per intelligence israeliana hamas sopravvive come gruppo terrorista

L’intelligence militare israeliana ha diffuso ai leader israeliani un documento in cui si avverte che, anche se l’IDF riuscirà a smantellare Hamas come forza militare organizzata a Gaza, esso sopravviverà come “gruppo terroristico e di guerriglia”.

Il documento, redatto dalla divisione di ricerca dell’intelligence militare dell’IDF, avrebbe anche affermato che “rimane un autentico sostegno” per Hamas tra i gazesi.

Dato che attualmente non si sta facendo alcuno sforzo pratico per mettere in atto un piano per Gaza il “giorno dopo la guerra”, il documento avverte inoltre che “Gaza diventerà un’area in profonda crisi”.

La giornalista investigativa di Canale 12 Ilana Dayan ha riferito che il documento è stato presentato lunedì ai vertici politici israeliani, dopo essere stato discusso lo scorso fine settimana da alti ufficiali dell’IDF, funzionari dello Shin Bet e membri del Consiglio di Sicurezza Nazionale.

La “linea di fondo” è che il documento costituisce un avvertimento da parte di coloro che nell’intelligence militare effettuano tali valutazioni, ha detto Dayan, che “Hamas sopravviverà a questa campagna [dell’IDF] come gruppo terroristico e guerrigliero”.

“Almeno da questo punto di vista”, ha suggerito, “non ci sarà una vittoria assoluta”, come previsto e richiesto dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu fin dall’inizio della guerra.

Mentre i funzionari israeliani hanno sempre dichiarato pubblicamente che l’obiettivo della guerra è spazzare via Hamas dalla Striscia, molti Paesi e funzionari di tutto il mondo hanno avvertito che non è un risultato fattibile.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha dichiarato a novembre che, sebbene Israele possa ridurre drasticamente la minaccia di Hamas, eliminare il gruppo e la sua ideologia è probabilmente impossibile.

“Abbiamo imparato, attraverso le nostre esperienze, che con mezzi militari e di altro tipo si può assolutamente avere un impatto significativo sulla capacità dei gruppi terroristici di dotarsi di risorse, addestrare combattenti, reclutare combattenti, pianificare l’esecuzione di attacchi”, ha dichiarato Kirby ai giornalisti.

“Questo non significa che l’ideologia si spenga e muoia”, ha detto, un’affermazione che ha ripetuto ancora una volta il mese scorso.

Un sondaggio pubblicato a dicembre e condotto durante la tregua di una settimana alla fine di novembre ha mostrato che il 57% degli intervistati a Gaza ritiene che l’attacco di Hamas del 7 ottobre sia stato giustificato e che il 42% degli abitanti della Striscia sostiene il gruppo terroristico in generale.

Dall’inizio della guerra, il capo dell’IDF Herzi Halevi ha generalmente parlato di “smantellamento” piuttosto che di eliminazione o sradicamento di Hamas, un termine che implicitamente riconosce che anche una guerra prolungata non sarà in grado di distruggere ogni minaccia militare e terroristica dalla Striscia.

La valutazione che Hamas resisterà alla guerra di Israele mirata alla sua distruzione è condivisa dalle parti interessate arabe della regione che si sono incontrate la scorsa settimana per presentare un piano comune per la ricostruzione di Gaza dopo la fine dei combattimenti.

L’Arabia Saudita, che ha ospitato l’incontro, ha invitato il Qatar a partecipare in segno di riconoscimento dell’influenza di Doha su Hamas, di cui ospita i leader politici.

I Paesi arabi che hanno partecipato all’incontro della scorsa settimana non vogliono che Hamas sia incluso nella leadership politica di Gaza dopo la guerra, ma credono che il gruppo terroristico riuscirà a sopravvivere in qualche forma e che sarà necessario un certo livello di acquiescenza per portare avanti con successo la riabilitazione di Gaza.