Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato mercoledì che è “improbabile” che un missile che ha ucciso due persone in Polonia, alleato della NATO, sia stato lanciato dal territorio russo, ma si è impegnato a sostenere le indagini della Polonia su quello che ha definito un missile “di fabbricazione russa”.
I leader occidentali si sono affrettati a rispondere alla potenziale escalation della guerra in Ucraina dopo l’attacco nella parte orientale della Polonia, vicino al confine ucraino.
Biden ha parlato dopo aver convocato una riunione di “emergenza” dei leader del Gruppo dei Sette e della NATO in Indonesia mercoledì mattina per consultazioni sull’attacco.
“Ci sono informazioni preliminari che lo contestano”, ha detto Biden ai giornalisti quando gli è stato chiesto se il missile fosse stato lanciato dalla Russia. “È improbabile, in base alla traiettoria, che sia stato lanciato dalla Russia, ma vedremo”.
Non è stato immediatamente chiaro se Biden stesse suggerendo che il missile non fosse stato lanciato dalla Russia. L’Ucraina conserva ancora scorte di armi ex sovietiche e di fabbricazione russa, tra cui il sistema missilistico di difesa aerea S-300.
Tre funzionari statunitensi hanno dichiarato che le valutazioni preliminari suggeriscono che il missile sia stato sparato dalle forze ucraine contro un missile russo in arrivo, nel corso di una serie di attacchi contro l’infrastruttura elettrica dell’Ucraina. I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato perché non autorizzati a discutere pubblicamente la questione.
Questa valutazione e i commenti di Biden contraddicono le informazioni fornite martedì da un alto funzionario dell’intelligence statunitense, che ha dichiarato all’AP che i missili russi hanno attraversato la Polonia.
L’esplosione in Polonia, un membro della NATO, ha immediatamente scatenato la preoccupazione che l’alleanza possa essere coinvolta nella guerra di quasi nove mesi della Russia contro l’Ucraina, sostenuta dall’Occidente.
Il Ministero degli Esteri polacco ha convocato l’ambasciatore russo a Varsavia per affinché fornisca “immediate spiegazioni dettagliate” sull’attacco e mercoledì la Polonia dovrebbe richiedere consultazioni urgenti ai sensi dell’articolo 4 del Trattato NATO.
L’articolo 4 consente di chiedere consultazioni quando un membro della NATO ritiene che “l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza” siano a rischio.
Biden, che è stato svegliato nella notte dal personale con la notizia dell’esplosione del missile mentre si trovava in Indonesia per il vertice del Gruppo dei 20, ha chiamato il presidente polacco Andrzej Duda nelle prime ore di mercoledì per esprimere le sue “profonde condoglianze” per la perdita di vite umane. Biden ha promesso su Twitter “il pieno sostegno e l’assistenza degli Stati Uniti alle indagini della Polonia” e ha “riaffermato il fermo impegno degli Stati Uniti nei confronti della NATO”.

Biden ha detto di aver informato gli alleati sulle sue conversazioni con Duda e con il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg e che c’è stata “totale unanimità tra le persone al tavolo” per sostenere le indagini della Polonia sull’attacco.

“Mi assicurerò che si scopra esattamente cosa è successo”, ha detto Biden. “E poi decideremo collettivamente il nostro prossimo passo durante le indagini”.

Riunito in una grande tavola rotonda nella sala da ballo del suo hotel, il presidente degli Stati Uniti ha ospitato i leader del G-7, che comprende Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Unione Europea, insieme al presidente del Consiglio europeo e ai primi ministri degli alleati della NATO Spagna e Paesi Bassi.

Una dichiarazione del Ministero degli Esteri polacco ha identificato il missile come di fabbricazione russa. Ma il presidente polacco Duda è stato più cauto sull’origine del missile, affermando che i funzionari non sanno con certezza chi lo abbia lanciato o dove sia stato fabbricato.

Duda ha detto che “molto probabilmente” era di fabbricazione russa, ma questo è ancora in fase di verifica.

Se confermato, sarebbe la prima volta dall’invasione dell’Ucraina che un’arma russa si abbatte su un Paese della NATO.

Il fondamento dell’alleanza NATO è il principio secondo cui un attacco contro un membro è un attacco a tutti, il che rende l’origine del lancio del missile cruciale per determinare i passi successivi.

Biden ha anche detto che i leader hanno condannato “l’ultima serie di attacchi missilistici russi”, riferendosi agli attacchi russi confermati negli ultimi giorni che hanno preso di mira la rete elettrica dell’Ucraina e causato blackout diffusi.

“Nel momento in cui il mondo si è riunito al G-20 per sollecitare la de-escalation, la Russia continua a macchiarsi di crimini in Ucraina, mentre noi siamo riuniti”, ha detto Biden. “Ci sono stati decine e decine di attacchi missilistici contro obiettivi civili nell’Ucraina occidentale”.

Biden e i suoi alleati si erano prefissati di isolare la Russia al vertice del G-20 e si prevedeva che il comunicato finale del gruppo mostrasse che “la maggior parte” delle nazioni del G-20 condannano l’invasione della Russia.

Il Ministero della Difesa russo ha negato di essere dietro “qualsiasi attacco a obiettivi vicino al confine ucraino-polacco” e ha detto in una dichiarazione che le foto dei presunti danni “non hanno nulla a che fare” con le armi russe.

“I mass media e i funzionari polacchi commettono una deliberata provocazione per inasprire la situazione con le loro dichiarazioni sul presunto impatto dei razzi ‘russi’ a Przewodow”, ha dichiarato il ministero della Difesa russo in un comunicato pubblicato online.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito che è “assolutamente essenziale” evitare un’ulteriore escalation in Ucraina.

La Polonia ha messo alcune unità militari in stato di massima prontezza dopo l’esplosione, ha dichiarato un portavoce del governo.

“È stato deciso di aumentare lo stato di preparazione di alcune unità di combattimento e di altri servizi in uniforme”, ha dichiarato il portavoce Piotr Muller.

Il proiettile ha colpito il villaggio di Przewodów, vicino al confine con l’Ucraina, mentre la Russia ha bombardato le strutture energetiche ucraine con la sua più grande raffica di missili, colpendo obiettivi in tutto il Paese e causando diffusi blackout.

Zelensky ha detto che solo ieri la Russia ha sparato almeno 85 missili, la maggior parte dei quali mirati alle strutture elettriche del Paese, oscurando molte città.

Con l’aggravarsi delle perdite sul campo di battaglia, la Russia è ricorsa sempre più spesso a colpire la rete elettrica ucraina, apparentemente sperando di trasformare l’avvicinarsi dell’inverno in un’arma per lasciare la popolazione al freddo e al buio.

Anche la Moldavia, che confina con l’Ucraina, è stata apparentemente colpita dagli attacchi russi. Un funzionario ha riferito che la Moldavia ha subito massicce interruzioni di corrente dopo che gli attacchi hanno messo fuori uso una linea elettrica chiave che rifornisce la piccola nazione.