Il fallimento degli Accordi di Oslo spiegato bene

21 Agosto 2023
fallimento accordi di oslo

Esattamente 30 anni fa, il 20 agosto 1993, Yasser Arafat, leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), e il Ministro degli Esteri israeliano Shimon Peres firmarono un documento noto come Accordi di Oslo.

Questi accordi furono il risultato di colloqui segreti tenutisi nella capitale norvegese e miravano a stabilire un periodo di transizione di cinque anni per la gestione delle relazioni tra Israele e la popolazione palestinese nei “territori occupati”.

Israele riconobbe ufficialmente l’OLP come rappresentante legittimo ed esclusivo del popolo palestinese, mentre l’OLP, a sua volta, riconobbe il diritto di Israele ad esistere in pace e sicurezza.

Poco dopo, il documento iniziale si è trasformato in una serie di principi fondamentali che hanno ottenuto l’approvazione della Knesset con uno stretto margine di 61 voti e sono stati successivamente firmati sul prato della Casa Bianca.

L’evento ha visto anche una storica stretta di mano tra il Primo Ministro Yitzhak Rabin e Yasser Arafat.

Gli addendum all’accordo interinale delineavano numerosi ambiti di collaborazione economica per lo sviluppo “dell’unione doganale”. Dopo un anno di negoziati, sfide e soluzioni innovative, il Protocollo di Parigi è stato finalizzato nell’aprile 1994. Questo documento non solo stabilì i legami economici tra Israele e la neonata Autorità Palestinese (AP), ma definì anche le linee guida per le loro relazioni future.

Il protocollo stabiliva un quadro doganale e fiscale che abbracciava tutta la Grande Israele, facilitando la libera circolazione di beni, persone, idee e attività finanziarie tra Israele e i territori della Cisgiordania e della Striscia di Gaza sotto il governo palestinese.

L’accordo prevedeva che Israele continuasse ad amministrare le tasse e le dogane ai confini esterni di questo quadro, mantenendo il diritto esclusivo di emettere la propria moneta, lo shekel, che sarebbe stata considerata a corso legale in questi territori. Inoltre, la gestione dell’economia interna palestinese veniva affidata alle autorità palestinesi. Tutto questo, in linea teorica.

Il Protocollo di Parigi, al momento della sua firma, rappresentava un risultato significativo ed è rimasto inalterato fino ad oggi, nonostante le sue lacune e le successive modifiche. È un vantaggio o un danno? Quando si esaminano i rapporti pubblicati dagli organismi internazionali, concepiti per garantire risorse e sostegno all’Autorità palestinese, le prospettive economiche appaiono costantemente negative. Che si legga un solo rapporto o più di uno, la situazione economica è sempre negativa.

«La prevista stretta integrazione commerciale e finanziaria tra Israele e i territori palestinesi avrebbe dovuto portare a una graduale convergenza dei redditi, implicando una crescita dei redditi pro-capite palestinesi superiore a quella registrata. Ma le condizioni per tale crescita non si sono realizzate e la convergenza dei redditi non si è verificata», ha dichiarato il Fondo Monetario Internazionale in un rapporto dello scorso aprile.

Ciò è in gran parte attribuibile alle politiche rigide e costrittive di Israele. Un economista della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) ha previsto una perdita economica di 50 miliardi di dollari per l’Autorità palestinese a causa delle restrizioni imposte da Israele negli ultimi due decenni. Al contrario, i profitti ottenuti dall’economia israeliana grazie agli insediamenti in Cisgiordania, secondo lo stesso rapporto, ammontano a ben 630 miliardi di dollari, più del doppio della produzione interna annuale di Israele.

Vecchio Medio Oriente

Tuttavia, prima ancora di approfondire gli aspetti numerici, che indubbiamente hanno un significato sostanziale, è davvero affascinante approfondire la traiettoria che ha preso l’ambizioso concetto degli Accordi di Oslo e del Protocollo di Parigi, spesso indicato come “Nuovo Medio Oriente”. La nascita di questo termine deve molto al defunto presidente israeliano Shimon Peres, che lo coniò per la prima volta durante il vertice economico dell’ottobre 1994 a Casablanca, in Marocco, incentrato sul Medio Oriente e sul Nord Africa.

Questo particolare evento ha lasciato un segno indelebile nella memoria di tutti i partecipanti, caratterizzato dalle alte promesse e aspirazioni che hanno animato le discussioni e le interazioni. Una massiccia assemblea di oltre 1.500 eminenti politici, capi di Stato, rappresentanti di organizzazioni, aziende e media si è riunita nella pittoresca cittadina costiera che deve la sua fama principalmente all’iconico film Casablanca del 1942, con Humphrey Bogart e Ingrid Bergman.

Quattro aerei pieni sono partiti da Israele per la conferenza. La delegazione ufficiale ha portato con sé un pesante libro di 400 pagine, ricco di mappe meticolosamente realizzate, diagrammi, fotografie suggestive e grafici informativi. Il titolo del libro, Opzioni regionali per lo sviluppo e la cooperazione, rispecchiava perfettamente il suo contenuto. Questo documento completo illustrava l’ambiziosa visione di Shimon Peres per la costruzione di un Medio Oriente rinvigorito.

Il documento tracciava iniziative pragmatiche in vari settori: agricoltura, energia, trasporti, gestione delle acque e turismo. In particolare, queste iniziative erano destinate a promuovere la collaborazione tra Israele, Siria, Egitto, Giordania, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Stati del Nord Africa. È interessante notare che l’elenco dei progetti (e le dichiarazioni di Peres all’epoca) omettevano in modo evidente qualsiasi riferimento ai palestinesi come organo di governo con un interesse a plasmare il loro destino. In sostanza, i palestinesi sono stati assenti dalla narrazione delle discussioni e delle aspirazioni del vertice.

Il vertice di Casablanca è stato caratterizzato durante la cena da calorosi abbracci tra il presidente americano Bill Clinton e l’omologo russo Boris Eltsin, da lunghi discorsi che hanno dipinto vivide visioni di un futuro promettente per tutti i partecipanti, eppure, sorprendentemente, ha portato a zero – sì, avete letto bene, zero! – accordi concreti. Quando le delegazioni sono partite, le loro mani erano rimaste vistosamente vuote.

Il documento che la delegazione israeliana portava con sé ha avuto tante versioni quanti sono stati i vertici economici mediorientali che si sono succeduti. Tra questi, Rabat (pochi giorni prima del tragico assassinio di Rabin), Il Cairo (dopo il primo trionfo elettorale di Netanyahu) e uno tenutosi sulla sponda giordana del Mar Morto.

È sorprendente che questi incontri non abbiano prodotto nulla di sostanziale in termini di risultati concreti. La grande visione di creare reti elettriche transfrontaliere è rimasta irrealizzata, gli sforzi congiunti per sviluppare siti turistici comuni sono rimasti inafferrabili, gli ambiziosi piani per strade e ferrovie transfrontaliere hanno continuato a persistere come aspirazioni irrealizzate e persino gli sforzi di collaborazione per affrontare la crescente crisi idrica hanno incontrato una fine prematura.

L’idea di un canale d’acqua interconnesso che collegasse il Mar Rosso e il Mar Morto, un tempo propagandata come una svolta epocale, ora langue nell’oscurità. L’integrazione di Israele nel più ampio quadro economico mediorientale è rimasta un sogno rimandato, un’aspirazione che ha preso piede solo in tempi recenti, soprattutto nell’ambito specifico dell’esplorazione e dello sfruttamento del gas naturale.

Tra le poche storie di successo c’è l’azienda tessile Delta, guidata dal defunto sostenitore della pace Dov Lautman, che ha aperto fabbriche di cucito sia in Giordania che in Egitto, sfruttando le agevolazioni doganali statunitensi. È opportuno sottolineare che i bilanci destinati alla difesa nella regione sono rimasti in gran parte inalterati, sfidando le riduzioni proposte da Rabin e Peres durante il vertice di Casablanca.

I dati dell’economia palestinese sono compilati e analizzati dall’Ufficio centrale di statistica palestinese. Tre decenni fa, in seguito agli accordi di Oslo, questa responsabilità è passata dall’Ufficio centrale di statistica israeliano. Sebbene non intenda certo sminuire la competenza degli statistici palestinesi, ritengo sia essenziale esercitare cautela nell’attribuire un significato eccessivo ai numeri che presentano.

Nel corso del tempo, i principali indicatori economici palestinesi vengono periodicamente rivisti, portando a una completa trasformazione delle prospettive generali, spesso in una luce notevolmente più favorevole. Inoltre, una parte significativa delle transazioni economiche nei territori è condotta in modo non ufficiale e non viene dichiarata. C’è una notevole mancanza di informazioni disponibili sulle dinamiche economiche di Gaza, controllata da Hamas, e sulla portata del suo afflusso finanziario.

Inoltre, l’ufficio palestinese, spinto da esplicite motivazioni politiche, sta attualmente rilasciando i dati sull’attività economica dei territori in dollari statunitensi, una scelta che distorce significativamente la situazione reale. Il dollaro americano non ha corso legale in queste zone e non ha alcun ruolo nelle transazioni commerciali.

È importante fare una chiara distinzione tra il prodotto interno lordo (PIL) nei territori sotto il governo dell’Autorità palestinese, che misura tutti i beni e servizi finali prodotti annualmente, e il reddito nazionale lordo (RNL) del popolo palestinese.

Il RNL comprende varie fonti, come i guadagni derivanti dal lavoro in Israele e negli insediamenti israeliani in Cisgiordania (pari a circa 3 miliardi di dollari l’anno scorso), le rimesse dei lavoratori palestinesi impiegati nei Paesi del Golfo, gli aiuti forniti dalle nazioni sostenitrici (che variano da 800 milioni di dollari a un miliardo di dollari l’anno), nonché gli aiuti di varie agenzie delle Nazioni Unite. Di conseguenza, il PIL dell’Autorità palestinese rappresenta circa il 22-25% dell’RNL locale.

Infine, la questione dei prezzi: Il costo della vita nei territori palestinesi è molto basso in generale. Pertanto, in termini di potere d’acquisto reale, il reddito pro capite di un palestinese è più alto di quanto possa far pensare il calcolo in dollari. Il database della Banca Mondiale fornisce stime del reddito pro capite aggiustato per la parità di potere d’acquisto (PPP) in Palestina (secondo il prestatore globale): 8.200 dollari l’anno scorso.

A titolo di confronto, il PIL pro capite è stato di soli 3.700 dollari l’anno scorso. Il reddito pro capite corretto per le PPA nella sola Cisgiordania è stato stimato in 12.300 dollari. Il PIL pro capite, invece, era di soli 5.500 dollari. Questa cifra non riflette accuratamente il tenore di vita nei territori governati dall’Autorità palestinese in Cisgiordania.

Tuttavia, le istituzioni economiche internazionali si basano sul PIL locale per descrivere la crisi economica palestinese. Questo approccio è problematico e demoralizzante, e non serve nemmeno ai loro stessi obiettivi.

Tra Cisgiordania e Gaza

Quando furono stipulati gli accordi di Oslo, non c’era un divario economico significativo tra la Cisgiordania e la Striscia di Gaza. Nel 1994, il reddito nazionale medio pro capite in Cisgiordania (esclusi gli insediamenti israeliani e Gerusalemme Est) era di 1.370 dollari, mentre nella Striscia di Gaza era di 1.260 dollari. Il divario era solo del 9%.

All’apice della Seconda Intifada, nel 2002, il reddito pro capite di un residente palestinese in Cisgiordania era già superiore del 30% rispetto a quello della controparte di Gaza. Da allora, il reddito pro capite a Gaza è cresciuto del 45%, mentre in Cisgiordania è aumentato del 380%. In realtà, si tratta ora di due economie distinte con pochissimi legami tra loro, fatta eccezione per gli stipendi dei lavoratori del settore pubblico-civile nella Striscia, che sono ancora pagati dalle casse dell’AP a Ramallah.

La situazione economica di Gaza è disastrosa. Quasi il 40% della forza lavoro è senza lavoro e il salario medio locale è di 1.200 NIS al mese (312 dollari). Gli aiuti dei Paesi donatori vengono inghiottiti nel labirinto finanziario della burocrazia di Hamas. Le esportazioni attraverso i porti israeliani incontrano ostacoli burocratici e di sicurezza. Gli investimenti in infrastrutture cruciali sono ben al di sotto del necessario.

L’approvvigionamento energetico è intermittente, l’acqua è inquinata, la densità abitativa nei campi profughi aumenta di anno in anno e l’accesso ai servizi sanitari e scolastici fondamentali è tutt’altro che adeguato. La morsa della povertà si rifiuta di allentarsi.

Un lato positivo: Da quando la leadership di Hamas a Gaza è stata sostituita, le questioni socio-economiche sono state messe in cima alle priorità di Yahya Sinwar. C’è stata una notevole ripresa dell’attività imprenditoriale, alcuni progetti nei settori dell’energia e dell’acqua sono finalmente in fase di completamento e Israele sta concedendo permessi di ingresso a migliaia di lavoratori.

Rispetto a Gaza, i territori governati dall’AP in Cisgiordania sono un mondo completamente diverso. Il periodo post-Oslo può essere diviso in quattro fasi: La prima è quella della rapida crescita e della prosperità fino al 2001. Ricordate le gite di massa al casinò di Gerico e gli acquisti degli israeliani nei mercati delle città palestinesi vicine alla Linea Verde? Poi, due anni di Intifada hanno brutalmente cancellato tutti questi risultati. Tuttavia, da allora e fino ad oggi, i palestinesi sono riusciti a mantenere un sorprendente miracolo economico.

Per i palestinesi della Cisgiordania, gli ultimi 20 anni sono stati caratterizzati da crescita, miglioramento del tenore di vita, notevoli progressi nella governance economica, esitante ma continuo afflusso di investimenti stranieri e una costante lotta civile contro le restrizioni e i blocchi israeliani.

Il reddito pro capite è aumentato dell’8,5% all’anno, superando di gran lunga ogni realistica previsione. Il risultato statistico: una significativa riduzione del divario di reddito pro capite rispetto a Israele (4,5 volte inferiore se aggiustato per il potere d’acquisto).

Secondo i dati, il totale degli aiuti all’Autorità palestinese negli ultimi 20 anni ammonta a 40 miliardi di dollari. Ogni famiglia palestinese in Cisgiordania ha un telefono cellulare (anche se solo 3G, non 4G o 5G), un frigorifero e un’antenna parabolica sul tetto. Il 70% ha un computer desktop o portatile, il 90% ha Internet a casa e circa un terzo possiede un’auto privata. Un quarto di milione di giovani palestinesi sta seguendo una formazione universitaria e altri 15.000 sono iscritti ai community college.

D’altra parte, solo il 77% degli uomini e il 16% delle donne partecipano alla forza lavoro. La disoccupazione, nonostante le opportunità di lavoro in Israele, rimane a due cifre, al 12%. Le esportazioni verso Israele e la Giordania sono marginali, il deficit commerciale è molto alto e le sfide di bilancio si intensificano man mano che Israele, per ragioni politiche e di sicurezza, ritarda il trasferimento dei fondi che deve ai palestinesi in base al Protocollo di Parigi.

Ho avuto numerose conversazioni con economisti palestinesi veterani. Continuano a sognare di avere il pieno controllo sul loro destino economico e sperano che si realizzi. «Avete preso il controllo della nostra economia», mi hanno detto con amarezza.

“Perché non dovremmo beneficiare anche noi delle ricchezze minerarie del Mar Morto, dalla sua parte palestinese?”, chiedono. “Perché non sviluppare insieme a voi l’agricoltura nella Valle del Giordano, dove la maggior parte delle sue terre non sono sfruttate? E che fine ha fatto il principio fondamentale della libera circolazione di persone, capitali e iniziative, come promesso nel Protocollo di Parigi?”. Non è così che si immaginava l’economia palestinese in tre decenni.

Anche noi israeliani non immaginavamo che dopo tre decenni saremmo stati ancora così lontani dal realizzare i principi delineati nei lontani accordi di Oslo.

Un’economia 3:3:3

Secondo un nuovo sondaggio sociale dell’Ufficio centrale di statistica, la metà degli israeliani dai 20 anni in su ritiene che i media ritraggano la realtà israeliana come “peggiore di quanto sia in realtà”. Questa metà comprende ora anche un economista di spicco, il Prof. Eytan Sheshinski (che sarà presto insignito del Premio Israele per i risultati ottenuti nella sua vita).

In un’intervista rilasciata alla radio KAN BET la scorsa settimana, ha dichiarato: «La stampa economica dipinge un quadro più fosco della realtà. L’economia non è nella crisi che i pessimisti avevano previsto. Sono sorpreso di me stesso per aver detto questo».

Sheshinski ha condiviso la sua valutazione prima della pubblicazione dei dati che indicano un tasso di inflazione annuale del 3,3% a luglio, un tasso di crescita reale del 3% nel secondo trimestre dell’anno e un tasso di disoccupazione del 3,4%. Sembra che l’economia stia convergendo verso il magico numero 3. Se confrontato a livello globale, questo dato appare ancora più impressionante.

Allora perché lo shekel si è indebolito? Dopo tutto, la differenza tra importazioni ed esportazioni, o deficit commerciale, si è ridotta del 20% in soli sei mesi, il bilancio internazionale mostra un surplus di circa 20 miliardi di dollari quest’anno e le riserve di valuta estera hanno raggiunto nuovi massimi.

Come mai, allora, il dollaro si sta apprezzando in un Paese con tali riserve valutarie? Secondo il defunto economista ebreo-americano e premio Nobel Paul Samuelson, ci sono tre cose che fanno impazzire le persone: la ricerca del rispetto, l’avidità e il tentativo di capire i mercati finanziari. In altre parole, non provateci nemmeno.

Articolo di Sever Plocker pubblicato su Yedioth Ahronoth il 20 agosto 2023

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
ritorno alla democrazia dopo colpo di stato in niger
Previous Story

Il leader del colpo di stato in Niger propone il ritorno alla democrazia entro tre anni

gerusalemme attacchi contro cristiani e vandalismi
Next Story

Attacchi contro cristiani a Gerusalemme. Apprensione ADL Israele

Latest from Medio Oriente

Go toTop