aiuti umanitari a gaza

I responsabili della sicurezza israeliana stanno silenziosamente sviluppando un piano per distribuire aiuti umanitari a Gaza che potrebbe alla fine creare un’autorità di governo guidata dai palestinesi. Lo hanno detto funzionari israeliani e arabi, provocando una feroce reazione da parte di Hamas e creando divisioni nel gabinetto di guerra di Israele.

Un importante responsabile della difesa israeliana ha avuto colloqui con l’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti e la Giordania per costruire un sostegno regionale al fine di arruolare leader palestinesi e uomini d’affari che non hanno legami con Hamas che possano interagire con le forze israeliane nella distribuzione degli aiuti.

Secondo quanto si apprende dai responsabili del piano, gli aiuti entrerebbero via terra e via mare e, dopo severa ispezione israeliana, si dirigerebbero verso grandi magazzini nel centro di Gaza, dove i palestinesi li distribuirebbero. Una volta terminata la guerra, le persone incaricate degli aiuti assumerebbero l’autorità di governare, sostenute da forze di sicurezza finanziate da governi arabi.

Il piano rappresenta uno dei primi passi che Israele ha iniziato a compiere per colmare il vuoto di potere lasciato dall’invasione della Striscia di Gaza. Gli Stati Uniti e i governi arabi hanno fatto pressione su Israele affinché faccia di più per distribuire aiuti umanitari per i gazesi e per delineare una visione chiara per l’amministrazione della Gaza post-bellica.

Il piano per gli aiuti umanitari a Gaza ha già incontrato ostacoli e potrebbe crollare. Finora non ha il sostegno del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, dato che alcune delle persone coinvolte sarebbero affiliate a Fatah, visto dal premier israeliano come sostenitore del terrorismo al pari di Hamas.

“Gaza sarà gestita da coloro che non cercano di uccidere gli israeliani”, ha dichiarato un collaboratore dell’ufficio del primo ministro.

Un altro funzionario israeliano ha affermato che la veemente opposizione di Hamas potrebbe rendere il piano irrealizzabile.

Ma il caos che regna a Gaza ha frustrato l’amministrazione Biden, l’establishment della difesa israeliana e i critici del governo di emergenza di Netanyahu. Essi affermano che la distribuzione organizzata degli aiuti è attualmente impossibile e che Hamas può riaffermarsi nel vuoto di governo. È necessaria una forza in grado di distribuire efficacemente gli aiuti a Gaza e, realisticamente, tale forza dovrebbe essere collegata all’Autorità Palestinese, il governo con sede in Cisgiordania, o a Fatah, il partito di governo dell’Autorità.

Il Magg. Gen. Ghassan Alian, coordinatore delle attività governative nei territori, vede il piano per gli aiuti umanitari come una parte importante del piano di Israele per evacuare la città di Rafah, ultima roccaforte di Hamas, prima di un’offensiva sulla città di confine. La rete di distribuzione degli aiuti sfamerebbe da 750.000 a un milione di persone nei campi di sfollamento che Israele ha pianificato per assorbire la popolazione di Rafah, che si è gonfiata quando i gazesi vi hanno cercato rifugio.

Uno dei funzionari ha detto che la visione di Alian è che i palestinesi anti-Hamas formerebbero “un’autorità amministrativa locale” per distribuire gli aiuti, escludendo il gruppo terrorista dal processo.

Il piano ha scatenato minacce di ritorsione da parte di Hamas. Il gruppo ha etichettato come traditori tutti coloro che collaborano con gli israeliani e li ha minacciati di morte. Diverse famiglie palestinesi che un tempo si pensava fossero aperte all’idea si sono ritirate negli ultimi giorni.

“Accettare di comunicare con le forze di occupazione da parte dei capi famiglia e delle tribù per lavorare nella Striscia di Gaza è considerato un tradimento nazionale, che non permetteremo”, ha dichiarato un funzionario della sicurezza di Hamas in una dichiarazione pubblica del 10 marzo.

Hamas non ha svolto alcun ruolo formale nella distribuzione degli aiuti a Gaza, ma considera il nascente piano israeliano come un modo per creare una struttura di governo indipendente. “Colpiremo con il pugno di ferro chiunque interferisca con il fronte interno della Striscia di Gaza e non permetteremo l’imposizione di nuove regole”, ha dichiarato Hamas.

Un altro funzionario di Hamas ha detto che il gruppo si sentiva già messo da parte dal ponte marittimo sostenuto da Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti e altri partner per portare aiuti a Gaza. Il corridoio umanitario è stato negoziato direttamente con la municipalità di Gaza City senza che il gruppo fosse consultato. Ha detto che Hamas era nervosa anche per il coinvolgimento di Mohammed Dahlan, un ex membro di spicco di Fatah che era a capo della sicurezza a Gaza per l’Autorità Palestinese prima di andare in esilio negli Emirati Arabi Uniti.

Mohammed Dahlan 21 3
Mohammed Dahlan, ex capo della sicurezza a Gaza per l’Autorità Palestinese che vive negli Emirati Arabi Uniti, in una foto del 2016

Più in generale, Hamas vuole che la sicurezza sia gestita da forze che siano apolitiche ma che operino con l’approvazione del gruppo terrorista, ha dichiarato in una recente intervista Husam Badran, membro dell’ufficio politico di Hamas. Nelle ultime settimane la sicurezza è stata gestita da milizie volontarie nella città meridionale di Rafah e nel nord, con l’approvazione del gruppo, per sostituire la polizia gestita da Hamas dopo che questa era stata presa di mira dall’esercito israeliano.

“C’è stato un consenso [tra i gruppi palestinesi] per formare questa istituzione di sicurezza”, ha detto Badran.

Ma il funzionario di Hamas ha affermato che qualsiasi accordo permanente sulla sicurezza dovrebbe essere supervisionato da un futuro gabinetto di unità palestinese sostenuto da tutte le fazioni, non da entità straniere. “La sicurezza sarebbe responsabilità del governo di accordo nazionale”, ha detto.

I ricchi Stati del Golfo hanno dichiarato che non pagheranno le forze di sicurezza né aiuteranno a ricostruire Gaza, come previsto dal piano di aiuti, a meno che Israele non accetti un processo di creazione di uno Stato palestinese – un’idea che Netanyahu ha respinto. Il Segretario di Stato Antony Blinken è arrivato a Jeddah, in Arabia Saudita, mercoledì per discutere la pianificazione post-bellica, con l’Arabia Saudita che dovrebbe assumersi un pesante onere finanziario per la ricostruzione di Gaza.

Israele ha contattato diversi palestinesi di spicco per la partecipazione, hanno detto i funzionari, tra cui il massimo funzionario dei servizi segreti dell’Autorità Palestinese, Majid Faraj, l’uomo d’affari della Cisgiordania Bashar Masri e Dahlan.

Secondo un funzionario israeliano Netanyahu si è opposto al coinvolgimento di Dahlan e Faraj, che è un membro di Fatah. Ophir Falk, consigliere diplomatico senior di Netanyahu, ha affermato che l’Autorità Palestinese non è l’organismo giusto per assumere il controllo di Gaza perché non ha condannato gli attacchi del 7 ottobre e continua a pagare gli stipendi ai terroristi che hanno attaccato israeliani o ai loro parenti.

“Abbiamo bisogno di qualcuno che non voglia uccidere gli ebrei e che si metta in gioco. Questo potrà accadere quando Hamas sarà distrutto a Gaza. Questo è a portata di mano”, ha detto.

Dal canto suo Dahlan ha chiarito che non sarà coinvolto nel governo di Gaza. Dahlan, che vive ad Abu Dhabi, ha supervisionato le forze di sicurezza palestinesi che hanno combattuto Hamas nel 2006 ed è visto come un proxy per gli interessi degli Emirati Arabi Uniti nella Gaza post-bellica.

In un’intervista rilasciata al Wall Street Journal l’anno scorso, Dahlan ha dichiarato di non essere interessato a tornare a Gaza per dirigere un governo e ha detto che Israele e l’Occidente devono accettare il fatto che Hamas non può essere completamente sradicato e che dovrà svolgere un ruolo nella futura governance. “Non sono un amico di Hamas”, ha detto Dahlan. “Ma pensate che qualcuno possa correre a fare la pace senza Hamas?”.

Israele e Hamas hanno ripreso questa settimana i colloqui per un cessate il fuoco di sei settimane che libererebbe circa 40 ostaggi e consentirebbe l’ingresso di maggiori aiuti umanitari nella Striscia di Gaza, dove più di un milione di persone vive in condizioni di carestia.

Israele ha permesso l’ingresso di cibo, medicine e altri beni di prima necessità dopo un’attenta ispezione, ma gli aiuti non hanno raggiunto gran parte del nord di Gaza.