostro popolo palestinese persiste nella resistenza all’occupazione fino a quando questa non sarà rimossa dalla nostra Gerusalemme, che rimarrà un simbolo di fermezza e l’azione eroica simboleggia l’approccio della resistenza per sconfiggere l’occupante criminale”.

Il terrorista, identificato come Hossein Karaka, era un residente di Gerusalemme est del villaggio di Issawya. A Gerusalemme est vivono circa 370.000 residenti arabi, molti dei quali possiedono documenti di identità israeliani e si muovono liberamente tra Israele e la Cisgiordania.

“Siamo tutti pronti a morire per la Palestina”, ha detto un giovane palestinese di Gerusalemme Est a Channel 12 News. “Voglio essere un martire per la Palestina”, ha detto un altro uomo arabo.

“Tutto il popolo palestinese sarà martire e vivrà in paradiso. Ho un figlio di dieci anni e speriamo che anche lui sia un martire”, ha aggiunto.