Report e analisi

Iran – Argentina: sconvolgenti retroscena sull’attentato antiebraico del 1994

iran-argentina-Asociación-Mutual-Israelita Argentina

Negli ultimi 30 anni l’Iran ha costruito una rete terroristica di tutto rispetto in America Latina. A dirlo, fornendo tantissime prove, è un procuratore argentino, Alberto Nisman, che da molti anni indaga sulla rete terroristica iraniana e sull’attentato contro il centro della comunità ebraica di Buenos Aires che nel 1994 fece 85 vittime.

Secondo Alberto Nisman quell’attentato è stato organizzato dall’Iran con la complicità di Hezbollah. Le indagini hanno portato alla scoperta di una rete terroristica iraniana che agisce in tutta l’America Latina e in particolare in Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay, Cile, Colombia, Guyana, Trinidad e Tobago e Suriname. Il rapporto conclusivo presentato da Nisman (oltre 500 pagine di prove) è stato consegnato anche alle strutture antiterrorismo dei Paesi interessati e agli Stati Uniti. Alberto Nisman per l’attentato di Buenos Aires alla Asociación Mutual Israelita Argentina ha chiesto l’arresto di nove persone di cui otto iraniani e un libanese. Tra di loro anche nomi importanti come quello del Ministro della Difesa iraniano, Ahmad Vahidi, e l’ex capo delle Guardie della Rivoluzione, Mohsen Rezaie. Nisman ha chiesto all’Interpol di eseguire quanto prima gli arresti.

Ma quello che è emerso dalle indagini sull’attentato a Buenos Aires è, se vogliamo, ancora più preoccupante. Infatti, nel seguire la pista iraniana il procuratore Alberto Nisman si è imbattuto in una colossale rete terroristica che in pratica abbraccia tutta l’America Latina e che negli ultimi anni è diventata particolarmente attiva anche con intrecci piuttosto preoccupanti con i cartelli della droga e con il crimine organizzato.

Nei prossimi giorni Nisman si recherà in tutti i Paesi interessati dalla rete terroristica messa in piedi dall’Iran per coordinare le indagini e decidere come muoversi. Tuttavia non sarà un lavoro facile anche perché molti di quei Paesi hanno con l’Iran dei rapporti piuttosto buoni. La stessa Presidente argentina, Cristina Fernandez, si è mostrata molto titubante sul perseguire alti membri del Governo iraniano anche considerando che proprio lei ha perorato e ottenuto, lo scorso febbraio, l’istituzione di una commissione Iran – Argentina per fare luce sull’attentato di Buenos Aires, una decisione che ha scandalizzato la comunità ebraica argentina. E’ come fare delle indagini per un omicidio con l’assassino.

Sarah F.

Tags

Related Articles

Close