Intelligence israeliana: nasce Branch 54, la sezione dedicata alla guerra contro l’Iran

12 Giugno 2023
guerra iran israele

È passato quasi un decennio dall’inizio del confronto militare diretto tra Israele e Iran. Recentemente, le Forze di Difesa Israeliane hanno iniziato a prepararsi alla possibilità di una guerra con il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC). In parole povere, l’intelligence dell’IDF sta completando i contorni di una guerra che nessuno immaginava sarebbe mai arrivata: la prima guerra Israele-Iran.

Negli ultimi anni, la tensione tra Israele e Iran si è intensificata. Circa 10 droni sono stati lanciati verso Israele, l’ultimo dei quali è stato intercettato sopra la Valle di Hula, nel nord di Israele, circa due mesi fa. Inoltre, la Forza Quds dell’IRGC ha inviato più volte negli ultimi anni terroristi che hanno tentato di piazzare cariche esplosive contro le forze dell’IDF e terroristi di una delle loro unità hanno cercato di colpire turisti israeliani all’estero, principalmente in Turchia.

L’aumento degli scontri diretti tra i due Paesi ha posto fine ad anni di ambiguità nella lotta per la regione. Tuttavia, lo stallo nel raggiungimento di un nuovo accordo nucleare tra l’Iran e le potenze mondiali, insieme alle valutazioni all’interno dell’establishment della sicurezza secondo cui la prossima guerra sarà un conflitto su più fronti, ha portato l’esercito israeliano a entrare in una fase di preparazione per una guerra diretta contro l’Iran, o almeno per diversi giorni di conflitto con le forze della Repubblica Islamica.

“Si tratta di un significativo cambiamento di mentalità che l’IDF deve fare. Non è simile a una guerra contro Hezbollah o a un’operazione a Gaza contro Hamas o la Jihad islamica”, ha spiegato il tenente colonnello T., capo del dipartimento di ricerca della Branch 54, il nuovo ramo sull’Iran istituito presso la Direzione dell’intelligence militare. “È come informare un alto comandante dell’IDF che si addestra tutto il giorno per la guerra in Libano o a Gaza, e dirgli che questa volta è completamente diverso da quello che ha conosciuto finora”.

Secondo T.: “Siamo responsabili di fornire ai militari l’infrastruttura di conoscenze sulle capacità militari iraniane e sui sistemi strategici sotto il loro controllo. Siamo impegnati nella ricerca degli elementi di controllo in Iran, dal livello superiore fino agli operatori in prima linea”.

La nuova sezione è destinata ad essere il primo punto focale nei preparativi dell’IDF per uno scenario di ampio e palese confronto militare con l’esercito iraniano. In generale, il ramo si concentra sull’apprendimento dell’intelligence, in modo simile ai preparativi per un addestramento aggiornato basato sull’intelligence per il combattimento con Hezbollah e Hamas. Uno dei dipartimenti all’interno della sezione è considerato operativo e raccoglie informazioni sull’esercito regolare dell’IRGC.

La sezione è composta da soli 30 soldati, non ha ancora un nome, ma è responsabile della preparazione dell’IDF per una guerra contro l’Iran, poiché ogni giorno gli agenti operativi sviscerano un altro strato dell’esercito iraniano, rivelando un’altra dottrina, un metodo di combattimento o una tecnica di addestramento del nemico.

Nelle loro discussioni interne, sono ben consapevoli che non si tratta dello scenario che l’IDF praticherà nei prossimi mesi, come una guerra a due o più fronti. Si tratta di una guerra completamente diversa, che richiederà una grande resistenza da parte del pubblico israeliano, quasi come una guerra totale moderna.

I capi del ramo provengono da un background di specializzazione palestinese. Uno di loro, il tenente colonnello Y., è a capo del dipartimento di targeting, una posizione che non lascia dubbi sul suo scopo nella preparazione di una possibile guerra.

In tutto l’Iran ci sono migliaia di obiettivi militari che Israele potrebbe attaccare, ma il dipartimento di targeting ha il compito di individuare e designare gli obiettivi primari. “Analizziamo l’IRGC specificamente all’interno dell’Iran, non la Forza Quds”, ha descritto un ufficiale. “L’Iran è un Paese molto grande in termini di territorio e sanno che le nostre operazioni all’interno del loro territorio avranno delle conseguenze, ma è un gioco di esposizione reciproca”.

“Ciò che stiamo raccogliendo e ricercando sull’IRGC influenza direttamente la costruzione del potere dell’IDF e il nuovo piano pluriennale delineato dal capo di stato maggiore, fungendo da bussola per modellare la forza dell’IDF nei prossimi anni”.

Y. non ha ancora partecipato alle esercitazioni pratiche con le forze che guideranno la futura guerra contro l’esercito iraniano, come l’aviazione israeliana, ma sta già monitorando meticolosamente le capacità di inganno dell’esercito iraniano.

“Ogni giorno raccogliamo più bersagli e obiettivi a un ritmo soddisfacente e impariamo a colpirli in modo efficace. Abbiamo già raddoppiato il numero di obiettivi in Iran, a prescindere dalle strutture nucleari. È molto diverso dalle operazioni tra le due guerre. Un confronto militare palese sarà una storia completamente diversa”, ha detto Y..

La sezione ha già condotto diversi giochi di guerra e presentazioni di scenari con squadre di esperti, alcuni dei quali non sono più in servizio attivo. Insieme ai rappresentanti di spicco delle unità di intelligence come l’Unità 8200 e l’Unità 9900, e con l’assistenza significativa delle sue controparti americane, il ramo dell’intelligence completa la mappatura della guerra che nessuno avrebbe mai immaginato di realizzare: la prima guerra Israele-Iran.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

La maggioranza dei russi approva i crimini di guerra di Putin

Next Story

E intanto ci sono trattative tra USA e Iran sul nucleare

Latest from Intelligence

Go toTop