«Non ci sono incidenti in guerra». Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha commentato l’incidente in elicottero avvenuto nei pressi di Kiev, in cui sono rimasti uccisi i vertici del Ministero dell’Interno del Paese. Tra i morti ci sono il ministro Denys Monastyrsky, il primo vice ministro Evgeni Enin e il segretario di Stato Yuriy Lubkovich.

L’Ucraina non sostiene che la Russia sia coinvolta, ma Zelensky ha detto in un discorso video al World Economic Forum di Davos che la tragedia è avvenuta come conseguenza della guerra, chiarisce la BBC. Nel suo discorso, il presidente ha esortato gli alleati a inviare rapidamente altre armi in vista di un’altra offensiva russa. «Il tempo che il mondo libero usa per pensare è usato dallo Stato terrorista per uccidere», ha spiegato. L’osservazione è stata interpretata come una richiesta alla Germania di affrettare la consegna dei carri armati Leopard tanto desiderati, come riporta la BBC.

Berlino non è disposta a inviare i veicoli se gli Stati Uniti non si impegnano a fornire i propri carri armati Abrams. Il Regno Unito ha recentemente promesso di inviare alcuni dei suoi carri armati a Kiev.

Il capo dell’alleanza militare della NATO ha dichiarato mercoledì a Davos che l’Ucraina può aspettarsi di ricevere «più supporto, più supporto avanzato, armi più pesanti e più avanzate». Jens Stoltenberg ha detto che gli Stati membri della NATO si riuniranno venerdì per discutere quali attrezzature militari potrebbero essere inviate a Kyiv.

L’elicottero si è schiantato mercoledì vicino a un asilo a Brovary, fuori Kiev, intorno alle 08:30 ora locale (06:30 GMT). Tra i morti c’è anche un bambino.

Il ministro Monastyrsky, 42 anni, era uno dei più longevi consiglieri politici del Presidente Zelensky. È la vittima ucraina di più alto rango dall’inizio della guerra. La sua morte ha avuto ripercussioni sul governo di Kiev, poiché il ministero degli Interni ha il compito vitale di mantenere la sicurezza e dirigere la polizia durante la guerra. È stato un volto riconoscibile per gli ucraini durante la guerra, informando il pubblico sulle vittime causate dai missili russi dopo l’invasione dell’Ucraina del febbraio 2022.

Il vice capo dell’ufficio presidenziale ucraino ha dichiarato che Monastyrsky si era recato in un “punto caldo” della guerra. Il capo della polizia di Kharkiv ha aggiunto che la squadra ministeriale si era recata per incontrarlo.

Non ci sono indicazioni che lo schianto sia stato qualcosa di diverso da un incidente. Tuttavia, il Servizio di Sicurezza dello Stato ha dichiarato che sta esaminando diverse possibili cause, tra cui un sabotaggio, un malfunzionamento tecnico o una violazione delle regole di volo.

I funzionari chiave volano spesso in elicottero in Ucraina all’altezza degli alberi per evitare di essere scoperti, ma questo comporta dei rischi.

Tutto ciò che è ora riconoscibile dell’elicottero è un pannello della porta e uno dei suoi rotori che è atterrato sul tetto di un’auto.